COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Turoldo, profeta del buio della Parola

Turoldo.jpg

Esattamente cent’anni fa, il 22 novembre 1916, nasceva il servita e grande poeta David Maria Turoldo (+ 6 febbraio 1992)

Lo incontravi, e ti colpiva da un lato la sua forza contadina, la sua imponenza e irruenza da antico guerriero vichingo, e dall’altro lato i suoi occhi infantili e chiari. Restavi scosso dalla sua voce profonda e vibrante, da cattedrale o da deserto, e poi ti seduceva l’invincibile sorriso degli occhi azzurri. Aveva il colore forte della sua terra in Friuli che l’aveva generato, colore che gli è rimasto per una vita impigliato nel volto e non l’avrebbe mai più abbandonato.

Lo ascoltavi e la sua parola apriva spazi al volo. Con lui ho rivissuto l’esperienza dei discepoli di Emmaus, quando si dicono l’un l’altro: «Non ci bruciava forse il cuore per strada mentre ci spiegava le scritture?» Ascoltarlo era rimanere accesi. Regalava stupore, quella esperienza felice che scardina gli schemi, che si inserisce come una lama di libertà in tutto ciò che ci satura. Sapeva liberare la Parola da ogni sequestro ecclesiastico. La faceva vibrare nella vita. E proprio perché entrava nella vita, la sua non era una parola neutra: il Vangelo non è né pallido né evanescente. Ha forma, ha colore. Per questo la predicazione di David Maria Turoldo, segnata da passione accesa per Dio, per il popolo, per gli ultimi della terra, non poteva non suscitare, come ogni parola profetica, consensi e ripudi, accoglienza e ostilità. Dentro e fuori la Chiesa. Dentro la Chiesa e dentro la società.

Era un poeta e Carlo Bo ne ha dato una definizione insuperata: «Dio ha dato a padre David due doni, la fede e la poesia; e dandogli la fede gli ha imposto di cantarla tutti i giorni». Non restano di lui grandi testi dottrinali, restano passione e bellezza, pathos e cosmos, vitali e coinvolgenti, matrice della sua poesia. In esergo alla raccolta poetica ultima ha scritto: la vita che mi hai ridato ora te la rendo nel canto. Per lui poetare e pregare erano la stessa cosa. E questo gli ha regalato la capacità rarissima di saper parlare a credenti e non credenti. Perché nei suoi versi raccontava il mistero di Dio dentro il torrente della vita.

In punta di piedi entriamo nella sua poesia, facendoci accompagnare da alcuni versi. I poeti sono un po’ impertinenti: bussano e ribussano alla porta del lettore, insistenti, non si accontentano di una conoscenza superficiale, hanno fame di amici. Se dai retta a un poeta e lo ascolti, non te ne liberi più: lo assimili ed entra a far parte di te, e quando meno te l’aspetti ti scopri a pronunciare un suo verso, a ricordare una sua parola, credendo che sia tua. E io non me ne sono più liberato, felice prigioniero.

di Ermes Ronchi
https://www.luoghidellinfinito.it


 

 

Un commento su “Turoldo, profeta del buio della Parola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 22/11/2016 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag .

  • 384.818 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 812 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: