COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

La XXI Giornata mondiale della vita consacrata. Uditori della Parola e dell’umano


09

Veglia di preghiera per la vita consacrata nella basilica di San Pietro (Siciliani)

Celebrare la XXI Giornata Mondiale della Vita Consacrata non vuol dire vivere nostalgicamente un evento, ma osare quell’oltre che è inscritto in ogni esperienza umana. In questa prospettiva di futuro e di profezia, come quella significata da Gesù presentato al Tempio, la vita religiosa in Italia non può limitarsi a conservare l’esistente, cosa già ardua in sé, ma convoca alla responsabilità tutti i religiosi, ricordando che in un tempo di contrazione delle forze e della stessa rappresentatività – oltre che di abbandoni che «ci preoccupano», come ha ricordato il Papa nella recente udienza alla plenaria della Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica –, occorre assumere un ruolo di maggiore sinodalità, solidarietà e visibilità.

La compagnia, come esperienza di sinodalità e solidarietà, porta a dire che la minorità non necessariamente coincide con la contrazione della significanza e che la riduzione delle forze non produce ipso facto la sterilità della fantasia o l’impossibilità a pensare insieme, in una sinergia di carismi, quello che è impossibile realizzare da soli. Infatti, la “co-essenzialità” carismatica non riduce necessariamente i carismi, ma genera una riviviscenza carismatica, soprattutto tra carismi affini per spiritualità o per opere; pertanto, l’uscita missionaria, tanto cara a papa Francesco, non spaventa, anzi ricorda la singolare idoneità dei religiosi alla vita pastorale della Chiesa e alle attese del popolo di Dio, perché è tanta la esperienza di fede e di vita maturata che possono intraprendere gioiosamente questo cammino, vera riforma della nostra vita e dei nostri Istituti, oltre che della Chiesa.

La compagnia, come spazio di visibilità, porta a dire che in un tempo di comunicazione breve, liquido e veloce, occorre essere più attenti: «Se non investiamo seriamente sulla comunicazione, rischiamo l’irrilevanza e la marginalità», ha ricordato il segretario generale della Cei, monsignor Nunzio Galantino. La Chiesa italiana a Firenze ci ha detto che occorre abitare, ovvero, progettare nuove forme di presenza e testimonianza, che umanizzare è la posta in gioco più alta, perché tocca l’essere stesso della persona e che ai cattolici spetta il ruolo di presidio dell’umano. Per poter realizzare questo, come religiosi in Italia, la prima missione che dobbiamo compiere è quella della comunione. Innanzitutto tra noi, «curando in modo particolare la vita fraterna in comunità», secondo l’indicazione di papa Francesco nel già ricordato discorso di qualche giorno fa. E poi comunione non solo sinodale e solidale, ma anche visibile con tutte le componenti ecclesiali, ognuno con i mezzi che ha a disposizione, senza lamenti storici, ma con la capacità di educare oggi alle domande ed offrire risposte concrete al Popolo di Dio e, contestualmente, a quella carovana umana che conosce la fatica della vita.

Il tempo che viviamo è l’era della scommessa sull’umano pertanto, o impariamo ad abitare questo tempo e questi nuovi spazi con attenzione e premura per l’umano, o saremo assorbiti da un modello tecnico, perché va molto più veloce della nostra capacità di elaborare i significati. Il modello da seguire è quello della «Chiesa in uscita», che decide di annullare le distanze rispetto ai suoi interlocutori, perché sa che ciò che fa la differenza è la persona umana, rompendo gli schemi dell’autoreferenzialità, anche all’interno del nostro ecosistema ecclesiastico perché, o cambiamo e accettiamo la sfida o le cose ci sfuggiranno di mano. Dobbiamo aprire almeno una finestra che guarda e che racconta il mondo, dobbiamo raccontare le storie di speranza nel territorio a partire dalla nostra capacità di stare accanto alla gente, sporcandoci le mani ma profumando di cielo, con uno sguardo che va oltre e che ha Altro da dire.

Gesù ha saputo guardare oltre dando forma alla sua vita quando, nei momenti importanti della missione terrena, ha incentivato la relazione profonda con il Padre. I discepoli hanno appreso questa forma di vita del Maestro introducendosi nella sua stessa intimità. I santi fondatori hanno saputo vedere oltre perché sono stati uditori della Parola e dell’umano.

Ai religiosi, dunque, non è richiesto, per essere in linea con il Vangelo e l’ispirazione prima dei fondatori, di bloccare il carisma scadendo in forme di mondanità spirituale o nella tentazione dei numeri, ma è richiesto loro di guardare oltre, di avvicinarsi all’intimità stessa di Gesù Cristo («tenere fisso lo sguardo sul Signore, facendo sempre attenzione a non cedere ai criteri della mondanità», secondo la parola del Papa), come quella di chi vive sul bordo del pozzo (Gv 4), nella ricerca della verità e dell’incontro, dove l’ascolto accade nel silenzio abissale di Dio e dell’uomo divenendo musica silente (san Giovanni della Croce), esperienza di resistenza e resa, tra storia ed escatologia, tra sequela ravvicinata e realizzazione del Regno.

Luigi Gaetani
Sacerdote ocd, presidente della Conferenza italiana dei Superiori maggiori (Cism)
Avvenire giovedì 2 febbraio 2017


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 02/02/2017 da in ITALIANO, Vocazione e Missione con tag , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.361 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
febbraio: 2017
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728  

  • 142,378 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Africa Afrique Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Colombia Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cristãos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Italia Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro dell'esodo Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Nigeria Noël October Oração Pace Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: