COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Parolin: l’agenda del viaggio in Africa resta invariata.

Il Segretario di Stato vaticano: si vedrà poi se compiere la tappa in Centrafrica. Giubileo, favorire il dialogo con le altri fedi, l’Islam soprattutto.

parolinA pochi giorni dagli atti di terrorismo a Parigi e a meno di dieci dal programmato viaggio papale in Africa, che toccherà Kenya, Uganda e Centrafrica, il Segretario di Stato Pietro Parolin è intervenuto in merito all’ultima tappa del viaggio nel Paese più a rischio e che papa Francesco ha scelto per aprire il Giubileo straordinario della misericordia.

«L’agenda resta invariata. Si vedrà poi in base alla situazione del momento, sul terreno, se compiere la terza e ultima tappa in Centrafrica» ha detto il cardinale Parolin, interpellato da Avvenire a margine del convegno teologico-pastorale iniziato ieri a Roma dall’Opera Romana Pellegrinaggi sul tema «Pellegrinaggio e misericordia nelle tre grandi religioni monoteiste».
«Il viaggio in Africa e il passaggio nella Repubblica Centrafricana è stato fortemente voluto dal Papa – ha ripreso il Segretario di Stato – il programma resta invariato secondo quanto il Papa desidera. Ma si può all’ultimo decidere diversamente se la situazione contingente non lo consente. Ne parlerò con il Santo Padre».

Riguardo alla sicurezza per il Vaticano Parolin afferma che non c’è nessun cambiamento. «Certamente  però – aggiunge – dopo quello che è successo a Parigi penso che non ci sia nessuno che possa sentirsi completamente tranquillo, neppure il Vaticano. Tuttavia i pericoli si affrontano. L’importante è non cedere alla paura, come stanno dimostrando diversi Paesi, anche la stessa Francia. In fin dei conti quello che questi terroristi vogliono è instillare il terrore nelle comunità. Bisogna andare avanti, è la maniera più utile e più efficace per rispondere a quanto è accaduto».

Il Segretario di Stato ha  poi risposto riguardo alla mancata visita in Vaticano del presidente iraniano Hassan Rohani, (dopo lo sviluppo dei rapporti con i Paesi europei e l’accordo sul nucleare che prevede adesso la sua applicazione) e che gli attentati parigini hanno indotto a rinviare. «Noi lo aspettiamo – ha detto Parolin – quando il presidente deciderà di ripianificare il suo viaggio. Da parte della Santa Sede c’è piena collaborazione».

Il Segretario di Stato ha quindi ribadito che «per superare il terrorismo è necessaria una mobilitazione generale. Quello che è successo deve farci riflettere tutti. Gli Stati hanno il dovere di difendere i propri cittadini da questi atti e di usare i possibili mezzi di sicurezza. Nello stesso tempo tuttavia è necessario continuare a lavorare perseverando perché veramente si crei un clima d’intesa di dialogo e di comprensione. Queste – afferma – non sono soluzioni immediate però sono le uniche per le quali si possono porre le basi per un mondo riconciliato, pacifico».

La Santa Sede sostiene anche l’azione della Russia di Putin in questo senso? «Non sostiene direttamente le determinazioni concrete. Certo, la Santa Sede – come ha fatto varie volte – afferma la legittimità di fermare l’ingiusto aggressore, ma sulle modalità è la Comunità internazionale, all’interno del quadro giuridico internazionale, che deve trovarsi d’accordo e trovare anche le forme per farlo».
«Quindi – ha spiegato – innanzitutto è necessaria la volontà politica di combattere il terrorismo. Ci deve essere da parte di tutti un serio impegno in questo senso. Il fatto di farlo insieme mi sembra molto importante e in questi giorni si sta sottolineando proprio questo aspetto. È decisivo un sussulto da parte della Comunità internazionale per trovare le modalità di operare insieme e combattere questo flagello dell’umanità. E poi c’è da perseguire la strada più lunga, che è alla fine è quella che si rivela vincente: trovare le modalità di dialogo e fare anche riferimento alle risorse spirituali delle varie religioni perché possano aiutare e collaborare in questa lotta».

La preparazione del Giubileo quindi continua. «Non ci sono decisioni che ne interrompono lo svolgimento» ha affermato. E in merito al grande valore delle religioni per superare l’odio e favorire la riconciliazione il Segretario di Stato ha ricordato che Papa Francesco aveva già auspicato nella Bolla d’indizione come «questo Anno Giubilare vissuto nella misericordia possa favorire l’incontro con l’ebraismo e l’islam e con le altre nobili tradizioni religiose. Rendendoci più aperti al dialogo per meglio conoscerci e comprenderci eliminando ogni forma di chiusura, di disprezzo e ogni forma di violenza e di discriminazione».
«E questo» ha detto il Segretario di Stato «in particolare con l’Islam «perché l’Islam, tra i nomi attribuiti al Creatore, pone quello di Misericordioso e Clemente. E può essere un punto di contatto con la visione cristiana della vita. I musulmani autentici  rigettano la violenza compiuta in nome di Dio e manifestano bontà».

Nel corso del Giubileo ci potranno quindi essere iniziative particolari con i fedeli musulmani? «Non so se ci saranno. Ma bisognerà pensare eventualmente la maniera di coinvolgere i musulmani. Penso che forse potranno essere previsti alcuni momenti d’incontro di carattere ecumenico o interreligioso».

Stefania Falasca,
Avvenire 17 novembre 2015

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 17/11/2015 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , , , , , , .

  • 704.285 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 778 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: