COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Dentro la bellezza (99)

L’abbraccio al mondo del Dio che salva


giovanni-gasparro-salvator-mundi
Si rimane sgomenti di fronte a certe affermazioni. Sgomenti anche perché – a differenza di altre di minor portata – passano in sordina. Mi riferisco a quel giornalista che, riguardo all’ultimo terremoto, ha scritto su Facebook: «Il crollo delle chiese, però, è divertente». Come può divertire il crollo di edifici della memoria storica di un paese, di un popolo? Del crollo di un edificio storico, laico o religioso che sia, non ci si può rallegrare.
L’affermazione tuttavia nella sua drammaticità fa riflettere. L’ultimo terremoto è stato ben strano. Nessuna vittima, grazie a quella prima scossa che ha dato l’allarme e ha permesso a tutti di riparare al sicuro, ma ingente il danneggiamento e il crollo di tutte le chiese della zona sismica, colpita dunque nelle sue radici cristiane.
Pensavo a questo l’altro giorno mentre mi capita sotto gli occhi un’opera di Giovanni Gasparro, giovane artista al quale è stato commissionato il ciclo pittorico su San Giuseppe per l’omonima chiesa dell’Aquila distrutta dal terremoto del 2012. Un’opera del 2015, in collezione privata di Lisbona, reca il titolo: Salvator Mundi. Domina la tela, un Cristo Bambino bellissimo e pensoso, il cui sguardo innocente pare accarezzare tutte le tragedie di questo nostro mondo. Ed è così che ci si accorge di mani avide e perverse che cercano di afferrarlo al fine di impossessarsene o farlo soccombere. Il Cristo, inconturbabile, alza la mano benedicente mentre con l’altra protegge il mondo che, nelle sue piccole mani, pare poco più di un balocco.
L’iconografia è ripresa da molti artisti del passato come van Dick o l’italiano Mattia Preti: Gesù Bambino impugna la sua croce e si affretta alla Passione per salvare il mondo.
Impressiona come, con un anno di anticipo, Gasparro sia riuscito a fotografare la situazione attuale. Nell’angolo basso a destra, una delle mani regge un teschio, simbolo della morte che incombe. Ciò che rimane della dentatura del teschio sembra voler inghiottire il mondo e con esso il bimbo che lo difende. Quasi come il dramma del terremoto che tutto vorrebbe inghiottire, o quello delle innumerevoli morti cui ormai anche i nostri occhi si stanno drammaticamente abituando.
Di mani, elemento caratteristico della pittura di Gasparro, ce ne sono altre: una ingioiellata si insinua sotto il manto scarlatto del Cristo, l’altra maschile e avida lo ghermisce all’altezza del braccio, sono i poteri di questo mondo, nemici della creazione e della stessa umanità. Sono, come ha detto il Santo Padre, gli interessi economici e criminali che agiscono in modo subdolo e sistematico, di fronte a un mondo indifferente e – talora – ignaro di ciò che sta accadendo.
Gli esempi sarebbero tanti e superflui perché ognuno ne potrebbe elencare a migliaia.
Quello che ci salva e ci salverà, allora, è sollevare lo sguardo, tenere lo sguardo fisso su quella mano levata del Cristo Bambino, benedicente, e su quell’altra mano, tenerissima, che stringe il mondo a sé.
Sì, ancora dopo la plurimillenaria storia della Chiesa, dopo l’instancabile annuncio della Redenzione, ancora soffriamo per i nostri peccati, soffriamo per il mistero dell’iniquità che sovrasta, soffriamo per una creazione che sembra ribellarsi allo spreco e alla malvagità umana. Soffriamo ancora, è vero, ma al di là di tutte le cose, “più in là” come scriveva Montale, c’è una mano benedicente che non ci abbandona. Dentro il suo abbraccio di misericordia, se lo ricambiamo, saremo salvati.
Gloria riva
Avvenire giovedì 10 novembre 2016


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 16/11/2016 da in Dentro la bellezza, ITALIANO con tag , , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.336 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
novembre: 2016
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

  • 127,589 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Africa Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cristãos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Navidad Nigeria Noël October Oración Oração Pace Padre Cantalamessa Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Radcliffe Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: