COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

La bellezza della misericordia

La bellezza è dove meno te lo aspetti, come altrettanto spesso è sorprendente la misericordia. La loro è una stretta, inscindibile alleanza, capace di trasfigurare e potenziare entrambe.

Misericordia l’ultima parola

Per Bigongiari, Dylan Thomas, Leopardi è un uncino capace di risollevare una vita
Qualche anno fa, quando quasi nessuno parlava di “misericordia” se non qualche santo – a un concorso di poesia denominato “inediTo” che si svolge ogni anno presso il Salone del Libro  di Torino decidemmo di premiare un manipolo di poesie, così da permetterne la pubblicazione. Il libro raccontava la storia di un internato al manicomio di Volterra. Quel povero Cristo, Oreste Fernando Nannetti, è divenuto un poco celebre perché lungo i sedici anni della sua permanenza in quel luogo di ombre e sofferenze ha realizzato con la fibbia un graffito di parole visionario su un muro di sedici metri. Nel libro, titolato dalle iniziali e dal numero del padiglione N.O.F.4, l’autrice Maria Grazia Carraroli racconta in poesia che alla sua morte era rimasto giusto lo spazio di una parola in quel muro tutto segnato. E allora un suo compagno aveva voluto porre come parola finale a quel delirio di segni un termine, se pur sgrammaticato: “mese recodia”.

Questo particolare mi aveva fulminato e commosso. Quale altra parola può esser la finale adeguata a questa nostra vita piena di delirio e di pena, colma almeno quanto – se non di più – di gioia e godimento? Quei due internati a Volterra avevano visto giusto.

La parola sgrammaticata della misericordia è l’unica che può dire, adeguatamente, la vita. La può chiudere in un senso che è quasi un non-senso per le nostre piccole menti.

La misericordia è un’altra grammatica rispetto alle misure nostre di senso e di comunicazione. Perciò riguarda la poesia. Come la poesia, del resto, la misericordia non è consolatoria. Piuttosto è benzina, un carburante che sale dal mistero che si trova nel segreto motore del mondo.

di Davide Rondoni
https://www.luoghidellinfinito.it


Oltre Narciso e Babele, la forma della Grazia

Il pensiero del bello, nella storia della nostra tradizione culturale, si muove lungo due grandi assi di riferimento. Il primo è quello che definisce – per così dire d’ufficio – l’integrità, la compiutezza, la perfezione. È il solco più arcaico, dove la bellezza è lo splendore della potenza: armonia dell’intelligenza e dell’audacia che illuminano la figura quasi divina dell’eroe-guerriero (Omero), la cui inviolabile integrità è al tempo stesso fisica e morale. Il secondo asse di riferimento si distacca dall’immagine della potenza per congiungersi con la tenerezza. Il bello, qui, appare piuttosto nel sublime di un amore che precede l’essere: e che solo a tratti lampeggia nella mente, aprendo come una ferita salvifica e irrimarginabile nell’anima (Plotino). La bellezza come pura attrazione al consumo del godimento, infine, in entrambi i casi, è concepita come momento transitorio e strumentale: irrimediabilmente ambiguo nei confronti del bello che deve rapirci l’anima e i sensi (Platone).

Nella bellezza autentica, in ogni modo, la potenza e la tenerezza devono vincere la sfida della loro intima unione: potenza della tenerezza e tenerezza della potenza, indisgiungibilmente. E la bellezza che annuncia il miracolo della conciliazione deve essere accolta come una grazia che può soltanto essere ricevuta: non prodotta, non calcolata, non requisita, non dominata. L’amore, del resto, non può raggiungere la propria verità e la propria giustizia in nessun altro modo. Un sogno impossibile, per come vanno le cose del mondo. Una promessa certa, che riempie il mondo di segni, per coloro che si lasciano aprire gli occhi dal Vangelo. «E perché vi affannate per il vestito? Osservate come crescono i gigli del campo: non lavorano e non filano. Eppure io vi dico che neanche Salomone, con tutta la sua gloria, vestiva come uno di loro. Ora, se Dio veste così l’erba del campo, che oggi c’è e domani verrà gettata nel forno, non farà assai di più per voi, gente di poca fede?» (Mt 6, 28-30).

La misericordia è in rotta di collisione con l’auto-contemplazione ossessiva di Narciso e con il delirio di onnipotenza di Babele, che vivono di sacrifici umani. La misericordia riporta la bellezza nei luoghi che Narciso e Babele hanno già scartato, perché li considerano inabitabili per l’amore di sé e per la volontà di potenza.

L’atto della creazione sprigiona tutta la sua bellezza quando porta la traccia di un gesto d’amore per la vita. Ma è l’atto della redenzione che toglie alla bellezza ogni ambiguità, conferendo splendore insuperabile al gesto del suo riscatto. La misericordia, che riapre il regno di Dio come destinazione del mondo, è un atto di forza: il sentimentalismo di una commozione fine a se stessa gli è estraneo. Ma deve avere la forma della grazia, e non quella della pulsione o della costrizione, se vuole riaprire alla bellezza dell’amore la verità del mondo. Il narcisismo dell’estetico si converte in autolesionismo, e il monoteismo del sé rende inintelligibile l’umano a se stesso: l’arte che vi si abbandona si fa mosca cocchiera del nichilismo. La misericordia è un’estetica della redenzione. L’arte che ne accettasse la sfida potrebbe cambiare il verso spietato del tempo che abitiamo, in cui l’estetica del nichilismo va all’incasso del suo disprezzo per la creatura vulnerabile e indifesa.

di Pierangelo Sequeri
preside del Pontificio Istituto Giovanni Paolo II
https://www.luoghidellinfinito.it


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 09/11/2016 da in Attualità, Società, Cultura, Fede e Spiritualità, ITALIANO con tag , , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.343 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
novembre: 2016
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

  • 131,483 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Africa Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cristãos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Navidad Nigeria Noël October Oración Oração Pace Padre Cantalamessa Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Radcliffe Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: