COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Il turista del XXI secolo in viaggio alla ricerca di senso

Chiamate in attesa (24)
A cura di José Tolentino Mendonça

Il turista del XXI secolo in viaggio alla ricerca di senso

Anche il paesaggio naturale deve la sua esistenza a viaggi incessanti che nemmeno supponiamo. L’architetto paesaggista Gilles Clément ci aiuta a vedere, per esempio, come tutti i giardini siano spazi in movimento. Le piante, che paiono segni immobili, in realtà viaggiano. I loro semi furono portati da venti, da correnti marittime, giunsero nelle suole dei sandali di un viaggiatore disattento, nella pelle degli animali. Furono introdotte in forma deliberata o puramente casuale. Il metrosideros viene dalla Nuova Zelanda. La tipuana e la iacaranda, dall’America del Sud. Il ficus proviene da un’ampia regione che si estende dal subcontinente indiano alla Malesia e all’Indonesia. La strelitzia, o “uccello del Paradiso”, è originaria del Sudafrica. Se ci pensiamo bene, qualsiasi inoffensivo giardino è, in fin dei conti, una sorta di mappamondo.

Quando ci soffermiamo sull’idea di viaggio, lo pensiamo comunque, fondamentalmente, come un’attività umana. Si può affermare che il primo viaggio fu realizzato dal primo uomo che abitò la terra, così che viaggiare è divenuto sinonimo di questo homo viator che, da migliaia e migliaia di anni, siamo noi. All’alba dei tempi si trattava senza dubbio di uno spostarsi funzionale, legato alla lotta per la sopravvivenza. L’uomo lasciava il suo rifugio e attraversava il mondo in cerca di cibo e di condizioni di vita più stabili. Ma è impossibile che il cacciatore primitivo non avvertisse meraviglia e piacere nella pura e semplice scoperta della terra. O che il pastore, nelle sue peregrinazioni stagionali in cerca di pascoli, non si affezionasse alla dolcezza o alla bellezza di alcuni luoghi più che di altri. O che coloro che disegnavano piccole figure sulle pareti delle grotte in cui abitavano non lo facessero anche per evidenziare ciò che riempiva loro gli occhi e il cuore, quantunque il loro stupore non andasse, al tempo stesso, esente da incomprensione e terrore.

Ovunque si muova un essere umano, esistono anche la memoria e la passione del viaggio. Ogni epoca, tuttavia, riconfigura a modo proprio l’ideale del viaggio. Penso, per esempio, alla distinzione fra turista e viaggiatore o alla differenziazione tra quest’ultimo e il pellegrino. Lo scrittore Paul Bowles diceva che il turista e il viaggiatore si distinguono per la loro esperienza del tempo, frettolosa quella del turista, lenta quella del viaggiatore: «Laddove, in capo a qualche settimana o mese, il turista si affretta a far ritorno a casa, il viaggiatore non appartiene né a un luogo né all’altro». Analoga distinzione si faceva tra il viaggio profano di un viaggiatore qualunque, che si allarga dappertutto nel suo andare per il mondo, ma senza un concreto obiettivo di trasformazione personale, e il camminare di un pellegrino, che carica il proprio viaggio di un senso sacro e trasformante.

Oggi constatiamo però che tali distinzioni si sono attenuate e che ogni viaggiatore, anche accidentale, nutre l’aspettativa che in un modo o nell’altro il suo viaggio venga a rappresentare un atto umano totale: che un viaggio d’affari permetta anche un contatto culturale; che una gita di piacere aggiunga qualcosa di significativo alle sue conoscenze; che un’escursione in massa offra l’occasione di una qualche indimenticabile unicità. Parlando in termini antropologici, il viaggio contemporaneo è diventato una modalità per esporci alla ricerca di senso. Sarà, questo, possibile? Si fatica, ovviamente, ad accostare il turista del XXI secolo a Marco Polo. O a paragonare senza ironia le sue motivazioni a quelle del patriarca Abramo o del monaco cinese Xuánzàng, che visse nel VII secolo a.C. e fu uno dei primissimi a scrivere un racconto di viaggio. Non per questo è meno vero che i milioni di umani che si ammucchiano negli aeroporti pronti per le cosiddette “destinazioni turistiche” condividono un patrimonio simbolico con i veri viaggiatori. E forse varrebbe la pena di riflettere più spesso a partire di qui.

Avvenire 09/06/2016

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 14/06/2016 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , .

  • 681.520 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 774 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: