COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Dentro la bellezza (89)

Il bastone, segno di comando e guida divina.

Il bastone, segno del comando e della guida divina, appare ripetutamente nella Sacra Scrittura quale strumento dei voleri divini. 

07 Michelino da Besozzo, Sposalizio della Vergine, 1435 circa

La narrazione apocrifa vuole che alcuni discendenti di Giuda, i quali potevano ambire a prendere in moglie la vergine Maria, dovessero consegnare al sommo sacerdote un bastone con inciso il loro nome. Il bastone che fosse fiorito all’ombra del Sancta Sanctorum, avrebbe indicato il prescelto.

Ed ecco che rompe il bastone con rabbia il mancato pretendente di Maria: lo racconta spesso l’iconografia dello Sposalizio della Vergine dove protagonista, più che l’anello nuziale, è il bastone dello sposo. Lo si vede chiaramente in un’opera di Michelino da Besozzo, miniaturista del Gotico Internazionale, attivo in Lombardia tra il 1388 e il 1455.

Nel suo «Sposalizio della Vergine» spicca, è vero, l’anello nuziale sull’abito giallo del sacerdote ma, centro vero del dipinto, è il bastone di Giuseppe che s’innalza verso le volte, in corrispondenza del rosone. Sul bastone verdeggiano timidi virgulti e riposa pacifica la colomba dello Spirito Santo, segno dell’illibatezza degli sposi.

Rispetto a opere dall’analogo soggetto, sorprende la scelta di Michelino di collocare al centro del dipinto proprio San Giuseppe e il suo bastone fiorito; Maria e le donne, infatti, controbilanciano un altro gruppo di personaggi collocati alla sinistra dell’opera. Lì sono ben visibili altri bastoni: due giovani li stanno spezzando con gesti di stizza, mentre un terzo, confinato nell’angolo estremo, porta il bastone alla bocca, volendolo quasi ingoiare.

07 Trittico della Vergine dell'Unicorno, realizzato nel 1425 da un anonimo Maestro di Colonia

Il bastone, segno del comando e della guida divina, appare ripetutamente nella Sacra Scrittura quale strumento dei voleri divini. Nel cosiddetto Trittico della Vergine dell’Unicorno, realizzato nel 1425 da un anonimo Maestro di Colonia, un bastone fiorito fa bella mostra di sé sopra un altare, mentre altre due verghe, poste ai suoi lati, sono spoglie. Davanti all’altare, in ginocchio, Aronne, fratello di Mosè, tiene una mano levata in segno di stupore, mentre con l’altra tocca l’altare. L’episodio allude a un passo del libro dei Numeri che la tradizione cristiana applica alla Vergine Maria. Numeri 17 narra, infatti, che rappresentanti delle dodici tribù, le quali avevano mormorato contro Mosè e gettato in discredito il sacerdozio di Aronne, portarono un bastone nel tempio con inciso il nome di ciascuno. Fiorì solo quello di Aronne e da quel momento la sua verga fiorita riposò nell’arca dell’alleanza quale perenne intercessione per la salvezza del popolo.

Ecco perché, il buon Michelino, volle così centrale il bastone di San Giuseppe! Il pio attributo del Santo non è solo segno della sua purezza, ma è memoria della fedeltà di Dio a una storia d’amore con il suo popolo. Il bastone è anche l’inseparabile compagno del pastore che guida il gregge, cosicché, nell’ambito del sacerdozio cristiano, distintivo del vescovo è proprio il pastorale, memoria perenne della verga fiorita all’ombra della shekinà, prima di Aronne poi di Giuseppe e, quindi, segno certo della guida divina.

Gloria Riva, Avvenire 23/01/2014

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 17/01/2016 da in Arte e fede, Dentro la bellezza, Fede e Spiritualità, ITALIANO.

  • 489.487 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 896 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: