COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Dove gli alberi si sposano

In nove paesi tra Basilicata e Calabria, dalle Dolomiti Lucane al Pollino, tra maggio e settembre si celebrano le nozze arboree, riti ancestrali dalle forme potenti.

mostra Accettura, mostra alberi, mostra Montepiano

Fra i giorni della primavera, che a volte su queste montagne sono ancora frammento di inverno, e il settembre che annuncia i venti dell’autunno, nella Lucania più bella e solitaria, fra le rocce delle Dolomiti Lucane e la montagna corale del Pollino, si celebrano, in un’euforica e faticosa eccitazione, piccole-grandi feste degli alberi. Sono conosciute dagli studiosi come riti arborei. Per me sono felicità ed ebbrezza.

Dove gli alberi si sposano4

Per gli antropologi più tradizionali, ad Accettura, a Pietrapertosa, a Castelmezzano, a Oliveto Lucano, avvengono autentici matrimoni degli alberi, sposalizi fra il “maggio”, u’masc, un cerro, albero maschio, e la “cima”, un agrifoglio, pianta femmina. Nel massiccio del Pollino (Alessandria del Carretto, Rotonda, Castelsaraceno, Terranova, Viggianello) sono invece un faggio, a’pitu (a Castelsaraceno è la ‘ndenna), e un abete, la “rocca” (o la cunocchia di Castelsaraceno) a unirsi in un rituale che celebra il passaggio delle stagioni, il mutamento e la trasformazione della natura. Queste feste sono un augurio gioioso di fertilità. In nove paesi, otto in Lucania e uno in Calabria, gli alberi e gli uomini sono protagonisti di giorni grandiosi. Colmi di euforia, fatica, lavoro durissimo, adrenalina, cibo e vino. È festa che vale l’intera annata.

Dove gli alberi si sposano1

La gente di questi paesi a volte sorride scuotendo la testa: le feste degli alberi più che uno sposalizio per loro sono identità di paese, storia di solidarietà, memoria del passato e certezza del futuro. Sono, allo stesso tempo, tradizione e contemporaneità. Sono una ragione di esistenza, di voglia di essere. Ad Accettura, paese delle Dolomiti Lucane, ho conosciuto i 99 anni di zi’ Andrea. Aveva un solo dente, si appoggiava a un bastone. Per nessuna ragione al mondo avrebbe perso la festa, il Maggio, che qui avviene nei giorni della Pentecoste. Andrea ora non c’è più. So che da quando aveva quattordici anni fino ai novantacinque ha tenuto una zappa in mano. È stato uno dei migliori maggiaioli, uno degli uomini che trasportavano e lavoravano l’albero più grande. Quel giorno mi disse: «Finché ci sarà la festa, Accettura avrà un futuro. Quando non ne saremo più capaci, finirà il mondo».

di Andrea Semplici
http://www.luoghidellinfinito.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 03/06/2016 da in Cultura, ITALIANO con tag , , .

  • 348.857 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 758 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: