COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Hierapolis, sorprese dell’altro mondo

Gerapoli1

Nella città turca archeologi italiani hanno trovato l’”ingresso all’Ade” e la tomba dell’apostolo Filippo

Forse trovata a tomba e la chiesa di S.Filippo apostolo a Gerapoli, oggi Pamukkale, e l’antica Laodicea,

Entrate nella basilica di Santa Maria Novella a Firenze e camminate fino al transetto. Qui, in una piccola cappella alla destra del coro, Filippino Lippi dipinse alla fine del ’400 una serie di affreschi commissionati dal banchiere fiorentino Filippo Strozzi. Ci sono soprattutto le storie che danno il nome alla cappella, quelle di Giovanni l’evangelista. Ma ci sono anche le storie di un altro apostolo, Filippo, del quale il pittore illustra il martirio in una città romana dell’Asia Minore: Hierapolis. Il santo è legato a una croce, circondato dalle rovine di un tempio pagano.

Gerapoli, oggi Pamukkale, e l’antica Laodicea

Avvenne davvero questo martirio? Filippo fu veramente crocifisso a testa in giù e sepolto a Hierapolis? La risposta si trova 1.500 chilometri a est di Firenze, in Turchia, fra le pietre di un sito dove gli archeologi italiani scavano da quasi sessant’anni. «Esistono poche notizie storiche sull’apostolo Filippo» esordisce Francesco D’Andria, «ma sappiamo che dopo la morte di Gesù predicò nell’Asia Minore e poi a Hierapolis, dove morì nell’80 dopo Cristo». Docente all’Università del Salento, classe 1943, Francesco D’Andria è direttore della missione italiana a Hierapolis dal 2000 (ma vi scava dal lontano 1974). «Oggi – continua il professore – i resti di san Filippo riposano a Roma, nella chiesa dei Santi Apostoli, ma la sua tomba originaria è qui, in Turchia».

 interno della tomba e la chiesa di S.Filippo apostolo a Gerapoli, oggi Pamukkale, e l’antica Laodicea,

Hierapolis è un patrimonio Unesco visitato ogni anno da un milione e mezzo di turisti. A fondarla, tre secoli prima di Cristo, lungo la “strada reale persiana” che collegava Persepoli al Mediterraneo, fu un successore di Alessandro Magno. In età romana imperiale Hierapolis divenne uno dei centri più importanti dell’Asia Minore, ricca di monumenti in marmo e in travertino. Ma nel 1957 ad attirare le attenzioni di Paolo Verzone, torinese esperto in architettura bizantina, fu altro: la misteriosa tomba di san Filippo. Quell’anno l’aristocratico Verzone, professore al Politecnico di Torino, ottenne la concessione turca che gli permise di scavare a Hierapolis, e di cercare uno dei monumenti cristiani più importanti dell’Asia Minore. «Per decenni – racconta Francesco D’Andria – abbiamo pensato che il sepolcro si trovasse nel Martyrion, la chiesa costruita sul luogo del martirio di san Filippo, oggetto di pellegrinaggio a partire dal V secolo. Ci sbagliavamo».

di Alessandro Gandolfi
http://www.luoghidellinfinito.it

Gerapoli

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 11/05/2016 da in Arte e fede, ITALIANO con tag .

  • 329.785 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 738 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: