COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

USA: Le incognite di un presidente che cavalca la protesta


Trump.jpg

L’imprevisto si è realizzato. L’America ha portato Donald Trump alla Casa Bianca. Che il Paese fosse spaccato era noto, che una lieve maggioranza fosse per l’imprenditore guascone e politicamente scorretto molti non lo credevano (o non lo volevano ammettere). Eppure, un sondaggio di opinione Reuters/Ipsos, condotto sui votanti e diffuso ieri all’apertura delle urne, spiegava già tutto. Tre americani su quattro dicono che «serve un leader forte», che «l’economia è orientata ad avvantaggiare chi è ricco e potente», che i media «sono più interessati a guadagnare che a dire la verità». Più della metà degli interpellati afferma poi che «i partiti tradizionali e i politici non si curano di gente come me», e che «sempre di più non mi identifico nell’America per come è diventata».

Esattamente, la “narrazione” che Trump ha costruito nell’ultimo anno, sfruttando sentimenti reali e diffusi, ma esasperandoli e coagulandoli in un clima di populismo e anti-politica che è andato crescendo nel confronto con una candidata, Hillary Clinton, che è l’incarnazione perfetta dell’establishment, del “privilegio” e della distanza dall’uomo della strada. Con un quadro simile, The Donald avrebbe dovuto trionfare con un vantaggio ancor più grande.

Il nuovo presidente, il 45° della storia, si trova adesso in una situazione favorevole al Congresso, spinto da un vento che, questo sì a sorpresa, ha premiato un Partito repubblicano obiettivamente diviso e con poche idee forti. Eppure, fa anche il pieno di governatori. Non bisogna però dimenticare che la stragrande maggioranza dei giornali americani, gli imprenditori più innovativi (che mantengono forte e influente il Paese), il mondo accademico (dove l’America è ancora unica superpotenza) si erano espressi con decisione contro Trump.

Per fondati motivi o per interesse, per distanza ideologica o per sussiego intellettuale, in ogni caso una parte del Paese dalla quale la Casa Bianca non può prescindere e con la quale non potrà fare una guerra permanente era schierata e ostile al nuovo comandante in capo.

A caldo, è questo uno dei due grandi interrogativi che accompagnano l’elezione di Trump. Sul fronte interno, riuscirà a modificare il suo profilo anti-sistema, a incanalarsi in una dimensione istituzionale, in un “presidente di tutti”, capace di costruire un consenso più allargato grazie a una squadra composta da personalità dal prestigio riconosciuto e dotate di quell’esperienza che manca al presidente?

Il secondo interrogativo è sul fronte internazionale. Come si muoverà Washington negli scacchieri delle principali crisi aperte, dal Medio Oriente al braccio di ferro con la Russia? Le boutade da campagna elettorale saranno superate a favore di una realpolitik guidata da un apparato diplomatico-militare che resta capace di fare pesare la propria influenza?

Mentre si aspettano le prime parole del presidente eletto, non è azzardato prevedere quattro anni di sorprese e di cambiamenti. Non necessariamente per il meglio. Né per l’America, né per il resto del mondo.

Andrea Lavazza
Avvenire mercoledì 9 novembre 2016


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 09/11/2016 da in Attualità, Società, Cultura, ITALIANO con tag , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.347 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
novembre: 2016
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

  • 134,725 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Africa Afrique Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cristãos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Gender Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro dell'esodo Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Navidad Nigeria Noël October Oración Oração Pace Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: