COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Non solo zizzania: Bibbia, che foresta!

Sono 136 le specie botaniche citate nelle Scritture Un erbario identifica nella cicuta il fiele offerto al Crocifisso e l’«albero del peccato» in un fico

EDEN.jpg

Il Paradiso terrestre immaginato da Jan Bruegel il Vecchio (1612)

E un bel martedì, Dio creò le piante. Lo dice la Bibbia: «La terra produca germogli, erbe da seme e alberi da frutto… E fu sera e fu mattina: terzo giorno». Ci teneva tanto, Javhé, alla botanica, che ci pensò addirittura prima di costituire il sole stesso, creato solo il giorno seguente. Che da stupirsi, dunque, se il posto di delizie dove il Creatore pose il primo uomo era appunto «un giardino» da lui stesso «piantato» (così la Genesi): l’Eden. Da quei primi fioritissimi versetti in poi, si può dire che le scritture sacre siano tutte una foresta: sono infatti ben 136 le specie vegetali citate nei libri biblici e appartengono a 71 famiglie, contabilizza Mauro Ballero, titolare di Biologia farmaceutica all’università di Cagliari. Si tratta soltanto del 5,2% della flora spontanea oggi nota in Palestina, e tuttavia di un «eloquente contingente impiegato sia per usi quotidiani che per funzioni simboliche», proprio come si addice a una civiltà contadina, così da poter stabilire i due Testamenti anche quali utili fonti di conoscenza per la storia della biodiversità e dell’etnobotanica.

La quercia di Mamre, sotto la quale Abramo ricevette la visita dei tre ospiti angelici, e il misterioso sicomoro su cui si arrampicò il corto Zaccheo. L’altrettanto a noi poco noto issopo (Majorana syriaca) citato dal salmo 50 e il carrubo, dei cui frutti ambiva cibarsi il figliol prodigo. Il ricino di Giona e la zizzania della parabola… Anche soltanto addentrandosi nelle più banali reminiscenze catechistiche, ci si imbatte in un intrico vegetale; la vite, ad esempio, conta ben 458 occorrenze tra Genesi e Apocalisse, l’olivo 271, il frumento 147: tanto per testimoniare una botanica nettamente mediterranea, Subito dopo vengono l’incenso (131), per ovvi motivi liturgici, e il prezioso cedro del Libano (79), sfruttato per la costruzione del Tempio di Salomone.

Il melo, invece, totalizza appena 3 citazioni (d’altronde è un’essenza d’importazione nell’area medio-orientale), tra cui non figura quella del Paradiso terrestre: Ballero ricorda infatti che mai la Genesi identifica il famoso «albero della conoscenza del bene e del male» con il fatidico pomo e – sulla scorta anche delle interpretazioni di Rabbi Nechemia (I secolo d.C.) e dei pittori Masolino (1424) e Cranach il Vecchio (1530) – reputa che si trattasse piuttosto di un fico. L’esperto compie anche altri interessanti tentativi di identificazione per piante su cui la Bibbia si mantiene nel vago: così le rimpiante (dagli israeliti in fuga nel deserto) «cipolle d’Egitto » potrebbero essere piuttosto leguminose note come «fieno greco», da cui lungo il Nilo si derivava una succulenta marmellata; il fiele, offerto misto a vino a Cristo in croce, sarebbe in realtà velenosa cicuta (dunque il rifiuto di berne significa la volontà del Salvatore di non abbreviare artificialmente le sofferenze); le erbe amare prescritte per la Pasqua ebraica possono invece comprendere lattuga, cicoria, eringio e rucola. Finendo con il roveto ardente di Mosé, per il quale lo studioso tronca le interpretazioni accreditando il Loranthus acaciae, i cui «fiori e frutti sono tanto rossi da assumere la parvenza delle fiamme».

Altro capitolo interessante riguarda la flora che, all’opposto, deriva la sua definizione proprio dall’ambito religioso, in specie dalla passione. È il caso dell’albero di Giuda, arbusto che – secondo la tradizione – avrebbe sostenuto l’impiccagione dell’apostolo traditore: forse perché vegetava rigoglioso nel «campo del vasaio» citato dal Vangelo, forse per storpiatura da «albero della Giudea» (dove pure cresceva abbondante), forse semplicemente per i suoi fiori tra rosa e rosso sangue. Mentre lo spino di Cristo ( Ziziphus spina-christi), arbusto flessibile comune in Palestina, deve il nome all’ipotesi – compatibile con gli studi sindonici – che dai suoi rami sia stata intrecciata la corona del Crocifisso. Ben rappresentate nelle Scritture anche le spezie (cumino, menta, coriandolo) e le piante aromatiche (aloe, nardo, mirra), nonché le erbe officinali; una ventina le costose specie d’importazione, anche piuttosto remota: cardamomo, zafferano, ebano… Tra le assenze poco spiegabili (considerata la vegetazione tipica dei luoghi) si annoverano invece rosmarino, sedano, finocchio, barbabietola, asparagi e cavolo: ma forse soltanto perché ai profeti non piaceva vangare l’orto…

Mauro Ballero
LE PIANTE E LA BIBBIA
Delfino. Pagine 366. Euro 39,00

Roberto Beretta
Avviene venerdì 10 febbraio 2017


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 11/02/2017 da in Attualità, Società, Cultura, ITALIANO con tag , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.343 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
febbraio: 2017
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728  

  • 131,615 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Africa Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cristãos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Navidad Nigeria Noël October Oración Oração Pace Padre Cantalamessa Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Radcliffe Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: