COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Il terzo Forum mondiale dei popoli indigeni. Rispetto e bene comune


Forum mondiale dei popoli indigeni1.jpg


(L’Osservatore Romano, Fausta Speranza) Lo chiamano «supporto integrale»: è il tipo di aiuto che le comunità indigene chiedono al resto del mondo. «Supporto integrale» significa «non considerare solo gli indici economici» ma tutto ciò che rende migliore una comunità e una società, a partire da «un sano rapporto tra generazioni e dall’attenzione all’ambiente».

È questo il principio cardine dei documenti di base del terzo forum mondiale dei popoli indigeni, che si è aperto ieri nella sede del Fondo delle Nazioni Unite per lo sviluppo agricolo (Ifad) a Roma. Un incontro che assume un significato particolare a dieci anni dalla dichiarazione dell’Onu sui diritti di questa fetta di popolazione mondiale. E che ha molto da ricordare anche alle civiltà industrializzate.

Forum mondiale dei popoli indigeni3.jpg

Quando si parla di indigeni si parla di circa trecento milioni di persone nel mondo. Si va dai cacciatori kazaki con aquile reali, in Mongolia, ai pastori Himba, in Namibia, dagli “uomini di fango” asaro e gli huli, in Papua Nuova Guinea, ai dagon in Mali, dai nomadi nenet, in Siberia, ai bayaka della Repubblica centrafricana meglio conosciuti come pigmei. Il forum di Roma, al quale prendono parte i rappresentanti di trenta popolazioni indigene oltre ai vertici dell’Ifad, rappresenta un appuntamento di grande importanza per fare un bilancio dello stato dei diritti e delle condizioni di vita di queste comunità.

Per redigere i testi in discussione al forum si sono svolti per due anni intensi dibattiti in cinque macro-aree: Pacifico, Asia, Caraibi, America latina, Africa. Non sorprende che sia l’agenzia dell’Onu per lo sviluppo agricolo a promuovere l’incontro, se si pensa che, nella maggior parte dei casi, è la terra la prima risorsa per queste popolazioni. E la terra è, infatti, anche la prima rivendicazione. Basti pensare alle tribù dell’Amazzonia, ma anche agli ogoni della Nigeria, ai maya del Chiapas. In alcuni contesti anche l’acqua diventa un bene di inestimabile valore da gestire. E poi ovviamente le risorse del sottosuolo, minerali, petrolio, pietre preziose.

Forum mondiale dei popoli indigeni4.jpg

La vita di questi popoli conosce ritmi da civiltà preindustriali. Bisogna anche ricordare che nel mondo ci sono almeno cento comunità indigene con le quali ancora non si è entrati in contatto.

Nei documenti in discussione in questi giorni si legge che i popoli indigeni pretendono «il rispetto del loro diritto all’accesso alle risorse» e chiedono che debba passare «attraverso il loro consenso» qualunque decisione significativa che governi e multinazionali prendano sui territori che li interessano. Viene in mente il caso dei sioux nello stato del North Dakota, in America settentrionale, che cercano da tempo di bloccare la costruzione di un oleodotto che profana la terra sacra nella quale hanno seppellito per secoli i loro morti e che, attraversando il Missouri, rischia di inquinare le acque che sono la linfa vitale di questa regione. Dopo manifestazioni e scontri anche violenti con la polizia, il presidente Obama aveva stabilito di sospendere tutto e trovare un percorso alternativo. Poi, nei giorni scorsi, con un ordine esecutivo, il presidente Trump ha ridato il via ai lavori, sollevando altre polemiche.

Il caso dei sioux è emblematico. Dalle discussioni del forum sta emergendo che, da una parte, in molti casi le rivendicazioni degli indigeni restano inascoltate, ma, dall’altra, che queste comunità, spesso distanti tra loro, stanno trovando mezzi e modalità per accrescere la propria consapevolezza e la comunicazione su temi comuni e principi base. Prima di arrivare alla dichiarazione sui diritti delle popolazioni indigene nel 2007, le Nazioni Unite hanno promosso nel dicembre 1994 un decennio internazionale dedicato alle questioni dei popoli indigeni. Nel 2013 si è svolto il primo forum mondiale, nel 2015 il secondo.

Forum mondiale dei popoli indigeni2.jpg

In questa edizione del forum si sente parlare di «uno sviluppo dei popoli che non consideri solo il prodotto interno lordo ma la capacità di una comunità di trasferire il sapere da una generazione all’altra». Colpisce anche il concetto di «reciprocità sociale», declinato molto semplicemente come «l’esigenza di profonda solidarietà tra persone e con la natura». Antonella Cordone, responsabile dell’ufficio dedicato ai popoli indigeni dell’Ifad, spiega all’Osservatore Romano che in queste persone così diverse tra loro si ritrova sempre una convinzione radicata profondamente: «La terra e le sue risorse appartengono anche alle generazioni future, non si può farne un uso scellerato». In definitiva, una rivendicazione fondamentale: il bene comune. Non il profitto di grandi aziende o società azionarie, ma il bene del popolo. Non solo di diritti di minoranze si sta parlando, ma di un messaggio rivoluzionario per tutti, così locale e così globale.

L’Osservatore Romano, 10-11 febbraio 2017


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 11/02/2017 da in Attualità, Società, Cultura, ITALIANO con tag .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.347 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
febbraio: 2017
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728  

  • 135,193 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Africa Afrique Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cristãos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Gender Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro dell'esodo Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Navidad Nigeria Noël October Oração Pace Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: