COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

Pakistan: profonda delusione per l’assoluzione dei responsabili del rogo di un quartiere cristiano

Nel 2013 la Joseph Colony è stata data alle fiamme. Una folla di 3mila musulmani voleva vendicare una presunta accusa di blasfemia. Legali dei cristiani rischiano ritorsioni nel patrocinare casi di persecuzione religiosa. Leader del Punjab hanno “grandi alleanze con gruppi jihadisti”. (Kamran Chaudhry, http://www.asianews.it)

05.jpg

<!–

BEGIN videofile

swfobject.registerObject(“videoplayer1″,”9.0.0”);

/./personalizzazione/tpl/files/videoplayer.swf

END videofile

–>Lahore (AsiaNews) – Leader cristiani del Pakistan esprimono “profonda delusione” per l’assoluzione dei 115 sospettati di aver bruciato un intero quartiere cristiano di Lahore nel 2013. Un tribunale dell’antiterrorismo ha prosciolto tutti gli accusati di aver dato alle fiamme oltre 150 case, diversi negozi e due chiese e di aver costretto centinaia di cristiani alla fuga. Rojar Randhawa, coordinatore delle operazioni dell’ufficio Caritas di Lahore, afferma ad AsiaNews: “È una delusione enorme. Il messaggio è chiaro: chiunque attacca le minoranze e predica l’odio riesce a farla franca”.

Il leader cattolico continua: “Forse le foto e i video che mostravano in modo chiaro le facce degli aggressori non sono stati ritenuti abbastanza credibili”. “Dov’è in questi casi il Piano di azione nazionale?”. Il riferimento è alla politica di contrasto al terrorismo approvata nel 2015 dal governo di Islamabad in seguito all’attentato dei talebani contro la scuola militare di Peshawar.

La Caritas pakistana è stata tra le prime organizzazioni a portare soccorso ai cristiani della Joseph Colony di Lahore, quando il 9 marzo 2013 una folla di 3mila musulmani li ha aggrediti per vendicare una presunta accusa di blasfemia. Due giorni prima contro Sawan Masih, residente cristiano dell’insediamento, era stata presentata una denuncia per insulto all’islam. Secondo i cristiani, invece, il ragazzo avrebbe avuto un diverbio con un barbiere musulmano del luogo, che poi lo ha denunciato.

Ijaz Farhat, ex presidente della Christians Lawyers Association of Pakistan, denuncia un clima di pressione pubblica contro i cristiani, ma anche una certa indifferenza da parte di leader ecclesiastici. “Le vittime sono state dirottate sulle Ong, alcune hanno provato ad abbandonare il Paese ma nessuno ha seguito il caso. I leader della Chiesa sono comparsi davanti al giudice solo una volta”. Secondo l’avvocato, “i legali dei cristiani corrono grandi rischi quando assumono la difesa nei casi di persecuzione contro le minoranze. Nessuno ci garantisce sicurezza nei confronti delle folle che ci attendono al di fuori dei tribunali”.

Irfan Mufti, musulmano e direttore della South Asia Partnership Pakistan, ritiene che “il giudizio del tribunale mostri un rafforzamento della lobby religiosa [integralista]. Non abbiamo grandi aspettative, la nostra fiducia nel sistema legale è andata in frantumi”. I leader politici del Punjab, conclude, “hanno forti alleanze con i gruppi jihadisti. Non c’è giustizia per le minoranze che continuano ad essere perseguitate”.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 31/01/2017 da in Attualità sociale, Cristiani perseguitati, ITALIANO con tag , .

  • 660.616 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 767 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: