COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Prossimità, riconciliazione, fedeltà. Il segno cristiano

Un gesto coraggioso. Un messaggio profetico. L’avvio di una stagione nuova. Ma anche il culmine di un lungo cammino di preparazione. Il segno cristiano concreto della vicinanza all’altro, oltre le differenze. La caparbia testimonianza della «cultura dell’incontro», parola chiave del suo pontificato.

Papa in Svezia1.jpg

La visita del Papa in Svezia, a “casa” dei luterani, è stata insieme logica e rivoluzionaria. Audace e di rottura certo, come dimostrano le rimostranze di una piccola ma battagliera parte dello stesso mondo cattolico. E al tempo stesso “naturale”, quasi doverosa verrebbe voglia di dire, alla luce della lunga e tenace marcia di riavvicinamento reciproco di cui l’Accordo del 1999 sulla «Dottrina della giustificazione» è stato il punto più alto e il documento «Dal conflitto alla comunione» (2013), lo scenario di riferimento. Un testo quest’ultimo, scritto insieme da cattolici e luterani che impegna entrambe le comunità a ricercare l’unità visibile e in tal senso a «elaborare e sviluppare» passi concreti. Perché il Papa non è andato a Lund a commemorare, peggio a “festeggiare” una frattura, ma a riprendere in mano i fili della storia per poterla ricucire, superando, là dove possibile, controversie e malintesi.

Se il passato è infatti immutabile, la memoria e il modo di “farla” possono essere trasformate, provando a considerare le ragioni dell’altro, alimentando il cammino di riconciliazione con semi di vita nuova. Ecco allora il riconoscimento di Lutero come riformatore dall’interno della Chiesa, ecco l’omaggio al ruolo giocato dalla tradizione luterana per “mettere” la Scrittura nelle mani del popolo di Dio. Considerazioni, immagini che la storia ha fatto sue da tempo, ma che suonano dirompenti se evocate da un Papa, specie in un contesto secolarizzato e post-cristiano come la Svezia di oggi. Qui infatti non si tratta di negare un passato fatto di scontri, conflitti e scomuniche reciproche, ma di riconoscerne lo scandalo, di assumersi ciascuno le proprie responsabilità, di vedere che cosa le due comunità possono fare insieme.

Così nel riconoscere i luterani come interlocutori di primo livello, altro gesto tutt’altro che scontato, Francesco ha sottolineato come l’impegno per il dialogo non possa che tradursi in gesti concreti, sul terreno dell’accoglienza, dell’attenzione agli ultimi, più in generale della prassi. Senza negare le differenze che pure restano, in ambito più specificamente teologico come in campo etico, da Lund e da Malmö è risuonata con forza la chiamata alla testimonianza comune sul fronte della tutela della dignità dell’uomo, specie se povero e dimenticato, l’invito a promuovere il vocabolario della pace, il richiamo ad andare incontro, insieme, agli scartati di ogni società e latitudine. Tanto nella Dichiarazione congiunta firmata dopo la celebrazione di Lund che nell’intesa tra Caritas internationalis e l’organismo luterano equivalente, risulta centrale infatti la lotta alla povertà e alle sue cause. In particolare, di fronte a un fenomeno epocale (e forzato) come le attuali migrazioni dal Sud al Nord del mondo occorre lavorare insieme «per accogliere chi è straniero, per venire in aiuto di quanti sono costretti a fuggire a causa della guerra e della persecuzione, a difendere i diritti dei rifugiati e di quanti cercano asilo».

Sbaglia però chi pensa che la “due giorni ecumenica” del Pontefice in Svezia sia servita solo a puntellare e rilanciare il pur benemerito impegno sociale della Chiesa cattolica e della Federazione luterana. Perché anche la più matura e generosa testimonianza di solidarietà concreta, sarebbe svuotata di senso, cristianamente parlando, senza un preciso riferimento al Vangelo. Di qui il richiamo alle Beatitudini come carta d’identità del seguace di Gesù. Nel perdono del male che si è subito, nello slancio sul fronte dell’evangelizzazione, nella cura della casa comune, nella rinuncia al proprio benessere per il bene degli altri. Soprattutto nell’impegno, nel lavoro per la piena comunione dei cristiani. Un servizio che non può fare a meno dell’azione dello Spirito e del sostegno della preghiera, che è benzina per il motore del dialogo, guida a impedire che si perda di vista la centralità di Cristo, filo di misericordia con cui ricucire lo strappo di antiche divisioni.

Riccardo Maccioni
Avvenire mercoledì 2 novembre 2016


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 02/11/2016 da in Attualità religiosa, ITALIANO con tag , , , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.341 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
novembre: 2016
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

  • 131,018 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Africa Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cristãos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Navidad Nigeria Noël October Oración Oração Pace Padre Cantalamessa Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Radcliffe Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: