COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

La mensa di Abramo.

Koenig, Johann (1586-1642) Abraham hosting the three angels.

Secondo una tradizione ebraica, dopo la distruzione del Tempio la tavola di ogni casa è diventata un altare.

Un antico e celebre midràsh afferma che, successivamente alla distruzione del Santuario di Gerusalemme e alla profanazione dei suoi altari, la tavola di ciascuna casa ebraica assume un ruolo centrale: corrisponde oggi in qualche modo agli altari del Santuario.

Il midràsh evidentemente propone una più ampia e generale corrispondenza tra la famiglia ebraica, intesa come casa e considerata una sorta di “piccolo Santuario”, e il Santuario di Gerusalemme. La famiglia, nella sua intimità e nei suoi legami di affetto, realizza, almeno in una certa prospettiva, il vincolo di amore che il Santuario rappresentava emblematicamente e fattivamente legando Cielo e terra. La famiglia, inoltre, è anche il luogo dei sacrifici, ossia della volontaria cessione e limitazione di parte di sé, che viene offerta e consumata. Anche in questo vi è un parallelismo forte con il significato autenticamente religioso dei sacrifici offerti nel Santuario.

Se il Santuario poi, con le mense dei propri altari, rinviava a una dimensione anche “pubblica”, la mensa familiare rinvia a una dimensione “privata”, tuttavia fondamentale e fondativa del più ampio tessuto sociale generale. In questo senso l’ebraismo rigetta un’esistenza religiosa intimista e facilmente emotiva: si tratta di un’avventura familiare e di Popolo.

La mensa ebraica, al pari delle liturgie officiate nel Santuario, è, infine e soprattutto, normata da regole ben precise e dettagliate. Altrimenti, semplicemente, non sarebbe “ebraica”. La normativa afferente all’alimentazione kashèr (ossia “idonea” per gli ebrei) è molta e articolata, con un suo specifico carattere rituale e con una comprensione, ove possibile, della medesima rinviante unicamente a una prospettiva religiosa-rituale. Ci si può comunque interrogare sul significato (ta‘àm in ebraico, letteralmente “sapore”) di tale normativa. Le risposte sono molte. Una di queste è che, ovviamente, un corpus così stringente di norme in relazione all’alimentazione, che non può prescindere anche dall’aspetto della convivialità, crea ipso facto una “società” con dei caratteri propri. Al contempo, proprio per questo, crea una separazione.

L’intero esercizio della prassi religiosa dell’ebraismo, in moltissimi suoi ambiti, alterna “unione” di realtà diverse e “separazione”, universale e particolare, afflati universalistici e indispensabile costitutivo particolarismo. Perdere uno dei due momenti a discapito dell’altro – in quanto sopravvalutato o sottostimato – vuole dire non comprendere l’ebraismo per quello che è.

di Giuseppe Laras
http://www.luoghidellinfinito.it/

Bouts, Dieric (c. 1415 -1475) Last Supper Triptych

 

Un commento su “La mensa di Abramo.

  1. Todo organismo funciona con ciertas reglas, pero a medida que el organismo se desarrolla las leyes se simplifican.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 08/03/2016 da in Fede e Spiritualità, ITALIANO con tag , , , .

  • 384.735 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 812 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: