COMBONIANUM – Formazione e Missione

— Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA — Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa — Blog of MISSIONARY ONGOING FORMATION — A missionary look on the life of the world and the church

Dentro la bellezza (84)

Abete, l’albero della vita che torna accessibile.

Gli alberi natalizi non sono un prodotto consumistico opposto al vero Natale espresso dal Presepio; al contrario, essi completano il significato profondo dell’umiltà della grotta: è nato il Salvatore che riapre all’uomo l’accesso albero della vita (=l’abete).

Un celebre canto natalizio di matrice tedesca s’intitola Oh Tannembaum! Ovvero: Oh Albero! L’albero di Natale si è diffuso fra i cristiani d’oltralpe soprattutto in epoca romantica, grazie anche al celebre Wolfgang Goethe (1749 –1832) il quale, benché non fosse particolarmente religioso, aveva una predilezione per le tradizioni antiche, soprattutto per quella dell’albero. La fortuna dell’albero di Natale tuttavia ha radici che precedono la divisione fra cattolici e protestanti e lo testimoniano diverse opere d’arte. In epoca medioevale, il 24 dicembre, si celebrava il gioco di Adamo ed Eva (Adam und Eva Spiele) durante il quale, adornando alberi con frutta e dolci, si rendeva omaggio alla vita eterna perduta dai progenitori, ma riacquistataci da Cristo con la sua Incarnazione.

4 Adamo ed Eva, l’albero della vita e l’albero della morte. Messale di Salisburgo 1489

Lo testimonia una miniatura salisburghese del 1489, dove la festa di Adamo ed Eva è collegata al Corpus Domini e, sotto l’albero primordiale, Eva coglie e distribuisce mele, mentre Maria dispensa ostie. Tra gli alberi l’abete in particolare, poiché sempre-verde, è diventato simbolo dell’albero di vita che riapre all’uomo il paradiso perduto. Del resto la parola a-bete (come alfa-beto) deriva dalle prime due lettere delle lingue principali della Bibbia (ebraico e greco): alef e beth; alfa e beta.

Lucas Cranach il vecchio, artista del XVI secolo, prima di aderire alla riforma protestante, diventando amico e confidente di Lutero, fu ripetutamente un cantore della Vergine Maria. Proprio a lui è attribuito un dipinto dal titolo «Madonna tra gli abeti», dove la giovane Madre con i capelli sciolti, simbolo di verginità, guarda intensamente il divino Infante che regge un grappolo d’uva. Un velo trasparente, segno di purezza, avvolge tanto il capo della madre che il corpo del bambino. Alle spalle due alberi: la betulla, che per il biancore del suo tronco rimanda al latte materno, e l’abete.

4 Lucas Cranach, Madonna tra gli abeti

Con tali simboli il pittore designava Cristo quale nuovo Adamo che dispensa un cibo eterno, l’Eucaristia (=l’uva), e Maria la nuova Eva, per la quale si ha di nuovo l’accesso albero della vita (=l’abete). Per la sua forma triangolare, questa conifera fu presa quale simbolo della Trinità e, per significarne il carattere religioso, i suoi primi addobbi furono, appunto, mele e ostie, vale a dire: il frutto dell’eden e il pane di vita dispensato da Cristo. Cranach rappresentando l’abete in varie sue opere, intese significare la grazia dell’opera redentiva della Trinità. Dunque gli alberi natalizi non sono un prodotto consumistico opposto al vero Natale espresso dal Presepio; al contrario, essi completano il significato profondo dell’umiltà della grotta: è nato il Salvatore che riapre all’uomo l’accesso albero della vita (=l’abete).

Gloria Riva, Avvenire 02/01/2014

 

Annunci

Un commento su “Dentro la bellezza (84)

  1. giuma56
    22/12/2015

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 22/12/2015 da in Arte, Dentro la bellezza, ITALIANO con tag , , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 526 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com
dicembre: 2015
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

  • 222.813 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: