COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Brexit: Vince la retorica della paura di un’invasione che non c’è!

Vince la retorica della paura.
Il fallimento di Cameron.


Brexit1

Nel segreto dell’urna, i britannici hanno detto addio all’Europa. Non era un risultato imprevisto fino a un paio di settimane fa. Quando la Brexit era soltanto un’ipotesi cavalcata dagli euroscettici, i sondaggi davano un leggero vantaggio dei favorevoli. All’avvicinarsi del giorno del giudizio, però, era sembrato che gli elementi di realtà potessero fare premio sulle tentazioni isolazionistiche. Le ricadute economiche e finanziarie, il ritorno dei controlli sui viaggi e gli spostamenti, le minacce di “ritorsioni” degli altri Paesi, tutto aveva riportato a una previsione di vittoria del “no” al distacco da Bruxelles. Le Borse fino a poche ore prima della chiusura dei seggi avevano corso in territorio positivo, con la convinzione che il pericolo fosse scampato.
E se all’avvio dello scrutinio gli ultimi sondaggi e gli umori politici avevano fatto esultare Cameron e ammettere una possibile sconfitta da parte del leader dell’Ukip Farage, la notte dello spoglio ha riservato la sorpresa più grande. Uno choc che sta facendo tremare i mercati e i palazzi della politica. Farage è tornato a festeggiare, parlando di “indipendenza” raggiunta, mentre il premier che ha giocato con il fuoco del referendum proprio per non perdere voti alle elezioni contro i populisti si trova ora come un apprendista stregone dalle dita bruciate.

In gioco il progetto europeo

Ma, ovviamente, non c’è in gioco soltanto il destino del governo in questo risultato che ha il peso di un terremoto globale. L’Unione europea non potrà non provare a ripensare il proprio futuro. E dovrà farlo in fretta adesso che altri movimenti euroscettici prenderanno slancio dal voto britannico. Non ci si può nascondere che il fattore chiave della Brexit sia stato, alla fine, il tema delle migrazioni. Tra la gente del Paese profondo, non la Londra multietnica che ha scelto il Remain, ha fatto breccia la paura di un’invasione che non c’è, ma che è tuttavia percepita, frutto di una retorica allarmistica di tanti politici, ma anche dell’incapacità europea di provare a gestire con cuore ed efficienza un fenomeno epocale.

Rischio di “ognuno per sé”

Che cosa succederà ora è presto per dirlo. Le forti turbolenze sulle valute e sugli scambi azionari verranno probabilmente assorbite nel breve periodo. Quello che diventa a rischio è il progetto di integrazione continentale, con il possibile prevalere delle spinte centrifughe, che potrebbero fare sì che l’Unione si paralizzi e riduca al minimo il proprio slancio, nel timore di suscitare altre reazioni di rigetto. Vorrebbe dire il prevalere degli interessi nazionali con un “ognuno per sé” che impedirebbe di realizzare proprio ciò che oggi serve di più. E allora anche l’Italia si troverebbe ancora più sola ad affrontare tempeste sullo spread come aumenti degli sbarchi sulle proprie coste.

Un voto per il proprio cortile

Se il progetto europeo si è costruito nel tempo, con leader lungimiranti e capacità di sacrificare egoismi di corto respiro, il referendum britannico ci dice che il ricorso alla democrazia diretta in questa forma e su questi temi può non essere una buona via.
La gente deve decidere, certo, e il voto va rispettato. Ma non sempre avremo scelte meditate e accorte. La retorica della paura ha facilmente buon gioco, nel segreto dell’urna tanti inglesi hanno pensato più al loro cortile che al loro Paese. E potrebbero presto pentirsene. Tutti però dobbiamo oggi fare i conti con i pesanti effetti della loro croce apposta sulla casella “Leave”.
Andrea Lavazza
Avvenire 24 giugno 2016

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 24/06/2016 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , , .

  • 351.721 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 762 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: