COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Lettera dalla Colombia: Pace in vista?


Accordo con le Farc, la Colombia sulla strada della pace.jpg


Cari amici che mi seguite dall’Italia,
questa volta vi scrivo per raccontarvi un poco quello che sta succedendo in Colombia durante questi giorni.

Il 26 di settembre  nella città di Cartagena, con la presenza di rappresentanti di molti governi del mondo, il presidente della Colombia Juan Manuel Santos ed il comandante delle FARC ( Forze Armate Rivoluzionarie Colombiane), conosciuto con il soprannome di Timochenko hanno firmato un trattato di pace, dopo più di 50 anni di scontri, di guerra, di morte, di distruzione , di sofferenza, provocati dall’uno e dall’altro bando.

Perché era nata questa guerra?

La situazione di forte ingiustizia sociale, la presenza di grandi latifondi e di molta gente senza terra, una distribuzione della ricchezza che creava pochi ricchi ed una immensità di poveri, in una terra dove le ricchezze naturali non mancano e l’esperienza dell’impossibilità di poter cambiare le cose attraverso il cammino della democrazia aveva spinto molte persone ad andare a vivere nella selva per organizzarsi lí e tentare di iniziare una guerra al governo che li portasse al potere per potere cambiare le cose.

Il gruppo delle FARC è arrivato durante questi 50 anni ad avere nelle sue file decine di migliaia di persone.
E durante questi decenni ha organizzato attacchi al governo, ai ricchi, attentati, sequestri, bombe  e ha provocato migliaia di morti e di famiglie che han dovuto fuggire per salvare la vita.

Da parte sua il governo ha risposto con forza, anche lui uccidendo, bombardando, tentando in certi periodi di vincere le FARC eliminando tutti loro fisicamente ed in altri periodi tentando un dialogo che finora era sempre fallito.

Un elemento che è entrato nella vita delle FARC negli ultimi decenni  è stato il narcotraffico.
Per sostenersi economicamente, nelle zone dove avevano il potere, obbligavano la gente a produrre coca  che poi loro vendevano per sostenere la guerra.
Molti giovani entravano nelle file delle FARC non per motivi ideologici ma per guadagnarsi la vita o perché vi erano obbligati dal gruppo guerrigliero.

 Come si è arrivati agli accordi di questi giorni?

Credo che sia il governo che le FARC si sono resi conto , dopo 50 anni di guerra, che  né da una parte né dall’altra sarebbero mai riusciti a sconfiggere il nemico.

E cosí hanno deciso 4 o 5 anni fa di tentare un avvicinamento ed un dialogo. I dialoghi ufficiali sono iniziati quasi 4 anni fa in Cuba, aiutati da vari paesi che si sono offerti come mediatori. Durante il dialogo la guerra è continuata.

A che accordi sono arrivati?

Le migliaia di membri delle FARC nelle prossime settimane si concentreranno in circa 25 luoghi dove il governo li appoggerà economicamente finché non trovino un nuovo modo di vivere (massimo due anni). Durante questi mesi riceveranno capacitazione per imparare un lavoro che gli possa servire. Il governo crea un fondo di terre che saranno date a coloro che vorranno lavorarle e dove il governo assicura salute, educazione, vie di accesso, incentivi per la produzione.

Pagati dal governo le Farc sradicheranno le coltivazioni di Coca che gli appartenevano e si impegnano ad abbandonare il narcotraffico.

Durante questi due anni  lasceranno le armi che saranno distrutte e trasformate in monumenti alla pace.

Le Farc si impegnano a chiedere perdono a tutte le vittime di questi decenni di violenza ed a ripagare in qualche modo i danni provocati, in cambio ci sarà  per loro amnistia per i delitti lievi e pene ridotte per i delitti gravi da loro perpetrati se  riconoscono di averli fatti.

Le Farc lasciano la guerra e si trasformano in un partito politico e come tali potranno partecipare alle prossime elezioni . avendo diritto durante le prime due elezioni ad un minimo di 5 deputati.

In poche linee questi sono gli accordi più importanti che sono stati firmati e che sono raccolti in un libro di quasi trecento pagine dopo quasi 4 anni di trattative.

Il ruolo della Chiesa  per giungere a questi accordi mi sembra che è stato positivo. Da anni ha cercato di promuovere il dialogo ed ha posto a disposizione luoghi, persone, proposte.

Gli accordi dell’Avana significano la pace per la Colombia?

Io credo che sicuramente sono un passo positivo in quella direzione ma il cammino che resta da fare è ancora molto lungo
Innanzitutto perché passeranno anni prima che gli accordi firmati si realizzino in tutte le loro conseguenze ma soprattutto perché in Colombia se è vero che le Farc erano il più grande gruppo armato illegale questo non significa che sia l’unico.

Esistono in Colombia da molto tempo altri gruppi armati, alcuni rivoluzionari ed altri nati a difesa degli interessi dei grandi proprietari che non sono entrati nei dialoghi di pace.

Vi faccio un esempio. Dopo aver vissuto per quasi 8 anni in una piccola città di neri del sud della Colombia io mi trovo da poco più di un anno in un quartiere marginale del sud della capitale

Qui le Farc quasi non ci sono però tra maggio e luglio di quest’anno solo nel quartiere dove io vivo sono stati assassinati una quarantina di giovani, frutto di gruppi armati di destra che vogliono in questo modo eliminare ciò che loro considerano la feccia della società.

Molti gruppi armati illegali continueranno per ora ad agire però certamente il fatto che ci saranno circa 10.000 persone meno nel paese che sparano, sequestrano, tirano bombe e si dedicano al narcotraffico sicuramente è qualcosa di positivo e da la speranza che altri gruppi, se questo esperimento di pace funziona, potrebbero pensare di intraprendere la stessa strada.

Resta un problema grande: gli accordi di pace non prevedono una vera riforma agraria che gli attuali governanti non vogliono perché lederebbe i loro interessi. Le Farc hanno ceduto su questa richiesta che da decenni promuovevano.
Finché non ci sarà una reale distribuzione della ricchezza, la situazione dei più poveri sarà sempre una minaccia  ad una reale pace.

Domenica scorsa, 2 di ottobre, un plebiscito convocato dal presidente, ha detto no agli accordi di pace.

Tutti pensavamo che avrebbe vinto il si mentre un’abile campagna dei nemici di questi accordi é riuscita a presentare le FARC come il babau, come facevano in Italia negli anni 60 rispetto ai comunisti.

Dopo il plebiscito l’ambiente attuale é di dialogo ed i vari attori si stanno incontrando ed ascoltando per cercare di non perdere tutti i vantaggi raggiunti da quattro anni di negoziazioni. Si spera che nei prossimi mesi si possa ricucire il tutto e riprendere il cammino di un accordo nazionale.

Io sto bene e continuo la mia attività tra i neri della periferia di Bogotá
Statemi bene

Franco Nascimbene mccj


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 05/10/2016 da in ITALIANO con tag , .

  • 509.232 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 915 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: