COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

L’arte della fede

Perché la Chiesa oggi dovrebbe interessarsi di arte, o meglio delle arti? Perché dovrebbe prendersi cura del proprio patrimonio culturale, materiale e immateriale? Semplicemente perché l’ha sempre fatto? Potrebbero invece proprio i “beni” sedimentatisi nei secoli e la produzione di nuovi rivelarsi un “bene” per ridiscutere e ridefinire la propria identità e il proprio ruolo in un presente lacerato e di difficile interpretazione? Lo speciale del nuovo numero di “Luoghi dell’Infinito”, mensile di cultura, arte e itinerari, in edicola con “Avvenire” da martedì 6 settembre, è dedicato alla ricchezza di una tradizione che ha visto sempre la Chiesa all’avanguardia, e alle possibilità inesauribili che i tesori di arte e di fede offrono se sappiamo tenerli vivi, tanto nei musei quanto sugli altari.
Il cardinale Gianfranco Ravasi, nel suo editoriale, sottolinea come non solo la pittura e la scultura ma tutte le arti da sempre sono al servizio della fede: un patrimonio immenso che ha dato vita a una vera e propria estetica teologica…


L’arte della fede1

La bellezza dell’annuncio
di Gianfranco Ravasi

«Se un pagano viene e ti dice: “Mostrami la tua fede!”, tu portalo in chiesa e mostra a lui la decorazione di cui è ornata e spiegagli la serie dei quadri sacri». È davvero suggestivo questo monito di san Giovanni Damasceno, il cantore delle icone, per definire la funzione decisiva dell’arte nel primo annuncio della fede. Tuttavia, questo compito può essere espletato in modo altrettanto incisivo anche per la catechesi, come attesta la Biblia pauperum i cui fogli erano costituiti anche dalle “pagine” colorate degli affreschi nelle chiese o da quelle di pietra dei bassorilievi e delle sculture. Non per nulla negli Statuti d’arte dei pittori senesi del Trecento si enunciava: «Noi siamo manifestatori, agli uomini che non sanno lettura, delle cose miracolose operate per virtù dalla fede».

In tutte le fasi storiche dell’Occidente, ma anche della cristianità negli altri continenti, l’arte nella sua molteplicità è stata uno dei tramiti fondamentali per proclamare simbolicamente i contenuti del messaggio di fede. Guillaume de Jerphanion intitolò la sua imponente trilogia dedicata alle chiese rupestri della Cappadocia La voix des monuments (1930). Sì, non solo quelle sorprendenti architetture e quei mirabili affreschi, ma ogni espressione di arte, di letteratura, di musica e persino del cinema, si sono fatti voce per annunciare i grandi temi religiosi, le narrazioni bibliche, i personaggi della fede, così da condurre l’umanità «all’etterno dal tempo» (Paradiso, XXXI, 38).

Si è costituito un vero e proprio kérygma, un annuncio di fede, di morale, di spiritualità (certo, non sempre impeccabile), basato su uno sterminato patrimonio artistico accumulatosi nei secoli e che è percepibile entrando non solo in una cattedrale o in una chiesa di campagna ma anche visitando una pinacoteca o navigando nella Rete. Si tratta di un arcobaleno immenso di simboli, immagini, parole, suoni, una mirabile raccolta che purtroppo spesso è stata sfregiata da furti, spoliazioni, lesioni, devastazioni e soprattutto dall’indifferenza di certi pastori che dovevano essere i custodi e gli interpreti di questa vera e propria «estetica teologica», per usare la celebre formula del teologo Hans Urs von Balthasar.

È, perciò, significativo – anche attraverso la costante opera che fa questa rivista, col suo mirabile intarsio iconografico all’interno dei testi – ritornare alla riappropriazione amorosa di questi segni d’arte che fanno ancor oggi risuonare la loro voce potente per dire Dio in modo bello. Da questa base è possibile spiccare un volo ideale per continuare nel presente, seguendo le nuove “grammatiche” adottate dalle arti, così che l’annuncio della fede cristiana riecheggi e si esprima anche in forme inedite e persino sorprendenti. Come diceva Paolo VI il 7 maggio 1964 nella Cappella Sistina, è necessario che gli artisti ritornino a «carpire dal cielo dello Spirito i suoi tesori e rivestirli di parola, di colori, di forme, di accessibilità». A conferma basti solo l’esempio della Sagrada Familia di Gaudí, a Barcellona: in forme inattese, persino provocatorie e in evoluzione continua, l’architetto catalano confessava di aver voluto rendere in quel progetto i tre grandi codici della Rivelazione divina: «Il libro della natura, il libro della Sacra Scrittura, il libro della liturgia».

http://www.luoghidellinfinito.it


 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 03/09/2016 da in Arte e fede, Attualità sociale, ITALIANO con tag , , .

  • 318.523 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 722 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: