COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Benedetto il futuro dove ci stupiremo di non saper cosa pensare.

Chiamate in attesa (10)
a cura di Tolentino Mendonça.

fiore01

Credo che nei prossimi decenni, e in quelli successivi, e ancora in quelli che verranno, per molti millenni, l’umanità saprà cosa pensare. Non faccio parte dell’esclusivo club dei pessimisti storici; i discorsi sulla decadenza mi annoiano; così come, lo confesso, gli ottimismi mi deconcentrano. I fili con cui si cuce la storia non sono discendenti, né ascendenti: sono solo fili; quelli che si trova a vivere ogni tempo e ogni generazione. E la cosa più importante è che i fili resistono in infiniti modi, tanto nelle catastrofi come nei successi (e sa Dio quanto è difficile rinascere dopo gli uni e le altre!). Per questo credo che l’umanità del futuro saprà certamente cosa pensare. Non è difficile immaginare che i saperi, anche in nuovi ambiti, si svilupperanno e che in molti casi essi per noi rappresenteranno una sorpresa totale, non foss’altro perché li avevamo avuti per tanto tempo sotto il naso e non ne avevamo approfittato. Forse non era ancora venuto il loro momento. O forse lo era e noi lo avevamo clamorosamente mancato, fatto che dovremo ammettere. Non è difficile congetturare che sorgeranno nuove grammatiche per capire il mondo e intervenire su di esso, e che alcune ci confermeranno ciò che fummo mentre altre vi si opporranno, reinventando radicalmente metodi e intenti.

Ma in fondo che importa? Serve poco aggrapparci ai nostri punti di arrivo, come fossero gli unici legittimi, quando dovremmo cominciare prima di tutto con il benedire il futuro che ci dichiara superati. Benedetto il futuro che riderà di noi perché abbiamo confuso tutto: uno spostamento con il viaggio, un avvicinamento con l’incontro, il possesso delle cose con il loro uso, l’accumulo di beni con il loro sano godimento. Benedetto il futuro che ci criticherà per il nostro avere prodotto tanto e distribuito così male, per essere andati sulla luna e poi resistere tanto, ma davvero tanto, per giungere alla conoscenza del nostro proprio cuore. Benedetto il futuro in cui le tecnologie non saranno più un feticcio nelle mani del mercato, come adesso in larga misura accade, e diverranno uno strumento migliore per la vita di tutti, come è stato, per esempio, dell’aratro o della ruota. Benedetto il futuro che ci ispirerà stili di vita più essenziali, più attenti agli altri esseri umani ma anche a tutte le altre creature che con noi condividono questa misteriosa avventura, e delle quali sappiamo così poco. Il futuro saprà trovare lo spazio e l’espressione del loro pensare.

C’è una cosa, però, che sopra ogni altra desidero: che l’umanità che verrà ad abitare quello che per noi è il futuro si accorga spesso di non sapere cosa pensare. Che cioè si lasci sconcertare dall’inspiegabile splendore di ogni aurora; che rimanga senza parole davanti al mare, come coloro che l’hanno visto per la prima volta; che si senta irresistibilmente attratta dalle variazioni di colori, di volumi e di odori del paesaggio diurno e notturno; che si senta attraversata da un brivido al primo contatto con l’acqua; che mantenga la capacità di stupirsi davanti al modo in cui il vento trascina lontano le nostre voci felici; che guardi nello stesso modo indifeso la pioggia, i campi allagati in silenzio, le cose più piccole e vaste, il traffico delle nubi, la disseminazione dei papaveri che nei campi assomigliano a parole che sognano. Desidero ardentemente che l’umanità del futuro assapori l’imbarazzo per ciò che rimane incompiuto non per insufficienza ma per eccesso, e non si affretti a catalogare, a descrivere o imprigionare. Che il suo modo di comprensione sia un’altra maniera di mantenere intatto (o perfino di amplificarlo) lo stupore.

Avvenire 12/11/2015

Annunci

Un commento su “Benedetto il futuro dove ci stupiremo di non saper cosa pensare.

  1. El futuro es siempre un regalo de Dios para todos, pero debemos saberlo aprovechar!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 12/11/2015 da in Attualità, Società, Cultura, ITALIANO con tag , , , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.429 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
novembre: 2015
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

  • 158,574 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Advent Advento Africa Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Ateismo Avent Avvento Bellezza Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dio Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enzo Bianchi Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Famiglia Family Família Fede France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libro del Génesis Libro dell'esodo Libro della Genesi Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Missione Natal Natale Nigeria Noël Pace Padre nostro Padri del Deserto Pakistan Paolo VI Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paz Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione dei cristiani Pittura Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Spiritualità Sud Sudan Terrorismo Terrorismo islamico Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Violenza

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: