COMBONIANUM – Formazione e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

​Il frutto immortale

Dagli alberi biblici del giardino dell’Eden alle epopee mesopotamiche, fino al cibo della vita che è Cristo.
Gianfranco Ravasi

JESUS: RESURRECTION.  Imitator of Andrea Mantegna: Noli Me Tangere. Wood.

JESUS: RESURRECTION.  Imitator of Andrea Mantegna: Noli Me Tangere. Wood.

«Il Signore Dio piantò un giardino in Eden, a oriente, e vi collocò l’uomo che aveva plasmato. Il Signore Dio fece germogliare dal suolo ogni sorta di alberi graditi alla vista e buoni da mangiare, e l’albero della vita in mezzo al giardino e l’albero della conoscenza del bene e del male» (Genesi 2,9-10). Nello spazio simbolico del giardino dell’Eden – un termine che evoca etimologicamente “piacere, delizia” e che costituisce l’orizzonte dell’intero creato così come è concepito e attuato da Dio – entra in scena l’uomo, la creatura protagonista. Davanti a lui si distende una folta vegetazione al cui centro si levano due alberi che non saranno mai registrati in botanica perché si tratta di piante dal valore evidentemente metaforico.

Iniziamo col presentare l’albero più rilevante nel racconto che l’antica tradizione biblica detta “Jahvista” (stando a un’interpretazione esegetica prevalente) dedica alla creazione, nei capitoli 2-3 della Genesi. Si tratta dell’«albero della conoscenza del bene e del male» (in ebraico ‘s da‘at tob wara‘), la cui denominazione è evidentemente metafisica e morale e non certo naturalistica. Una tradizione popolare, espressa dalla storia dell’arte, è ancor oggi convinta che si tratti di un melo. In realtà, l’equivoco nasce da un antico giuoco lessicale, presente nell’interpretazione latina di questo passo biblico: in latino, infatti, malus è sia il “melo” sia la persona “cattiva”. Si può, dunque, allusivamente intrecciare malus-melo con malum-male. In verità, la spiegazione del significato di quella pianta non botanica ma sapienziale è da cercare altrove, attraverso un’analisi dei termini stessi che la definiscono. Partiamo proprio da ‘ets, “albero, legno”.

Il frutto immortale1.jpg

Ora, l’albero nella Bibbia rimanda tradizionalmente alla sapienza divina e umana: nel capitolo 24 del Siracide, un autore biblico del II secolo a.C., la Sapienza personificata si paragona a un parco lussureggiante di una quindicina di specie vegetali (24,13-17), mentre il Salmo 1 presenta il giusto come albero radicato nei pressi di un ruscello, le cui foglie non avvizziscono mai e i cui frutti sono gustosi e costanti (1,3; lo stesso concetto è ripetuto in Geremia 17,8). È, quindi, la rappresentazione metaforica di un sistema di vita. C’è poi la “conoscenza”: la da‘at biblica non è solo intellettuale ma è anche volitiva, affettiva ed effettiva, è un atto globale della coscienza, è un’opzione fondamentale che coinvolge la vita. “Bene e male” sono ciò che tecnicamente si definisce un “polarismo”, vale a dire i due poli della realtà considerata sotto il profilo morale. A questo punto siamo in grado di identificare quest’albero: è l’albero della morale nella sua pienezza, manifestata all’uomo, albero che si ramifica nel cielo dell’armonia del giardino di Eden.

 di Gianfranco Ravasi
http://www.luoghidellinfinito.it
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 03/06/2016 da in Fede e Spiritualità, ITALIANO con tag , , , .

  • 299.094 visite
Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 577 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
p.mjoao@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: