COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Dentro la bellezza (96)

Quando Magritte evocava l’angelo

Angeli e demoni sono tornati di moda presso numerose sette, esoteriche o di estrazione New Age, e questo è continua fonte di confusione tra i fedeli. Per contro alcune correnti teologiche tendono a ridurre il significato e la portata della presenza degli angeli, eppure la fede cattolica li ricorda in ben due festività, mentre il testo biblico, tanto del Primo che del Nuovo Testamento, li cita continuamente. Non solo: una preghiera educa ogni bambino a ricorrere all’angelo custode nelle sue necessità e, un tempo, canti e filastrocche guidavano i piccoli a confidare in questa presenza invisibile e rassicurante. Uno storico film natalizio: La vita è meravigliosa, narra di un uomo, George, che sull’orlo della bancarotta, medita il suicidio. Un vecchietto, che si rivelerà poi essere l’angelo custode, tenta di distoglierlo dal gesto estremo. Per convincerlo Clarence, l’angelo, gli consente di vedere come sarebbe il mondo se lui non fosse mai esistito portandolo così a scoprire il profondo valore di quell’esistenza che egli voleva sopprimere.

Insomma, dal gioco infantile al lungometraggio d’intramontabile successo, è testimoniato il valore degli angeli e il modo genuino di percepirne la presenza e l’aiuto. Si è cercato di conculcarne la memoria, si è abusato in ogni modo della loro immagine eppure la figura degli angeli non è tramontata neppure per la nostra disincantata società positivista. L’angelo compare negli angoli delle strade; affrescato su edicole, memoria di devote processioni; lo si ritrova sopra le colonne dei pulpiti e delle chiese, come antiche cariatidi; compare persino su certi prodotti da cucina con titoli mediati dalla fede come ad esempio: “Pane degli angeli”. Neppure l’arte del Novecento ha potuto fare a meno di loro: lo stravagante Magritte ha dipinto un angelo in frac alle prese con un misterioso leone.

Le Mal du Pays, 1940 - Rene Magritte.jpg

Un’antica tradizione assicura che ogni Nazione ha un angelo custode pronto a intervenire nelle faccende politiche, se invocato. Così Magritte, scappando dal Belgio nel 1940, a causa dell’invasione delle truppe tedesche, affida (a modo suo) la patria alla protezione degli angeli. Egli stesso racconta che l’opera, dal titolo: il male del proprio Paese (o nostalgia del proprio Paese), è ambientata in quei giorni in cui guardava la sua patria dal confine francese. L’atmosfera di pericolo è resa evidente dal leone, il quale, benché accovacciato, guarda lo spettatore con aria infida. L’angelo veste alla maniera di Magritte ed è forse lui stesso che, con la sua arte (capace, come la preghiera, di evocare Dio), protegge il Belgio. Di lì a poco il panorama politico europeo cambierà repentinamente a causa della seconda guerra mondiale. Per questo l’opera fa pensare.

Di fronte ai grandi cambiamenti in atto (come il futuro referendum sulla Costituzione), di fronte alle sfide che minano l’equilibrio della società italiana, forse dovremmo riprendere l’abitudine di invocare l’angelo della nostra nazione. Come Magritte potremmo riposare voltando le spalle al pericolo, solo se, una sana nostalgia del nostro Paese libero e sicuro, ci porterà ad innalzare verso il cielo una preghiera. Lì, dove vigile sta, per comando divino, l’angelo della nostra nazione.

A cura di Gloria Riva
Avvenire 29/9/2016


 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 03/10/2016 da in Arte e fede, Dentro la bellezza, ITALIANO con tag .

  • 487.673 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 896 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: