COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Il fronte turco


Turchia.jpg


(Massimo Riva) Le reazioni europee alle ultime vicende turche mettono in luce uno stato di marasma perfino concettuale nella politica dell’ Unione verso il regime di Ankara. Particolare sconcerto suscita il fatto che numerose cancellerie riparino i loro rapporti con il governo Erdogan dietro l’ argomento della sua investitura democratica attraverso il voto popolare. Presa di posizione pericolosa oltre che sospetta. Pericolosa perché fondata su una nozione di democrazia alquanto sbrigativa e superficiale. Sospetta perché ricorda troppo una foglia di fico usata al fine di coprire l’ imbelle acquiescenza con la quale dalle capitali europee si è seguito finora l’ imbarbarimento liberticida della politica turca.

Certo che un’ Europa, gelosa dei suoi valori, mai potrebbe schierarsi a sostegno di un golpe militare, né in Turchia né altrove. Ma è altrettanto vero che questa stessa Europa quei valori li aveva già traditi nei rapporti con Erdogan ben prima della comparsa dei carri armati nelle vie di Istanbul. E ora fa davvero specie che alcuni governi si siano come svegliati all’ improvviso – e solo quando Erdogan ha minacciato il ritorno alla pena di morte – per proclamare che un tale passo farebbe cadere ogni possibilità di ingresso della Turchia nell’ Unione. Ma come: la repressione delle libertà d’ informazione, la carcerazione degli oppositori, la persecuzione della minoranza curda non erano forse già segnali più che clamorosi di una deriva autoritaria senza freni? Scoprire adesso – dinanzi alle più violente epurazioni in corso – il dispotismo del regime di Erdogan è malinconica prova di ipocrisia politica mista a stupidità. Come mostra proprio il lunare dibattito sull’ intangibile patente di democrazia che nascerebbe dal consenso elettorale. 

Questa Europa sembra avere smarrito perfino la dura lezione delle sue stesse vicende storiche. Adolf Hitler non è entrato armi in pugno in quel Reichstag che poi ha fatto bruciare, ma in forza di una larga messe di voti. Ed è diventato capo dello Stato trionfando in un ampio plebiscito popolare. Un po’ di memoria, insomma: oggi come allora, la nozione di Stato democratico implica parecchi requisiti in più rispetto alla sola investitura delle urne. Purtroppo si sa fin troppo bene chi e per che cosa ha trascinato l’ Unione europea in questa disfatta morale sul fronte turco. Si tratta, in particolare, della scelta della cancelliera Merkel di imbastire con Erdogan un disonorevole contratto d’ affitto di essere umani per contenere un flusso di migranti che rischiava di esporla in casa propria a sgraditi contraccolpi elettorali. Non è la prima volta che le iniziative di Berlino creano seri imbarazzi all’ Europa: già era successo con i micidiali ritardi imposti alla soluzione della crisi greca. E perfino ora, dopo il caso Turchia, Frau Merkel vorrebbe essere sempre lei a decidere modi e tempi dei negoziati con Londra sulla Brexit. 

È ora e tempo che qualcuno parli forte e chiaro per spiegare alla cancelliera che il suo continuo porre l’ Europa dinanzi a fatti compiuti ha provocato soltanto guai peggiori per tutti. E, dato che Matteo Renzi guida la forza politica più votata al Parlamento di Strasburgo, tocca a lui per primo pronunciare un ormai indispensabile: “Adesso basta”. Il prossimo incontro a Ventotene sarebbe l’ occasione perfetta.

La Repubblica


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 26/07/2016 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , .

  • 535.844 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 928 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: