COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Il Malawi dei granai vuoti: milioni a rischio fame

«I ragazzi non vanno più a scuola, la fila della gente che viene a chiedere qualcosa da mangiare è diventata quotidiana. E non è che l’inizio. Il mese di giugno porterà a una mancanza di cibo che non si sperimentava da generazioni».
Vive in Malawi da quarant’anni padre Piergiorgio Gamba. Eppure forse mai i suoi occhi hanno visto tanta disperazione. Perché in quello che già un anno fa Banca mondiale classificava come il Paese più povero al mondo, El Niño ha colpito in maniera brutale: la siccità ha inaridito i campi, bruciato i raccolti, ridotto alla fame milioni di persone.

Malawi

Una settimana fa il presidente Peter Mutharika ha dichiarato lo stato di calamità nazionale. Il Malawi è così diventato il secondo Paese della regione a “certificare” anche politicamente ciò che è sotto gli occhi di tutti: di cibo non ce n’è.

Non è colpa dei contadini. Circa l’80% della popolazione dipende da un’agricoltura di sussistenza su piccola scala. «Come gli scorsi anni tutti hanno zappato i loro campi fino sulle montagne, hanno seminato a uno a uno tutti i chicchi di grano che avevano messo da parte – spiega padre Gamba, missionario monfortano –. Si sono indebitati per comperare il fertilizzante molto costoso e quando i primi monsoni sono apparsi all’orizzonte si sono ritenuti fortunati. Ma le piogge sono venute e andate come un’altalena e i piccoli germogli sono inariditi. I contadini non si sono arresi e hanno ricominciato tutto daccapo, e ancora fino a quattro volte, per poi cedere. Hanno perso le sementi e il fertilizzante, vanificato una lunga stagione di lavoro per un granaio vuoto.

Tristemente si ripetono: è stata la mancanza di pioggia continua nella stagione più calda dell’anno, che per mesi interi ha anche superato i 40 gradi, a regalarci un domani da fame». Secondo David Orr, portavoce per l’Africa meridionale del Programma alimentare mondiale dell’Onu (Pam), «la situazione è abbastanza catastrofica e crediamo che il peggio debba ancora arrivare. Ci vorrà molto tempo prima che ci possa essere qualche miglioramento».

Due mesi fa il Pam aveva avvertito che il Malawi era sull’orlo del baratro. Il prezzo del mais, il principale alimento di base, era già salito del 60% rispetto alla media degli ultimi tre anni. «Il Malawi consuma 3 milioni di tonnellate di grano all’anno, è il cibo quotidiano per grandi e piccoli – evidenzia padre Gamba –. Per anni non è stata ascoltata la richiesta di diversificare la produzione agricola. Ora la lezione pesantissima che porta la fame sta insegnando a seminare tutto quanto è commestibile e sopravvive all’aridità del terreno, come facevano gli africani prima della comparsa del granoturco: patate dolci, soya, e tutte le verdure che si erano messe da parte. Ma questo servirà per la prossima stagione delle piogge che arriverà solo a fine d’anno. Per ora è la fame».

Attualmente il Pam si occupa di aiutare quasi tre milioni di persone su una popolazione totale di circa 17 milioni di abitanti. Sono 23 i distretti del Paese, sui 28 totali, a essere stati colpiti dalla siccità, arrivata per giunta dopo una stagione di raccolti scarsi e pesanti inondazioni che avevano devastato ampie regioni lo scorso anno. La crisi si aggrava di giorno in giorno. Gli ospedali hanno ridotto i pasti ai pazienti, mentre sono centinaia i detenuti a cui è stata concessa la grazia, perché le autorità non riescono a garantire la razione quotidiana di polenta e fagioli ai 15mila carcerati.

La missione monfortana di Balaka, nel Sud del Paese, fa il possibile, anche grazie ai progetti di adozione a distanza che garantiscono un sostegno a centinaia di famiglie. «Servono aiuti alimentari e di prima necessità», oltre a fondi «che permettano di acquistare e distribuire cibo ai più poveri, agli orfani e agli ammalati – sottolinea padre Gamba –. Con il mese di giugno arriva anche l’inverno e il freddo aumenterà ulteriormente la povertà degli ultimi del nostro villaggio».

PAOLO M. ALFIERI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 20/04/2016 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , , , , .

  • 539.101 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 931 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: