COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Giubileo (23) Aprite quella porta.

Papa Francesco ha aperto la Porta Santa a San Giovanni

Quante porte sante si apriranno in questo mese di dicembre. Quante saranno davvero simbolo? Quante significheranno davvero lo spalancarsi del cuore di Dio sull’umanità più misera, imperdonabile?

Aprire una porta è un simbolo. Il simbolo è etimologicamente unione di due realtà, forma e contenuto. Il suo contrario è, sempre etimologicamente, il diavolo: colui che divide. Porre le mani su due ante per spingerle in avanti e aprirsi un varco può essere un gesto rituale stanco, visto e rivisto. Una forma, senza anima. Il portone può essere istoriato e decorato da un grande maestro. Il movimento accompagnato da canti sopraffini ed eseguito con ieratica supponenza. Oppure la porta può essere un cancello di legno verniciato di fresco e l’apertura può avvenire nel silenzio, in modo sobrio, quasi imbarazzato. Quante porte sante si apriranno in questo mese di dicembre a imitare quel gesto compiuto in San Pietro l’otto dicembre. Quante saranno davvero simbolo? Quante significheranno davvero lo spalancarsi del cuore di Dio sull’umanità più misera, imperdonabile? La vera possibilità di riscatto per coloro che non si meriterebbero nulla, per i più dimenticati al mondo?

Francesco parlando all’Onu, nel settembre scorso, ha chiesto ai grandi del mondo di fuggire la tentazione del “nominalismo declamatorio con effetto tranquillizzante sulle coscienze”. Delle parole senz’anima. Al numero 231 dell‘Evangelii Gaudium chiede alla Chiesa di evitare i “nominalismi dichiarazionisti”. E sembra chiederlo sempre anche a se stesso. Nessuna parola resta bidimensionale nella sua predicazione, ma si fa carne mentre è pronunciata, diviene, com’è stato scritto, ‘performativa’. Così come, nessun gesto è un flash-mob per intrattenere la folla, ma rimanda, come l’invito a darsi la mano e ad alzare le braccia fatto nello stadio di Nairobi, a una reale urgenza, come, in Kenya, la necessità dell’unità per combattere le divisioni del tribalismo. Il Papa che condanna l’abuso dello smart-phone nelle situazioni conviviali familiari, mima efficacemente il gesto del telefonista inebetito. Al telefono con il direttore di TG2000, a poche ore dagli attacchi di Parigi, Francesco non sa cosa dire, è esterrefatto dalla disumanità di quei gesti. Non osa ragionare, sovrapporre la nuda, inutile, logica teologica, a quei corpi trucidati al Bataclan, ma incarna nella voce incerta l’inspiegabilità della sofferenza.

Gesti e parole che non sono vuota retorica, ma non sono neanche semplice comunicazione di idee, sono realtà.

“Il criterio di realtà, di una Parola già incarnata e che sempre cerca di incarnarsi, è essenziale all’evangelizzazione”, ha scritto ancora il Papa nell’Evangelii Gaudium. “Non mettere in pratica, non condurre la Parola alla realtà, significa costruire sulla sabbia, rimanere nella pura idea e degenerare in intimismi che non danno frutto, che rendono sterile il suo dinamismo”, ha affermato il 10 novembre incontrando a Firenze i partecipanti al Convegno ecclesiale nazionale italiano.

Mettere in atto gesti concreti di misericordia, riconciliazione, solidarietà che incarnano la Parola, questa è la missione della Chiesa. Questo ci ha detto Francesco aprendo, contro tutto e contro tutti, il Giubileo straordinario a Bangui, nel cuore di un continente insanguinato, misero e sfruttato.

di Fabio Colagrande | 03 dicembre 2015
http://www.vinonuovo.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 22/12/2015 da in Fede e Spiritualità, Giubileo, ITALIANO con tag , , .

  • 311.313 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 708 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: