COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

“Aleppo è libera, le campane tornano a suonare”

Gli abitanti, di ogni religione e appartenenza, festeggiano la consegna delle armi da parte dei ribelli. Le parole di due sacerdoti che si preparano a vivere il primo Natale di pace

aleppo

Festeggiamenti ad Aleppo
vaticaninsider 23/12/2016
luca attanasio

 «Dopo lunghe trattative fra esercito e milizie armate, i gruppi ribelli hanno consegnato le armi e sono usciti dalla parte est della città. Allora, l’esercito ha annunciato la notizia: Aleppo, si può considerare città sicura. Appena è arrivata la notizia, tutte le moschee hanno alzato la voce e tutte le chiese di Aleppo, quelle che hanno ancora il campanile, hanno suonato a lungo. Un sogno si è realizzato, due giorni prima della nascita del Re della pace». È questo il messaggio inviato tramite whatsapp di prima mattina da Ibrahim Al Sabagh, il parroco di San Francesco, la chiesa latina di Aleppo Ovest. La notizia, accolta con festa da migliaia di aleppini e con sollievo da tanti nel mondo, segna la svolta dopo oltre 4 anni di assedio della città e quasi 6 di guerra in tutto il Paese.

Vatican Insider, ha raggiunto al telefono il vice di Padre Ibrahim, Padre Firas Lutfi.

Come è la situazione al momento?

«Ieri sera, intorno alle 20.00, è partito l’ultimo autobus che portava via da Aleppo i jihadisti. Finalmente, dopo 4 lunghissimi anni di assedio, la città potrà respirare. Ieri c’è stata l’inaugurazione dell’albero di Natale, proprio dietro la nostra chiesa e subito si è scatenata la festa con tantissime famiglie, di ogni religione. Vogliono dimostrare che la città è tornata normale e sicura. Finalmente, dopo tanto tempo è tornato anche il traffico (ride, ndr). Prima partivo dal convento dove risiedo e arrivavo in parrocchia in 10 minuti; da ieri ne impiego 30! Le persone che incontro riacquistano fiducia».

Temete che il cessate il fuoco non venga rispettato?

«Secondo le forze dell’ordine ad Aleppo è tutto sorto controllo, tutti i jihadisti sono usciti. Temiamo però attentati o azioni disperate di cellule dormienti simpatizzanti dei jihadisti. Poi, ovviamente, c’è la periferia di Aleppo che non è ancora completamente tranquilla».

Quali sono le emergenze, le cose più urgenti da fare?

«Bisogna al più presto andare in soccorso delle famiglie uscite da Aleppo est, terrorizzate, affamate e assetate. Hanno subìto ogni forma di violenza e sono state ridotte allo stremo dai jihadisti che, invece, godevano dei tutti i beni disponibili. Poi bisogna pensare alle decine di migliaia di sfollati nel campo profughi di Jibrin e provvedere a riscaldare la popolazione, due giorni fa ha nevicato.

Un altro aspetto molto urgente è l’assistenza psicologica di cui hanno un disperato bisogno tutti, specialmente i bambini. All’inizio del nuovo anno vorremmo inaugurare un centro di rieducazione psicologica per disturbi post traumatici dovuti alla reminiscenza della guerra. Il vero problema sarà la ricostruzione dell’uomo, prima ancora degli edifici; recuperare la fiducia e la possibilità di vivere con gli altri. Negli ultimi anni siamo vissuti con l’idea di una divisione profonda tra Aleppo est e Aleppo ovest, come se fossimo due fazioni nemiche. Inoltre, è stata inculcata nel profondo l’ideologia dell’uccidere in nome di Dio. Da qui dovremo ripartire per ricostruire la nostra società .

La consegna delle armi ad Aleppo può segnare la fine della guerra in tutta la Siria?

«È un passo avanti molto importante anche perché la riconquista di Aleppo ha impedito la spartizione della Siria. Ma non può ancora significare la fine della guerra. Non dimentichiamo che c’è ancora Raqqa, c’è ancora Idlib. Diciamo che la conquista di Aleppo è stata decisiva, ma non ancora definitiva per la pace nel nostro martoriato Paese».

È il primo Natale di pace dopo anni terribili…

«Da ieri ripenso spesso al Natale dell’anno scorso, ero seduto nel confessionale poco prima della Messa, sono caduti uno dopo l’altro 6 o 7 missili, sono uscito di corsa e mi sono detto: basta, non si può festeggiare il Natale, sospenderò ogni celebrazione. Invece, pochi minuti dopo, sfidando la guerra, sono arrivate decine e decine di bambini e abbiamo iniziato la Messa. Questo incubo, la paura anche di pregare, di incontrarsi, sembra finalmente finito ed è meraviglioso che ciò sia avvenuto proprio a ridosso di questa festa».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 23/12/2016 da in Attualità, Società, Cultura, ITALIANO con tag , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.343 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
dicembre: 2016
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

  • 131,483 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Africa Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cristãos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Navidad Nigeria Noël October Oración Oração Pace Padre Cantalamessa Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Radcliffe Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: