COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

La rivincita del SILENZIO


La rivincita del SILENZIO.jpg


«Il silenzio favorisce la rinascita della dimensione spirituale che la modernità ha soffocato sotto la spinta del razionalismo» assicura Michel Maffesoli ad Avvenire. Classe 1944, Maffesoli è uno dei più originali sociologi francesi. Da anni indaga i tratti dell’epoca che emergerà dalle rovine della modernità. I segni di questo passaggio d’epoca sarebbero evidenti. Comunità, sacro, sentimento sostituiranno presto individuo, materialismo, ragione. A promuoverne la ricomparsa è quel silenzio che Maffesoli indaga in La parole du silence (Cerf, pp. 160, euro 18) e nel recentissimo Le virtù del silenzio (Mimesis, pp. 106, euro 8).

Professore, perché occuparsi del silenzio?
«Dopo il rumore e la furia caratteristici dell’epoca moderna, in quella che chiamo la società ufficiosa traspare un desiderio crescente per il silenzio. Esso è il veicolo per tornare ai principi fondamentali di esistenza».

Può spiegarsi meglio, per favore?
«Il postmoderno supera la visione materialista del mondo moderno esaltando il potere dello spirito contro l’economicismo dominante. E la ricerca del silenzio sarà un tratto della nuova epoca. Questa tendenza la ritroviamo in molte pratiche giovanili oggi sempre più diffuse come il ritiro, i pellegrinaggi di vario genere, la preferenza per letture religiose e filosofiche».

Come mai la modernità ha emarginato il silenzio?
«Per Max Weber una delle caratteristiche dell’epoca moderna è la razionalizzazione generalizzata dell’esistenza sfociata poi nel disincanto del mondo. La realtà era sottomessa alla ragione, ogni cosa doveva dare la propria ragione d’essere. Insomma tutto poteva essere detto e niente doveva restare immerso nel mistero. Ora con lo sfaldarsi della modernità il gusto del mistero ritrova una forza innegabile ».

Come si era riusciti a imbrigliare il mistero?
«La razionalizzazione è passata attraverso delle parole incantesimo, incapaci di cogliere il reale nella sua interezza. Il cardinale Newman le definisce unreal words. Le ‘parole irreali’ privilegiano una realtà rachitica, quella promossa dall’economia, dalla politica, dal sociale. A questa realtà impoverita io oppongo il Reale, gravido di miti, di simboli e degli aspetti misteriosi dell’esistenza umana. Nel Reale occorre trovare le parole che conducono alla parola fondatrice, che nella tradizione cattolica è il Verbo nella sua dimensione ricca e dinamica».

Ma il razionalismo non ha portato al trionfo della ragione o dell’ateismo. Pensi all’islamismo…
«Il rifiuto del sacro generato dal rullo compressore del razionalismo porta al risorgere di un sacro indomabile che diventa perverso e sanguinario. I diversi fanatismi come il jihadismo non sono che manifestazione di questa perversione. Rousseau l’aveva previsto quando ammonì che ogni fanatismo ateo avrebbe partorito un fanatismo devoto».

Come possiamo uscirne?
«Permettendo l’espressione pubblica delle forme religiose e consentendo così, per dirla con Aristotele, una sorta di catarsi».

Il cattolicesimo è un percorso di riscoperta del sacro?
«Il cattolicesimo di tradizione può essere un modo di ridare forza al sacrale. Riprendo questo termine da Maritain per mostrare come al di là e al di qua del razionalismo lo spirituale cominci a rianimare le pratiche sociali».

Cosa intende per cattolicesimo tradizionale?
«Penso che la tradizione francescana, San Francesco e San Bonaventura in particolare, difenda quello che chiamo l’esemplarismo cioè l’idea che ci sia molto da apprendere dalle immagini, dalla liturgia e dalla vita religiosa».

Può fare un esempio?
«Per comprendere l’incarnazione il presepe gioca un ruolo importante. L’esemplarismo relativizza il ruolo del discorso proprio del razionalismo e tende a privilegiare il senso. È questo sensualismo che serve da cemento alla comunità ecclesiale».

Cosa intende per comunità ecclesiale?
«La liturgia riconosce l’importanza del rituale che non bisogna necessariamente comprendere ma vivere. E cosa sono i rituali se non una drammaturgia dei corpi individuali incastonati nel corpo collettivo? E questa liturgia, che etimologicamente significa l’azione del popolo, è ciò che la teologia chiama corpo mistico, prefigurazione del corpo glorioso che apparirà alla fine dei tempi».

Le sembrerà banale ma mi sfugge quale rapporto corra tra silenzio e religione?
«Il legame tra silenzio, religione e mistero comunitario è un legame fondante. Bisogna ricordare che il mito, il mistero è ciò che unisce tra loro degli iniziati. Non è necessario che l’unione si esprima con le parole, ma con un vissuto condiviso. Il silenzio è uno degli elementi strutturanti l’amore e dunque anche il legame comunitario».

Può dirlo con altre parole?
«C’è comunione a partire da ciò che non si dice ma che si vive insieme. La tradizione monastica ne è un esempio. E sembra rinascere nell’ordo amoris postmoderno. Ora quello che conta è l’essere legato all’altro. Ecco l’origine di ogni religione nel senso di legare. Con la fine del moderno il legame con gli altri diventa costitutivo della persona che prenderà il posto dell’individuo moderno ».

SIMONE PALIAGA
Avvenire 21 settembre 2016


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 21/09/2016 da in Attualità, Società, Cultura, ITALIANO con tag , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.336 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
settembre: 2016
L M M G V S D
« Ago   Ott »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

  • 127,389 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Africa Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cristãos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Navidad Nigeria Noël October Oración Oração Pace Padre Cantalamessa Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar Zundel
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: