COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Nel mondo ci sono 45 milioni di schiavi

Nel mondo ci sono 45 milioni di schiavi

Nel mondo ci sono 45,8 milioni di “schiavi moderni”, persone che vivono cioè una condizione di schiavitù, obbligate a lavorare senza essere pagate, vendute per essere sfruttate sessualmente, nate in servitù, bambini costretti a combattere sui campi di battaglia. Nel 2014 il numero di schiavi nel mondo era di 35,8 milioni. A tracciare il quadro e fornire le cifre del fenomeno è il Global Slavery Index, reso pubblico oggi.

Il numero più alto di persone che vive questa condizione è stato registrato in India, dove sono 18,3 milioni gli esseri umani costretti a fare i lavoranti domestici, a svolgere lavori manuali, mendicare, essere sfruttati sessualmente, a fare i bambini soldato, si legge nel rapporto messo a punto dall’associazione per i diritti umani con sede in Australia, Walk Free Foundation. I 18,3 milioni corrispondono all’1,4 % della popolazione del paese, un tasso che fa risultare il paese al quarto posto nella lista di quelli che hanno più alte percentuali di schiavi rispetto alla popolazione.

In cima alla lista si trova la Corea del nord, dove si ritiene che un abitante su 20 – il 4,3% dei 25 milioni di nordcoreani – viva in condizione di schiavitù. Al secondo posto in termini assoluti figura la Cina, con 3,4 milioni, al terzo il Pakistan con 2,1 milioni di schiavi.

Una richiesta di aiuto rivolta ai governi delle principali economie del mondo è stata lanciata in occasione della divulgazione del rapporto da Andrew Forrest, presidente della Walk Free Foundation: “Sradicare la schiavitù – ha sottolineato – è giusto moralmente, politicamente, da un punto di vista logico ed economico. Attraverso un uso responsabile del potere, della forza di convinzione, della volontà collettiva, possiamo portare il mondo verso la fine della schiavitù”.

Italia sul podio europeo. Il rapporto che stima che in Italia le persone schiavizzate siano 129.600, che ne fanno il terzo Paese in Europa, per numero assoluto di schiavi, dopo Turchia e Polonia, in un continente che di schiavi ne conta un milione e 243 mila. Nonostante una popolazione simile, il numero di schiavi in Italia è più di 10 volte quello stimato in Francia. L’indice – si legge – considera la risposta del governo italiano al problema tra le più deboli d’Europa.

Avvenire 31 maggio 2016

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 31/05/2016 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag .

  • 327.598 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 735 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: