COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Insonni e iperattivi non sappiamo più abitare il presente

Chiamate in attesa (23)
A cura di Tolentino Mendonça.

Insonni e iperattivi non sappiamo più abitare il presente

Quando telefonavamo coi telefoni fissi, era normale chiedere: «Pronto?… Ci sei?», pur sapendo che non poteva essere diversamente, visto che qualcuno, all’altro capo del filo, stava rispondendo alla nostra chiamata. Con la proliferazione dei cellulari abbiamo smesso di ricorrere al retorico «Pronto?…» e la domanda più frequente è diventata: «Dove sei?». Siamo tutti caduti in una deterritorializzazione che non è solo linguistica o tecnologica. Abbiamo smesso di «esserci» e anche di «sapere di esserci». Adesso siamo fluttuanti, sporadici, disancorati e vaghi. Ci sentiamo obbligati a vivere sette vite in un giorno solo, ci muoviamo ansiosi, come disincontrati.

Siamo diventati una generazione di insonni. Non sappiamo più cosa sia abitare serenamente il tempo. Dagli orari dilatati di lavoro alle sollecitazioni di una comunicazione praticamente ininterrotta, entriamo in un ciclo nervoso di attenzione, attività e consumo. «Sbrigati, sbrigati» è il comando di una voce che ci imprigiona e di cui non vediamo mai il volto… proprio mai. «Vai di qua, vai di là». Ma dove andiamo? Forse, se dovessimo spiegare le ragioni profonde dei nostri movimenti vertiginosi, della nostra crescente accelerazione, della permanente segmentazione in esperienze differenti, non sapremmo cosa dire. E anche da qui, da questo vuoto di risposte, preferiamo fuggire.

Il tempo più difficile da abitare è il presente. Non è il passato. Il passato è in gran parte un tempo confortevole, anche quando ci schiaccia. In fondo ci dà sollievo il fatto che il bambino che ha ancora paura dei cani si accorga che quello messosi ad abbaiare, proprio vicino a lui, in realtà è legato. Il passato sta in un suo posto ben definito, anche se ci spaventa quanto completamente sbagliato possa essere. Lo stesso possiamo dire del futuro. Quantunque ci pesi tutta la sua indeterminazione, o i cattivi pronostici, manteniamo nei suoi confronti un’aspettativa che non è mai totalmente chiusa. “Chissà?”, insistiamo tra noi e noi. Ma dal presente, dalla pressione del presente, dalla sua irrefutabile fattualità, come vorremmo fuggire!

La sapienza greca (che in un modo o nell’altro forma tutti noi) rappresenta l’esperienza del tempo con il mito di Kronos, il dio implacabile che mangia i suoi propri figli! Ed è questa, spesso, l’esperienza di consunzione, di divoramento, esperienza inesorabile di perdita, che noi facciamo. Nelle nostre vite è scomparso lo spazio per il presente, perché sentiamo il presente come una deglutizione infinita in cui siamo, nostro malgrado, presi. In verità ci accorgiamo del tempo solo quando è passato, così come ci rendiamo conto di cosa sono le cose quando esse non sono più. Ma gli stessi greci ritenevano che il kronos non esaurisce tutte le possibilità del tempo; utilizzavano infatti, accanto a questa, un’altra denominazione: kairós, ovvero il tempo come opportunità. Penso che la nostra vita oscilli molto tra queste due categorie: il kronos, il tempo che ci divora, e il kairós, questo tempo interiore che ci dice: è ora, può essere ora; è qui, può essere qui. Accetteremo il presente quando avremo compreso che questo tempo fragile, arido, volubile, incompiuto e vertiginoso, è attraversato da un’altra possibilità di intendere il tempo.

È forse necessario imparare a disapprendere, per avvicinarci a quello che Pessoa scrisse, quasi come una mappa: “La meravigliosa realtà delle cose/ E la mia scoperta di tutti i giorni./ Ogni cosa è ciò che è,/ È difficile spiegare a qualcuno come ciò mi rallegri,/ E quanto mi basti”. Per questo, la maniera più incisiva di pensare il futuro è pensare a quel che esso sarà quando sarà vissuto come presente.

Avvenire 18/2/2016

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 18/02/2016 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , , .

  • 506.244 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 913 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: