COMBONIANUM – Formazione e Missione

— Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA — Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa — Blog of MISSIONARY ONGOING FORMATION — A missionary look on the life of the world and the church

Le colonne dell’universo


Le colonne dell’universo

Pollaiuolo, Antonio (1433-1498): Apollo and Daphne, probably 1470-80.

Piedi in terra e testa in cielo, l’albero è simbolo mitico universale: dalle saghe nordiche all’Asia di Marco Polo.

Tra tutti i simboli usati nei sistemi mitico-religiosi per indicare valori intensi e profondi, l’albero è uno dei più importanti e comuni. Data la sua si può dire onnipresenza, esso può essere annoverato tra tutti quelli che ben rappresentano la categoria solitamente denominata “universale”: ciò anche data la generale diffusione di essenze vegetali (arbusti, cespugli, piante e così via) che in qualche modo all’albero possono venire associate tipologicamente e che, nei millenni, hanno consentito l’impiantarsi attorno a loro di miti o di leggende che per più versi richiamano all’essere umano e ai suoi rapporti con la natura, e che sovente giungono allo scambio metamorfico, indice di un’occulta “fratellanza” tra alberi ed esseri umani.

È il complesso mitologico ricreato da John R.R. Tolkien che, nella sua celebre saga-capolavoro Il Signore degli Anelli ha saputo genialmente reinterpretare un archetipo profondo con il suo personaggio di Barbalbero e i suoi simili, gli “Ent”, giganteschi uomini-albero la funzione dei quali è l’essere “pastori di alberi”, guardiani e custodi di una natura amica degli esseri buoni e avversa alle forze oscure del Male. L’albero, che ha radici nell’umido sottosuolo, tronco a fior di terra e rami, foglie, fiori e frutti protesi verso il cielo – mentre le belle forme e i vividi colori dei fiori e dei frutti stessi richiamano il fuoco, il sole e gli astri – è di per se stesso un perfetto simbolo cosmico, che partecipa di tutti gli elementi aristotelico-empedoclei (terra, acqua, aria, fuoco, quintessenza eterea), è esso stesso un perfetto cosmo. Dà ricetto a ogni genere di animali, soprattutto agli uccelli che in molte mitologie sono sapienti, parlano un linguaggio divino e sono in grado (come nel mito nibelungico di Sigfrido) di predire il destino degli uomini.

Nei miti indiani, poi passati all’Islam e testimoniati dallo stesso Marco Polo, esistono alberi che possono produrre, come fiori e frutti, anche stelle o svariati animali o teste umane. Sempre attestato in area brahmanico-induista è il mito degli alberi Asvattha, i quali sono “alberi cosmici” – simbolo dell’ordine dell’universo – che si presentano rovesciati: hanno cioè radici protese verso l’alto, come se traessero dal cielo e dalla luce i propri alimenti vitali, e chioma diffusa a contatto con la terra. Tale tipo di “albero divino” è conosciuto anche da Dante, che ne utilizza l’immagine nel Purgatorio.

di Franco Cardini
http://www.luoghidellinfinito.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 03/06/2016 da in Cultura, ITALIANO con tag , , .
Follow COMBONIANUM – Formazione e Missione on WordPress.com

Categorie

Traduci – Translate

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: