COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Messico. Assassinato un altro ambientalista vincitore del premio Goldman

Isidro Baldenegro difendeva i boschi della Sierra Tarahumara dai cacciatori di legname. Lo scorso marzo era stata uccisa la «collega» honduregna Berta Cáceres.

Isidro Baldenegro.jpg

Isidro Baldenegro aveva 51 anni

Quando, nel 2005, fu insignito del premio Goldman per la difesa dell’ambiente, l’indigeno Isidro Baldenegro López, decise di dedicare il prestigioso riconoscimento al padre Julio. Quest’ultimo lottò per tutta la vita per la protezione dei boschi della Sierra Tarahumara, nel nord del Messico. Proprio come Isidro. Per tale ragione, fu assassinato a colpi di pistola, nel 1986. La stessa sorte toccata al figlio. Domenica, Isidro Baldenegro è stato crivellato di proiettili vicino alla comunità di Coloradas de la Virgen. Il corpo è stato trovato, però, solo mercoledì.

È l’ultimo di una lunga serie di ecologisti assassinati in America Latina, la regione più letale per chi difende la “casa comune”. Trentatré nel solo Messico tra il 2010 e il 2015, secondo l’Ong Global Witness. Baldenegro, inoltre, è il secondo vincitore del Golman ad essere ucciso, dopo l’honduregna Berta Cáceres, massacrata il 3 marzo 2016. Segno che nemmeno la notorietà internazionale, riesce più a proteggere gli attivisti. In gioco ci sono miliardi di dollari. Specie ora che la fame di risorse s’è fatta drammatica.

Isidro Baldenegro, 51 anni, si batteva contro il taglio di alberi nella Tarahumara da parte dei cacciatori di legname pregiato. Nel 1993, fondò “Fuerza ambiental”, movimento di resistenza non violenta alla deforestazione selvaggia dei territori indigeni, principale causa delle continue siccità e carestie che colpiscono la regione. Meno di dieci anni dopo, nel 2002, dopo una serie di scioperi e manifestazioni, Fuerza ambiental “obbligò” il governo a proibire, almeno temporaneamente, il taglio degli alberi. Da allora, la persecuzione nei suoi confronti si fece più intensa. Prima l’arresto, senza prove, per possesso di droga. Poi, le minacce di morte che avevano costretto Baldenegro ad abbandonare la comunità di Coloradas de la Virgen. La stessa dove era tornato per trovare i parenti lo scorso fine settimana. E, dove, domenica, è stato ucciso.

Lucia Capuzzi
Avvenire giovedì 19 gennaio 2017


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 20/01/2017 da in Attualità sociale, Ecologia, ITALIANO con tag , , , .

  • 469.923 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 883 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: