COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Dentro la bellezza (98)

La gloria invisibile degli innocenti


Il trionfo degli Innocenti Il trionfo degli Innocenti.jpg


Wiliam Holman Hunt (1827-1910) era stato in Terra Santa, quel viaggio gli era come rimasto addosso facendogli realizzare opere che trasudano del sapore drammatico e misterico di quella terra. Una di queste si intitola Il trionfo degli Innocenti. Mi tornava in mente questo dipinto domenica, mentre ascoltavo le accorate parole del Santo Padre sulla strage di Mosul, ultima di una lunga serie. Quel minuto di silenzio osservato insieme alle migliaia di pellegrini presenti in piazza San Pietro si è caricato di Presenze invisibili, ma reali. Proprio come nell’opera di Holman Hunt.
La sacra famiglia fugge verso l’Egitto, per scampare alla persecuzione di Erode. Una scena quotidiana, ormai, anche per il nostro panorama europeo. Non più interminabili cammini a dorso di un mulo, ma viaggi precari a bordo di barche, appena degne di questo nome, per sfuggire spesso alla tirannia dei prepotenti. Nell’opera di Holman un san Giuseppe ignaro di tutto trascina vigorosamente l’asinello che reca come soma il “peso” più prezioso della storia umana: Maria con il divino Figlio. Ma nella vellutata notte stellata della fuga accade qualcosa. Il silenzio, come domenica scorsa in piazza san Pietro, si carica di presenze. Attorno alla sacra famiglia si materializzano bambini bellissimi, festanti che, tuttavia, l’uomo di Nazareth non vede. Quasi non li vede neppure la Vergine come spiega lo stesso pittore in una lettera all’amico William Bell Scott. È Cristo che distoglie la Vergine dalla sua meditazione inarcandosi sulla schiena e indicando con la piccola manina le improvvise presenze.
Quei bambini sono i martiri innocenti massacrati da Erode che, inconsapevoli e quasi incapaci di parlare, hanno testimoniato Cristo, conseguendo in un attimo la corona della gloria. Non posso non pensare ai piccoli martiri di Mosul, destinati a morire comunque: o come scudi umani o vittime di una crudeltà gratuita e cieca. Mi piace pensarli così, ora, liberi e vivi alla Presenza di Colui che senza, forse, saperlo hanno onorato con la morte.
Colpiscono alcuni particolari. In primo piano una bambina, splendida, sta guardando la corona di perle che si è appena rotta, forse nella colluttazione del martirio subito. Il volto, che tradisce una piccola delusione, si piega verso il monile strappato e lascia cadere lo sguardo sopra un taglio dell’abito bianchissimo proprio all’altezza del costato. Questa bimba è l’allegoria della Chiesa dei martiri che reca con sé i gioielli dello Sposo (il corallo, simbolo appunto della vita eterna) quale promessa di felicità, ma che contempla quella ferita (il costato di Cristo) per la quale la promessa diverrà realtà. Accanto a lei si solleva danzante una bolla di sapone, ve ne sono altre qua e là lungo il cammino, è il segno della fragilità dell’esistenza e dell’inconsistenza delle certezze umane. Se anche la vita dei bambini, carica di promesse e di futuro, non vale nulla agli occhi degli uomini, è un tesoro inestimabile agli occhi di Dio. Forse noi come Giuseppe, non ci avvediamo della grandezza di certi eventi, relegandoli pur con dolore, nella lunga lista della cronaca nera quotidiana. Ma Cristo li vede. Cristo ridesta persino la Madre, obbligandola con la sua manina a volgere lo sguardo verso questi piccoli martiri mentre, con l’altra mano porge loro delle spighe di grano. Sì, il martirio dei bambini è frumento macinato nel dolore per la fame di Dio nel mondo. Che la Madre di Dio ci ridesti a uno sguardo di fede più profondo, capace di vedere come certi eventi, nel dramma, ci stiano salvando.
Gloria Riva
Avvenire
giovedì 27 ottobre 2016


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 14/11/2016 da in Arte, Dentro la bellezza, ITALIANO con tag .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.612 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
novembre: 2016
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

  • 194,844 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Advento Africa Ambiente Amore Anthony Bloom Arabia Saudita Arte sacra Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Cina Contemplazione Cristianos perseguidos Cuaresma Curia romana Daesh Dal rigattiere di parole Dialogo Diritti umani Economia Enzo Bianchi Eucaristia Europa Famiglia Family Família Fede France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Italia Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lent LENT with Gregory of Narek Libro del Génesis Magnificat Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Migranti Misericordia Missione Natal Natale Natale (C) Nigeria P. Cantalamessa Pace Padri del Deserto Pakistan Paolo VI Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione dei cristiani Pittura Pobreza Pope Francis Poveri Povertà Prayers Profughi Quaresima (C) Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Sconfinamenti della Missione Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Sud Sudan Terrorismo Terrorismo islamico Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Virgin Mary

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: