COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Viaggio del Papa in Messico (1) Sviluppo con miseria e iniquità sociale

messico-disuguaglianza-sociale

In Messico i poveri sono il 46,2% della popolazione (oltre 55 milioni di messicani) e il 9,5% vive in situazione di estrema povertà [1]

(1) II “viaggio breve” di Papa Francesco in Messico sarà un “viaggio dilatato” nell’intera regione latinoamericana. Sviluppo con miseria e iniquità sociale.

Il Viaggio di Papa Francesco in Messico (12-18 febbraio 2016), per visitare le comunità ecclesiali e i popoli di tre regioni diverse del Paese (centro, sud e nord), di per se è una sorta di viaggio nel profondo del cuore e dell’anima dell’intera America Latina, dal Rio Grande alla Patagonia. E’ vero che il Santo Padre ha già visitato cinque Nazioni della regione (Brasile, Ecuador, Bolivia, Paraguay e Cuba), ma è anche vero che questo suo XII Pellegrinaggio apostolico  internazionale è un vero e solido paradigma dell’intera regione (Nordamerica, America Centrale, Caraibi/Antille e Sudamerica). E qui, in sei giorni, il Santo Padre vedrà sfilare davanti a se le principali situazioni di tutti i popoli latinoamericani poiché, in questo senso, soggiornare in Messico può essere una sorta di viaggio breve per avere una panoramica dilatata di tutte le regioni dell’area.

Nelle città del Messico che attendono il Papa, Francesco toccherà con il cuore del suo magistero e con le mani della sua fisicità pastorale le principali sfide e le angosce nonché le speranze e i sogni di 32 nazioni (21 continentali e 11 insulari) dell’area dove vivono, e a volte sopravvivono, oltre 600 milioni di abitanti (63% della popolazione del continente americano) [2]. Ogni cosa che il Santo Padre vedrà in Messico così come ogni situazione che affronterà fa parte della realtà di tutta l’America Latina e, in quest’ottica, possiamo dire che la grande nazione messicana riassume in se le realtà sostanziali dell’odierno momento storico di tutta l’area.

Viaggio di Papa Francesco in Messico

La crisi interminabile e lo sviluppo con miseria

Papa Francesco, in Messico, metterà piedi in una nazione dove i suoi oltre 119 milioni di abitanti da molti anni subiscono gli effetti di una crisi economico-finanziaria e ovviamente sociale che oltre ad essere quasi cronica ha aggravato la peggiore e più pericolosa emergenza latinoamericana: l’iniquità sociale, la più grave e profonda del mondo. In Messico, soprattutto nella capitale federale, il Santo Padre vedrà davanti ai suoi occhi l’ignominia dello “sviluppo con miseria”, e cioè, il divario scandaloso di ricchi sempre più ricchi e poveri sempre più poveri: le  elite  del consumo sfrenato e del “american way of life” accanto a schiere inesauribili di poveri e impoveriti: poveri da sempre e poveri recenti.

L’iniquità sociale latinoamericana – con un 29/30% di popolazione in condizioni di povertà grave – non ha fatto altro che approfondire e aggravare l’esclusione sociale e quest’accresciuta e galoppante iniquità è la misura della povertà così come lo spreco e l’arroganza classista sono la misura della ricchezza. La particolare gravità della situazione è semplice e per nulla difficile da capire: è la condizione economica di milioni di poveri e esclusi ciò che finanzia la ricchezza di pochi inclusi e eletti. Le dinamiche più deleterie della crisi economico-finanziaria hanno scaricato il peso del fardello sui più deboli e intanto la politica è stata incapace di introdurre correttivi e palliativi. Secondo la Cepal (Commissione Economica ONU per l’America Latina) e l’Unicef qualche anno fa i bambini latinoamericani in condizioni di povertà erano 81 milioni e oggi sono oltre 100 milioni.

L’iniquità sociale latinoamericana, superata solo dalla regione subsahariana, è un paradosso. E’ vero che da un lato almeno 100 milioni di latinoamericani sono “usciti” dalla povertà, ma le politiche ridistributive, deboli e insufficienti, non hanno cambiato sostanzialmente la realtà complessiva dell’area poiché la distanza che separa queste persone dai più ricchi praticamene non è cambiata rispetto a 10 o 15 anni fa. Sono persone statisticamente meno povere di prima ma ugualmente povere dal punto di vista esistenziale. Secondo la Banca Mondiale nella regione l’iniquità sociale è pari a 52,9 [3] e l’esclusione è in crescita perché le stratificazioni sociali (sulle quali la politica è sorda e indifferente) sono sostanzialmente quelle del periodo coloniale, dunque, poche o scarse opportunità; accesso al potere esiguo e formale; mobilità sociale nulla, partecipazione democratica minima e limitata spesso solo al diritto formale (votare); politiche fiscali e tributarie favorevoli ai più ricchi e fortemente punitive con i più poveri (più due terzi delle imposte sono sul consumo o indirette). Si aggiunga a tutto ciò quanto già denunciato addirittura dal Fondo Monetario Internazionale: una mostruosa fuga di capitali che i governi non contrastano, anzi, spesso la favoriscono e l’evasione fiscale è fra le più imponenti delle economie occidentali.

Luis Badilla
a cura Redazione “Il sismografo”

[1] Consejo Nacional de Evaluación de la Política di Desarrollo Social (Coneval)
[2] Popolazione – USA e Canada  = 353 milioni di abitanti
USA – 314 milioni (2014), Canada – 35 milioni (2014)
[3] Iniquità sociale – Indice
Africa Sub sahariana – 56,5; Asia – 44,7; Europa dell’Est e Asia Centrale – 34,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 30/01/2016 da in Attualità ecclesiale, Attualità sociale, ITALIANO con tag , , , .

  • 352.881 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 765 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: