COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Giubileo (1) «Bangui capitale spirituale del mondo»

«Bangui capitale spirituale del mondo»

Papa Francesco nella Repubblica Centrafricana apre la Porta Santa e dà il via al Giubileo «Oggi da questo luogo chiediamo la pace. Evitate la tentazione della paura dell’ altro». «Oggi Bangui diviene la capitale spirituale del mondo. In questa terra sofferente ci sono anche tutti i Paesi del mondo che passano per la croce della guerra». Francesco resta un istante sospeso, le mani posate sulle assi di legno del portale al centro della facciata di mattoni rossi. I missionari li impastarono ottant’anni fa con la terra che si vede ai margini delle strade e colora il fiume Ubangi. È tutto così diverso da ciò che si vedrà a San Pietro l’ 8 dicembre.

«L’ Anno Santo della Misericordia viene in anticipo a questa terra». Caschi blu, mezzi corazzati dell’ Onu in tutta la città, cecchini sui palazzi in rovina e decine di migliaia di persone in festa, le donne e i bimbi col vestito buono, le bambine con le trecce ornate di perline e nastri colorati, un uomo che sorride ai giornalisti: «Per voi niente pericolo, sicurezza , state tranquilli, vi vogliamo bene». Sono le 17.13 quando Francesco apre i battenti della Porta Santa, primo Pontefice nella storia a farlo fuori da Roma. Le milizie musulmane, gli «anti-Balaka» cristiani, massacri, case bruciate. Il Papa ha scelto una zona di guerra, la guerra civile che dura da quasi tre anni. «In questa prima domenica di Avvento, tempo liturgico dell’attesa del Salvatore e simbolo della speranza cristiana, Dio ha guidato i miei passi fino a voi, su questa terra», dice solenne nell’omelia. Il perdono dei nemici «contro la tentazione della vendetta e la spirale delle rappresaglie senza fine». Dio che «è giustizia e innanzitutto amore». Si rivolge ai fedeli: «Anche quando le forze del male si scatenano, i cristiani devono rispondere a testa alta, pronti a resistere in questa battaglia in cui Dio avrà l’ ultima parola: e sarà d’ amore!». Poi sillaba: «A tutti quelli che usano ingiustamente le armi di questo mondo, io lancio un appello: deponete questi strumenti di morte, armatevi piuttosto della giustizia, dell’ amore e della misericordia, autentiche garanzie di pace».

Prima di entrare in chiesa, ha parlato a braccio ai fedeli rimasti fuori: «Bangui diviene capitale spirituale per la preghiera della misericordia del Padre. Tutti noi chiediamo pace, misericordia, riconciliazione, perdono, amore. Per Bangui, il Centrafrica e tutto il mondo». In lingua sango fa ripetere: Ndoye Siriri , amore e pace!

I primi a salutarlo sono stati al mattino i profughi che vivono nelle baracche ai margini dell’aeroporto protetto dai soldati. Bambini sui prati lungo la pista, bandierine e immagini sacre, ragazzi che giocano a pallone. Chi scende dal volo papale viene fatto salire su pulmini con la scritta «UN», un casco blu al volante e accanto un altro armato. Il Papa percorre quattro chilometri con l’auto chiusa e cinque su quella aperta. Al campo profughi bambini e famiglie lo circondano, stringe mani, carezza i bambini, sembra non voler andare più via. «È arrivato il Signore, per noi cambierà tutto», spera una donna. Stamattina Francesco andrà alla moschea. Alle autorità ha chiesto «unità, dignità e lavoro». Poi ha esortato a evitare «la tentazione della paura dell’ altro, di ciò che non ci è familiare, non appartiene al nostro gruppo etnico, alle nostre scelte politiche o alla nostra confessione religiosa».

lunedì 30 novembre 2015
Corriere della Sera
Gian Guido Vecchi

2 commenti su “Giubileo (1) «Bangui capitale spirituale del mondo»

  1. giuma56
    30/11/2015

    L’ha ribloggato su giroblogando.

    "Mi piace"

  2. El Señor nos pide y nos brida la PAZ PARA TODOS!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

  • 350.635 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 760 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: