COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Padre Kizito: in Kenya sempre più forte divario tra ricchi e poveri.

in Kenya sempre più forte divario tra ricchi e poveri

Il Kenya negli ultimi anni ha avuto uno sviluppo disordinato. In particolare Nairobi, dall’ultima visita di San Giovanni Paolo II nel 1995, ha visto grandi cambiamenti, ma non a vantaggio di molti come afferma padre Renato Kizito Sesana, missionario comboniano, da trent’anni nella capitale keniana. Ascoltiamo la sua testimonianza al microfono di Fabio Colagrande.

R. – E’ cambiata in un modo impressionante: la differenza tra ricchi e poveri è diventata molto grande. Nairobi è diventata una metropoli: 20 anni fa era una città di provincia, oggi è una metropoli con 6 milioni di abitanti e la parte ricca non ha niente da invidiare a Milano. E’ molto più impressionante l’impatto dei grattacieli di Nairobi che non l’impatto che si può avere arrivando a Milano; senza dubbio, anche alla Milano dell’Expo. Dall’altra parte, invece, i poveri continuano ad esserci e continuano ad essere sempre più poveri. E’ incredibile come 20 anni fa si poteva andare in uno slum e trovare persone che vivevano in situazioni indegne di esseri umani, situazioni da animali, da topi, e questa situazione esiste ancora. Non è cambiato niente! Dove c’erano le villette, adesso ci sono i grattacieli; dove c’era gente che viveva di fianco alle fognature, c’è ancora gente che vive di fianco alle fognature…

D. – La Chiesa che è in Kenya, in Uganda e nella Repubblica Centrafricana, quale scossa riceverà da questa visita del Papa? Quali frutti davvero potrà dare la presenza di Francesco in queste terre?

R. – Io penso che sarà un rinnovato impegno della Chiesa a favore dei poveri. Questo è il tema centrale del Pontificato di Papa Francesco. La gente lo percepisce chiaramente, lo percepisce benissimo attraverso le sue parole, i suoi discorsi, ma anche attraverso i suoi gesti. Basta essere in mezzo alla gente quando c’è un programma radio o un programma televisivo di questi giorni in cui  si parla del Papa: i commenti di tutti – e di questo io sono rimasto sorpreso – anche di gente che magari parla a stento l’inglese, fa fatica a esprimersi, guardando la televisione, guardando le immagini, dice: “E’ una persona buona. E’ una guida buona. E’ una persona che ci può insegnare la buona via, il buon cammino”. E’ istintivo e lo percepiscono tutti! Questo viene esaltato mille volte, perché in Africa le cose cominciano quando ci si incontra: ho la sensazione che il primo incontro di questo Papa con l’Africa – soprattutto a Nairobi, dove la gente può andare a vederlo e sentirlo di persona – potrà segnare un cambiamento molto forte nella nostra Chiesa.

D. – L’Africa che Papa Francesco ha definito “il continente sfruttato”, in questi giorni in cui verrà visitato da Papa Francesco, darà anche un messaggio al resto del mondo, il cosiddetto resto del mondo ricco, l’Occidente?

R. – Vivendo da tanto tempo con i poveri, qui nei quartieri di Nairobi, io sono rimasto sempre sorpreso del fatto che la gente che vive in situazioni che – le prime volte che le ho conosciute – trovavo scioccanti, questa gente riesce a sperare, riesce a credere. Qui c’è gente che ha fede; c’è gente per la quale la religione è una cosa importante della vita; c’è gente che non solo riesce a credere e a sperare, ma riesce ad essere contenta, riesce a credere nella vita che ha, nel valore della vita, nel valore delle relazioni umane che sono al centro delle culture africane. Spero che venga di ritorno dall’Africa questo messaggio: “Sì, siamo il continente degli sfruttati, degli scartati; ma siamo anche gente che sa vivere, che ha fede, che ha speranza, che guarda al futuro con gioia, che non è disperata”.

http://it.radiovaticana.va
26/11/2015

Un commento su “Padre Kizito: in Kenya sempre più forte divario tra ricchi e poveri.

  1. Es el gran don de la ESPERANZA, que todos esperan de su Presencia en África.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 26/11/2015 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , , , , , , .

  • 351.715 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 762 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: