COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Sconfinamenti della Missione (18)

Sconfinamenti della Missione (18)
Chiesa “in uscita” verso le nuove periferie umane.

Senegal, quel prete “innamorato” del Corano e del dialogo

A oltre ottant’anni padre Jacques Seck continua a seguire la vocazione di una vita: promuovere la comprensione tra cristiani e musulmani in un Paese che nonostante le preoccupazioni nella regione resta un modello di apertura. E dell’estremismo dice: «Non ci fa paura».

Padre Jacques Seck.jpg

Una lunga tunica chiara, il tradizionale berretto senegalese di lana bianca e nera in testa: mentre cammina spedito per le strade di Dakar nonostante l’età (ufficialmente è nato nel 1934), Jacques Seck può facilmente essere scambiato per un fedele seguace di una delle varie confraternite islamiche locali. È solo quando i ragazzi seduti di fronte alla cattedrale della città salutano quest’uomo magro chiamandolo “padre”, che ci si rende conto che, in realtà, è un sacerdote cattolico.

“Prete musulmano e imam cristiano”, corregge scherzosamente lui pochi minuti dopo, seduto tra i banchi della grande chiesa bianca di Nostra Signora. Di quest’espressione ha fatto la bandiera del suo lavoro di decenni: la promozione della conoscenza e della comprensione reciproca tra la minoranza cristiana senegalese e i musulmani (oltre il 90% della popolazione locale). Una vocazione maturata durante gli studi all’università Gregoriana a Roma, da dove ha riportato qualche ricordo di italiano e una conoscenza perfetta dell’arabo e della storia islamica, imparate alla scuola dei Padri Bianchi. Ancora oggi non esita un istante mentre recita a memoria in lingua originale un passo del Corano: “Se Dio avesse voluto, avrebbe fatto di voi una sola comunità. – traduce poi – Vi ha voluto però provare con quel che vi ha dato. Gareggiate in opere buone: tutti ritornerete a Dio ed Egli vi informerà a proposito delle cose sulle quali siete discordi”.

Spesso, negli anni che ha trascorso da curato della cattedrale, gli è accaduto di citare il libro sacro islamico anche durante le omelie, tra la sorpresa dei fedeli: “È per vivere meglio la mia fede che ho scelto di studiare il Corano e ho incoraggiato altri a studiarlo. – spiega però –Come cristiano devo amare tutti e non si può amare ciò che non si conosce”. La stessa convinzione lo ha spinto fino a inviare uno dei suoi nipoti, musulmano, a formarsi in Marocco: “L’ho portato a Dakar e l’ho fatto imbarcare, dicendogli: ‘Lì potrai imparare lingua e cultura’. – racconta – Ha studiato ed è tornato in Senegal dopo qualche anno, ed è diventato professore nell’istituto cattolico di Hann Maristes, alla periferia della capitale, dove ha insegnato fino a due anni fa”. “Se avesse fatto la scuola tradizionale – continua – non avrebbe veramente appreso la lingua, avrebbe solo ripetuto formule, mentre questo è un esempio di come vogliamo il nostro Paese”.

La coesistenza, in effetti, in Senegal è una realtà consolidata da decenni, al punto che molti, in tutti gli ambienti sociali, parlano di un ‘dialogo interreligioso della vita’, in cui musulmani e cristiani partecipano anche alle principali celebrazioni dell’altra comunità, come la Pasqua o la Festa del Sacrificio. Non è raro neanche che persone di diverse religioni facciano parte dello stesso nucleo familiare. “Io stesso non ero cristiano fino a quattordici anni, maanimista – precisa il religioso, usando il vecchio termine che indica i seguaci delle religioni tradizionali africane – e mio padre lo è rimasto fin quasi a ottant’anni, quando si è convertito all’Islam, la religione di mia sorella maggiore, che aveva sposato un imam. Anche un parente stretto del cardinale Hyacinthe Thiandoum, il primo arcivescovo africano di Dakar, era imam nel suo villaggio, a Popenguine, e quando il cardinale fu ordinato era in prima fila, con tutta la famiglia!”.

Esempi simili diventano ancora più emblematici e preziosi nel momento in cui il Senegal, dopo gli attacchi terroristici degli scorsi mesi in Mali, Burkina Faso e Costa d’Avorio, è indicato come un bersaglio possibile dell’estremismo. “Quello che accadrà domani, non lo so, ma ciò che viviamo oggi in Senegal è bello”, riflette Seck. La paura e la diffidenza, infatti, non si sono impadronite di Dakar e le porte della cattedrale come quelle del complesso della grande moschea, pochi chilometri più in là, restano aperte a tutti. Lo stesso accade in molte case: anche l’anziano religioso, nonostante l’età, continua a rispondere agli inviti delle famiglie musulmane che, spesso, gli chiedono di trascorrere la giornata con loro, affiancando l’impegno per il dialogo ai suoi compiti di cappellano nelle carceri. “Come uomini e come cristiani dobbiamo favorire la coabitazione pacifica, senza timori. – sostiene – Noi non abbiamo paura: io sono senegalese al cento per cento, un prete cattolico senegalese e non temo di dire come io sia cristiano e mia sorella, invece, musulmana”.

Seguire costantemente questa convinzione, non significa però che l’ex curato della cattedrale scelga di ignorare i fatti violenti avvenuti nella regione e i timori sollevati anche per il Senegal. “Succedono molte cose che non si potevano immaginare”, sospira, ma poco dopo la sua voce riprende vigore. “I musulmani che lanciano bombe non sono veri musulmani, come i cristiani fanatici non sono veri cristiani; ‘nessuna costrizione nelle cose di religione’, lo dice anche il Corano”, ricorda. La risposta migliore all’intolleranza, per lui, resta comunque l’impegno in prima persona: per questo con un gruppo di fedeli musulmani, in passato ha anche visitato diverse regioni del Paese, dando un esempio concreto di convivenza. “Nessuno tenti di dividerci! – ribadisce oggi – Dobbiamo rispettarci in quanto senegalesi, perché l’essere una sola famiglia viene prima del Cristianesimo e dell’Islam: non vogliamo che la differenza di religione ci impedisca di coltivare gli stessi campi!”

domenica 5 giugno 2016
DAVIDE MAGGIORE
DAKAR
http://www.lastampa.it/
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 05/06/2016 da in ITALIANO, Vocazione e Missione con tag , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.369 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
giugno: 2016
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

  • 150,365 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Adviento Africa Afrique Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Colombia Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Italia Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro dell'esodo Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Nigeria Noël October Oração Pace Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: