COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Profughi, «chi non poteva pagare, ucciso per la vendita degli organi»

Venduti a un gruppo di egiziani, uccisi e usati per la vendita degli organi: è la tremenda sorte dei profughi che non hanno il denaro necessario a pagare il viaggio verso le coste italiane.


Profughi, «chi non poteva pagare, ucciso per la vendita degli organi».jpg


A raccontarlo è il primo pentito di una rete criminale che gestisce il traffico dei migranti: «Mi è stato raccontato – ha detto Nuredin Atta Wehabrebi agli investigatori della Dda di Palermo che oggi hanno fermato 38 componenti dell’associazione criminale in un’operazione denominata Glauco 3 – che le persone che non possono pagare vengono consegnate a degli egiziani che le uccidono per prelevarne gli organi e rivederli in Egitto per una somma di 15mila dollari. Gli egiziani vengono attrezzati per espiantare l’organo e trasportarlo in borse termiche».

L’INCHIESTA DELLA PROCURA DI PALERMO
Fermato 38 persone (tra le quali un italiano) accusate di far parte di una delle maggiori reti criminali che gestiscono il traffico di migranti tra l’Africa e l’Italia, è la prosecuzione dell’inchiesta denominata Glauco che va avanti da tre anni e ha già portato a diverse condanne. In questa terza tranche sono confluite le dichiarazioni del primo pentito di un network criminale del genere: Nuredin Atta Wehabrebi.

Atta collabora con la dda di Palermo da un anno e mezzo e ha parlato dei vertici dell’organizzazione criminale, ma soprattutto di come la rete gestiva la permanenza dei profughi dall’arrivo in Sicilia al loro trasferimento nel nord Italia e nel nord Europa.

Nel corso delle indagini, svolte dalle Squadre Mobili di Palermo ed Agrigento e dal Servizio Centrale Operativo, «è stata ricostruita la struttura organizzativa di un pericoloso network criminale e sono stati individuati ingenti flussi di denaro, proventi del traffico di migranti – dicono gli investigatori – è stata individuata la centrale delle transazioni finanziarie effettuate tramite “hawala” in un esercizio commerciale ubicato a Roma, dove, lo scorso 13 giugno, sono stati sequestrati 526.000 euro e 25.000 dollari in contanti, oltre ad un libro mastro, riportante nominativi di cittadini stranieri ed utenze di riferimento».

CONDANNA CHIESTA DAI PM
I pm della Dda di Palermo Geri Ferrara, Claudio Camilleri, Annamaria Picozzi e Renza Cescon hanno chiesto la condanna, complessivamente, a 120 anni di carcere per 16 componenti di una delle principali reti criminali che gestiscono la tratta di migranti tra l’Africa e le coste italiane. Gli imputati, arrestati nell’ambito dell’operazione Glauco 2, sono accusati, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, di avere fatto entrare illegalmente in Italia centinaia di extracomunitari in cambio di somme che andavano dai 1.500 ai 2.000 dollari ciascuno e di avere consentito ai migranti giunti nel Paese di spostarsi e trasferirsi nel nord Europa. Le pene più elevate, 14 anni, sono state chieste per due dei capi della banda: Ashgedom Ghermay e Yonas Gebititoys.

TRAFFICO DI DROGA.
È emerso, altresì, che i principali indagati «gestivano anche una fiorente attività di traffico internazionale di stupefacente del tipo catha o qat, droga importata dall’Etiopia, inserita per la legislazione italiana tra le droghe pesanti». «Con questa indagine abbiamo raggiunto un livello più alto nella lotta all’immigrazione clandestina e abbiamo individuato il canale finanziario della rete criminale che gestisce il traffico dei migranti dall’Africa alla Sicilia e che aveva a Roma e a Palermo due centrali di snodo» ha spiegato il procuratore di Palermo Francesco Lo Voi che ha coordinato l’indagine che ha portato all’emissione di 38 fermi. “In un bazar a Roma – ha aggiunto Lo Voi – abbiamo trovato 500 mila euro in contanti e decine di migliaia di dollari più una serie di nomi e numeri di telefono. Era il luogo in cui venivano raccolti i soldi dei migranti che volevano raggiungere l’Italia”.

FALSI MATRIMONI.
Dall’inchiesta è emerso che l’organizzazione al viaggio sui barconi preferiva i falsi ricongiungimenti familiari consentiti dalla legge italiana. «Un modo più costoso, ma più sicuro -. ha spiegato il procuratore -, per cui, grazie a false attestazioni di extracomunitari residenti in Italia, i migranti riuscivano a venire nel nostro Paese e ricongiungersi con i sedicenti parenti».

Avvenire 4 luglio 2016


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 04/07/2016 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , , .

  • 311.868 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 708 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: