COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Giubileo. Chiusa a Roma la Porta Santa

Chiusa la Porta Santa di San Pietro, finito il Giubileo straordinario della Misericordia. Il Papa ha firmato anche il documento postgiubilare che verrà diffuso lunedì 21 novembre.


porta-santa-di-san-pietro


Chiusa la Porta Santa di San Pietro, finito il Giubileo straordinario della Misericordia. Con una liturgia di straordinaria intensità, davanti a una piazza gremita da 70mila fedeli e alle telecamere di tutto il mondo, Papa Francesco ha compiuto il gesto finale dell’Anno Santo che egli stesso aveva aperto lo scorso 8 dicembre. Il Pontefice dopo una breve orazione (“Riconoscenti per i doni di grazia ricevuti e incoraggiato a testimoniare nelle parole e nelle opere, la tenerezza del tuo amore misericordioso, chiudiamo la Porta Santa”) si è soffermato alcuni secondi in preghiera sulla soglia, quindi ha accostato prima un battente e poi l’altro, richiudendo il simbolo del Giubileo alle sue spalle, nel pronao della Basilica Vaticana. Quindi in processione ha raggiunto il sagrato e iniziato la celebrazione della Messa, cui prendono parte anche i 16 nuovi cardinali creati sabato 19 (il 17.mo. non era presente per ragioni di salute ed è rimasto nella sua patria, il Lesotho)

“Anche se si si chiude la Porta santa, rimane sempre spalancata per noi”, ha detto nell’omelia, “la vera porta della misericordia che è il Cuore di Cristo. Chiediamo la grazia di non chiudere mai le porte della riconciliazione e del perdono”.

Francesco, che prima del rito ha salutato brevemente il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella e il premier Matteo Renzi, accompagnato dalla moglie Agnese, ha anche firmato il documento post-Giubilare Misericordia et Misera che verrà diffuso lunedì 21 novembre.

Nella solennità di Cristo Re

Nel corso dell’omelia il Pontefice, riferendosi all’odierna solennità di Cristo Re, ricorda che il regno di Dio non è come i regni e i poteri del mondo. Ed è proprio questa regalità “paradossale”, “senza potere e senza gloria”, che fa sembrare Cristo “più un vinto che un vincitore”. “Quante volte invece, – osserva il Papa – anche tra noi, si sono ricercate le appaganti sicurezze offerte dal mondo.

Quante volte siamo stati tentati di scendere dalla croce: la forza di attrazione del potere e del successo è sembrata una via facile e rapida per diffondere il Vangelo, dimenticando in fretta come opera il regno di Dio. Quest’Anno della misericordia – sottolinea – ci ha invitato a riscoprire il centro, a ritornare all’essenziale”. La meditazione sulla regalità di
Cristo si gioca analizzando i comportamenti di tre gruppi di persone sotto la croce: “il popolo che guarda, il gruppo nei pressi della croce”, che invita Cristo a scendere e dimostrare la sua potenza, e “un malfattore crocifisso accanto a Gesù”. Sarà questi a amare fino alla fine, cioè a vivere la misericordia e l’atteggiamento che è di Dio.
“Tanti pellegrini – osserva inoltre il Papa – hanno varcato le Porte sante e fuori del fragore delle cronache hanno gustato la grande bontà del Signore. Ringraziamo per questo – esorta – e ricordiamoci che siamo stati investiti di misericordia per rivestirci di sentimenti di misericordia, per diventare noi pure strumenti di misericordia. E proseguiamo questo nostro cammino, insieme”.

La firma del documento

Dopo l’Angelus, in cui saluta le delegazioni presenti e ringrazia il presidente del Pontificio Consiglio per la promozione della Nuova Evangelizzazione, l’arcivescovo Rino Fisichella, e tutto il dicastero che ha curato gli aspetti organizzativi del Giubileo, viene portato un tavolino e papa Francesco, con il sostituto monsignor Angelo Becciu alla sua destra e lo stesso Fisichella, alla sua sinistra, firma la lettera “Misericordia et misera”, che spiega come continuare a vivere nella vita quotidiana lo spirito del giubileo. Papa Francesco la consegna quindi a cinque tipologie di rappresentanti del popolo, dal cardinale Tagle a tre generazioni di una stessa famiglia, a catechiste e diaconi.

Poi si trattiene per una serie infinita di abbracci, prima con i cardinali “vecchi” – oggi ce ne sono circa 120 – poi con quelli che ha creato nel concistoro di ieri, poi con sacerdoti e popolo.

Infine papa Francesco sale sulla jeep bianca scoperta e fa un giro tra il popolo del giubileo, che lo acclama a lungo e con grande festa.

Mimmo Muolo
Avvenire domenica 20 novembre 2016


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 21/11/2016 da in Giubileo, ITALIANO con tag .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.361 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
novembre: 2016
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

  • 142,890 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Africa Afrique Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Colombia Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cristãos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Italia Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro dell'esodo Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Nigeria Noël October Oração Pace Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: