COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

USA: Le incognite di un presidente che cavalca la protesta


Trump.jpg

L’imprevisto si è realizzato. L’America ha portato Donald Trump alla Casa Bianca. Che il Paese fosse spaccato era noto, che una lieve maggioranza fosse per l’imprenditore guascone e politicamente scorretto molti non lo credevano (o non lo volevano ammettere). Eppure, un sondaggio di opinione Reuters/Ipsos, condotto sui votanti e diffuso ieri all’apertura delle urne, spiegava già tutto. Tre americani su quattro dicono che «serve un leader forte», che «l’economia è orientata ad avvantaggiare chi è ricco e potente», che i media «sono più interessati a guadagnare che a dire la verità». Più della metà degli interpellati afferma poi che «i partiti tradizionali e i politici non si curano di gente come me», e che «sempre di più non mi identifico nell’America per come è diventata».

Esattamente, la “narrazione” che Trump ha costruito nell’ultimo anno, sfruttando sentimenti reali e diffusi, ma esasperandoli e coagulandoli in un clima di populismo e anti-politica che è andato crescendo nel confronto con una candidata, Hillary Clinton, che è l’incarnazione perfetta dell’establishment, del “privilegio” e della distanza dall’uomo della strada. Con un quadro simile, The Donald avrebbe dovuto trionfare con un vantaggio ancor più grande.

Il nuovo presidente, il 45° della storia, si trova adesso in una situazione favorevole al Congresso, spinto da un vento che, questo sì a sorpresa, ha premiato un Partito repubblicano obiettivamente diviso e con poche idee forti. Eppure, fa anche il pieno di governatori. Non bisogna però dimenticare che la stragrande maggioranza dei giornali americani, gli imprenditori più innovativi (che mantengono forte e influente il Paese), il mondo accademico (dove l’America è ancora unica superpotenza) si erano espressi con decisione contro Trump.

Per fondati motivi o per interesse, per distanza ideologica o per sussiego intellettuale, in ogni caso una parte del Paese dalla quale la Casa Bianca non può prescindere e con la quale non potrà fare una guerra permanente era schierata e ostile al nuovo comandante in capo.

A caldo, è questo uno dei due grandi interrogativi che accompagnano l’elezione di Trump. Sul fronte interno, riuscirà a modificare il suo profilo anti-sistema, a incanalarsi in una dimensione istituzionale, in un “presidente di tutti”, capace di costruire un consenso più allargato grazie a una squadra composta da personalità dal prestigio riconosciuto e dotate di quell’esperienza che manca al presidente?

Il secondo interrogativo è sul fronte internazionale. Come si muoverà Washington negli scacchieri delle principali crisi aperte, dal Medio Oriente al braccio di ferro con la Russia? Le boutade da campagna elettorale saranno superate a favore di una realpolitik guidata da un apparato diplomatico-militare che resta capace di fare pesare la propria influenza?

Mentre si aspettano le prime parole del presidente eletto, non è azzardato prevedere quattro anni di sorprese e di cambiamenti. Non necessariamente per il meglio. Né per l’America, né per il resto del mondo.

Andrea Lavazza
Avvenire mercoledì 9 novembre 2016


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 09/11/2016 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , , .

  • 454.756 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 873 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: