COMBONIANUM – Formazione e Missione

— Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA — Uno sguardo missionario sul mondo e sulla Chiesa — MISSIONARY ONGOING FORMATION — A missionary look on the world and the Church

Dentro la bellezza (88)

La noce, simbolo dell’uomo e della divinità.

Potrebbe fungere da portale per la settimana dell’unità, l’opera giovanile di Piero della Francesca, che raffigura il Battesimo di Gesù.

06 Piero della Francesca, Battesimo di Cristo

Benché l’artista aretino, morto nel 1492, non abbia conosciuto la successiva divisione fra Chiesa cattolica e Chiesa protestante, sullo sfondo egli cita – nei personaggi in foggia orientale – il Concilio di Firenze che tentò un accordo fra cattolici e ortodossi proprio sulla Trinità. L’opera offre un’intensa meditazione sul mistero trinitario, di cui il battesimo di Gesù è la prima epifania, ma nei suoi particolari si presta a diverse interpretazioni.

Non può sfuggire l’albero in primo piano il cui tronco bianchissimo è in totale corrispondenza con il candore della carne di Cristo. Si tratta di un noce, citazione allusiva alla valle di Nocea, dove, secondo la leggenda, i due fondatori della città di San Sepolcro (ritratta sullo sfondo) ebbero l’impulso a fondare la prima chiesa della futura città.

La noce compare anche in altre opere d’arte, soprattutto nelle nature morte e già sant’Agostino la indicava come simbolo di Cristo: il mallo sta per la carne di Gesù, il guscio allude alla croce e il gheriglio alla natura divina di Cristo. I tre angeli, riletti alla luce dell’episodio di Abramo alle querce di Mamre, sono le tre persone divine. L’angelo dietro l’albero raffigura Cristo che morì affisso sul legno (di noce) della croce.

La noce, proprio nelle sue parti, è anche simbolo dell’essere umano: il mallo è la carne, il guscio le ossa e il candido gheriglio interno la sua anima. Cristo assumendo, dunque, la nostra carne umana e, purificandola mediante la passione, l’ha reintegrata nella bellezza originaria. Infatti, nel dipinto di Piero, il neofita ritratto sullo sfondo, che ha ricevuto (o si appresta a ricevere) il battesimo, ha lo stesso incarnato bianchissimo del Cristo e dell’albero di noce.

06 Giuseppe Arcimboldo L'ortolano o Ortaggi in una ciotola (Natura morta reversibile) 1590

Come tutti i simboli, la noce possiede un’ambivalenza di significato. Un autore eccentrico del XVI secolo, Giuseppe Arcimboldo, in uno dei suoi dipinti reversibili, cioè osservabili anche capovolti, inserisce la noce. Un quadro, oggi a Cremona, raffigura ortaggi in un vaso tra i quali si vede il mallo di una noce spezzata, segno della fertilità della terra. Guardato capovolto il dipinto offre invece il volto di un ortolano che ha per occhio proprio la noce. L’Arcimboldo, attento alle simbologie, ha voluto così indicare come la fecondità di un’esistenza dipenda dal modo con cui l’uomo guarda la realtà. La noce nella sua ambivalenza di segno, frutto del bene o del male, esprime tale modalità.

06 Noce di BeneventoLa famosa noce di Benevento – del resto – si ricollega alle stregonerie (sabba), praticate sotto il noce nella notte di San Giovanni. Per esorcizzare questi riti infausti invalse perciò l’uso di raccogliere le noci per realizzare il nocino – una sorta di panacea della salute – nel giorno di san Giovanni Battista, il 24 giugno.

Il battesimo, dunque, ci restituisce a quella bellezza di cui si godeva all’ombra dell’albero della vita e della conoscenza del bene e del male, simboleggiati appunto nei due alberi di Piero della Francesca, sotto i quali dimorano gli angeli.

Gloria Riva, Avvenire 16/01/2014

 

Annunci

Un commento su “Dentro la bellezza (88)

  1. giuma56
    10/01/2016

    L’ha ribloggato su giroblogandoe ha commentato:
    http://girobloggando.blogspot.it/

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 10/01/2016 da in Arte, Dentro la bellezza, ITALIANO con tag .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 481 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com

  • 206.659 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: