COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Un dibattito molto acceso nel mondo cattolico. Fra identità e misericordia

L’’editoriale del direttore (Jean-Pierre Denis) uscito sul settimanale «La vie» del 5 gennaio scorso, pubblicato dall’Osservatore Romano. 

identita

Laurent Dandrieu ed Erwan Le Morhedec sono cristiani. Sono di destra. Il 12 gennaio pubblicheranno due libri che susciteranno un certo scalpore. La stessa domanda li assilla, e tormenta al tempo stesso fedeli ed elettori, comunità e partiti, e l’intera campagna elettorale. Di fatto una duplice domanda. Che cosa significa essere francesi in un’Europa secolarizzata dove si sta radicando l’islam? E che cosa significa essere cattolici?
Si potrebbe pensare che si siano messi d’accordo. In realtà tutto li divide. Alla mia destra dunque, o piuttosto alla destra della mia destra, Laurent Dandrieu. Contro un dialogo interreligioso giudicato nel migliore dei casi ingenuo, contro i discorsi che fanno dell’islam una “religione di pace”, in poche parole, contro il cattolicesimo così com’è dal concilio Vaticano ii, il caporedattore di «Valeurs actuelles» pubblica un libro serio e approfondito, il cui titolo, esplicito, e il cui sottotitolo, esplosivo, ne traducono però bene la filosofia: Église et immigration, le grand malaise. Le pape et le suicide de la civilisation européenne (Paris, Presses de la Renaissance, 2017, pagine 288, euro 17, 90). Dandrieu rimprovera alla Chiesa di partecipare al proprio annullamento rinnegando, a colpi di buoni sentimenti e di approssimazioni teologiche, più di mille anni di resistenza all’islam. La colpa è di tutti i papi da Paolo vi in poi! Spiega quel che pensano molti oppositori di Francesco, un papa al quale destina taglienti frecciate, insistendo sui suoi gesti più contestati e su alcune frasi che si possono forse giudicare infelici. Il suo punto di vista è simile a quello di Marion Maréchal-Le Pen.
Sempre alla mia destra, ma stavolta una destra moderata, di filiazione cristiano-democratica, Erwan Le Morhedec pubblica Identitaire. Le mauvais génie du christianisme (Paris, Cerf, 2017, pagine 176, euro 14). In questo saggio incisivo, appassionato e ben documentato, l’avvocato e blogger di spicco si ricollega a reti e correnti di estrema destra segnate ancora dall’eredità antirepubblicana, che cercano di recuperare il diffuso malessere simbolico. Nel corso delle pagine s’incrocerà una galleria di personaggi molto poco raccomandabili. Ma non si tratta di farci visitare un gabinetto delle curiosità. L’autore si esprime a nome della fede in Cristo. Vuole avvertire quei credenti che la “tentazione” corrode. Avvisarli di questo contagio che è anche una terribile illusione, una sorta di necrosi del cristianesimo, il colpo di grazia inferto da quanti pretendono di salvaguardare tutto.
Di fatto, da qualche anno, ai confini della “catastrofe”, l’identità si trasforma in ideologia, in rifiuto, in rifugio. Il cristianesimo diviene il carbone con cui si carica la macchina. Il fuoco chiede solo di essere attizzato, soprattutto quando i cattolici hanno la sensazione di non essere capiti dai principali giornali o dal governo in carica. Ci sono cristiani che pensano che occorra competere, mimeticamente, con lo zelo comunitario, l’affermazione di sé, la diffusa aggressività. Il “panico identitario” suscita «un’esplosione morbosa della nostra angoscia», osserva Le Morhedec, che denuncia una «mistificazione spirituale». Una miriade di siti e di blog attaccano la «grande sostituzione» delle popolazioni “locali” da parte degli immigrati. A colpi di «zuppa di maiale», di striscioni sulla moschea di Poitiers, se non di «bar identitario» aperto a Lille, questa strategia della tensione ricorda le tattiche di mobilitazione utilizzate da Act Up o dai movimenti sinistroidi del passato. È garanzia di un forte impatto mediatico per un numero di militanti molto ristretto.
Certo, non c’è nulla di più legittimo dell’identità religiosa e nazionale, soprattutto in un’epoca di “società liquida” dove tutto sembra galleggiare. Nonostante la rimozione contemporanea, non si può eliminare completamente il ruolo che il cristianesimo ha svolto nella storia delle nazioni europee e in quella del nostro paese. Ma ciò non impedisce di sfuggire a una grossa trappola qual è l’edizione natalizia di «Valeurs actuelles», con la prima pagina che esalta la «Francia cristiana e fiera di esserlo!» e che fa del trittico tradizioni, cultura e identità la punta di lancia di una riconquista. No, il Vangelo non dice questo! No, questa via non conduce da nessuna parte, se non alla catastrofe. Emblematico a tale proposito è il destino di uno scrittore tanto colto quanto sovversivo. Dominique Venner. Nel 2013 lo storico si suicidava davanti a Notre-Dame de Paris deplorando l’inesistenza di una «religione identitaria alla quale ancorarci». «Non mi aspetto nulla nell’aldilà, se non la perpetuazione della mia razza e del mio spirito» confessava in uno scritto testamentario, sottolineando le contraddizioni di una corrente che non può che fallire poiché vuole fare del nazionalcattolicesimo il sole nero della sua disperazione.

L’Osservatore Romano, 11-12 gennaio 2017


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 12/01/2017 da in Attualità, Società, Cultura, ITALIANO con tag .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.564 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
gennaio: 2017
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

  • 180,575 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Advento Africa Amore Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Cibo Cina Contemplazione Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cuaresma Curia romana Dialogo Economia Enzo Bianchi Eucaristia Europa Famiglia Family Família Fede France Gabrielle Bossis Gianfranco Ravasi Giovani Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Libro del Génesis Madonna Magnificat Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Migranti Misericordia Missione Natal Natale Natale (C) Nigeria Noël P. Cantalamessa Pace Padri del Deserto Pakistan Paolo VI Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paz Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione dei cristiani Pittura Pope Francis Poveri Povertà Prayers Profughi Quaresima (C) Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sconfinamenti della Missione Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Sud Sudan Terrorismo Terrorismo islamico Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: