COMBONIANUM – Formazione e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

«Potenti agiscano contro persecuzione»

«Potenti agiscano contro persecuzione»

La sofferenza e il martirio di cristiani di diverse confessioni come seme di ritorno alla piena comunione delle Chiese cristiane. Lo ha ribadito il Papa nella udienza a Abuna Matthias I, patriarca della Chiesa Ortodossa Tewahedo Etiopica. “Le sofferenze condivise – ha rimarcato papa Francesco – hanno fatto sì che i cristiani divisi si avvicinassero gli uni agli altri, nello stesso modo in cui lo spargimento del sangue dei martiri è diventato seme” della fede, “oggi il sangue di così tanti martiri appartenenti a diverse chiese diventa seme di unità dei cristiani”.

“I martiri di tutte le tradizioni – ha rimarcato il Pontefice – sono già una cosa sola in Cristo, i loro nomi sono scritti nell’unico martirologio della chiesa di Cristo” e questo “è un invito a noi a percorrere il cammino verso una unità sempre più piena”.

La Chiesa ortodossa d’Etiopia appartiene alla “famiglia” delle “Chiese ortodosse orientali”. Questa Chiesa, unica nel suo genere, ha mantenuto diverse pratiche ebraiche, come la circoncisione, il rispetto delle regole alimentari e l’osservanza dello shabbat del Sabato e della Domenica. La liturgia etiope è di origine alessandrina (copta) ed è influenzata dalla tradizione siriaca. La liturgia è stata sempre celebrata nell’antica lingua Gèez fino a tempi molto recenti. Oggi una traduzione della liturgia nell’amharic moderno è usata sempre più nelle parrocchie. Prosegue una forte tradizione monastica. La Chiesa conta oggi 35 milioni di membri.

Esiste anche una grande comunità a Roma. “Abbiamo scoperto – ha detto Francesco in un ulteriore passaggio del suo discorso – che abbiamo quasi tutto in comune: una sola fede, un solo battesimo, un solo Signore che è il salvatore, siamo uniti in virtù del battesimo che ci ha incorporato, uniti grazie” anche agli elementi “comuni delle nostre ricche tradizioni monastiche e liturgiche, siamo fratelli in Cristo, e come è stato spesso osservato ciò che ci unisce è molto più grande di ciò che ci divide. Come dice san Paolo: ‘se un membro soffre, tutte le membra soffrono insieme, e se un membro è onorato tutte sono onorate insieme”.

Avvenire 29 febbraio 2016

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 29/02/2016 da in Attualità ecclesiale, Ecumenismo, ITALIANO con tag , , .

  • 299.105 visite
Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 577 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
p.mjoao@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: