COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Iraq – Giovani volontari musulmani restaurano una chiesa strappata all’Is. Il lento ritorno dei cristiani a Mosul


giovani-volontari-musulmani-ripuliscono-la-chiesa-della-vergine-maria-a-mosul-ex-base-dei-jihadisti


Un messaggio di pace a tutto il mondo: è quello che vogliono lanciare una cinquantina di giovani musulmani iracheni che hanno cominciato a ripulire e a restaurare, a Mosul est, una chiesa cattolica dedicata alla Madonna in un’area recentemente strappata dai lealisti ai miliziani del cosiddetto Stato islamico (Is). A beneficiare dell’intervento — riferisce l’Ansa — è la chiesa della Vergine Maria, appartenente all’arcidiocesi di Mossul dei Caldei, nel quartiere di al-Dergazliya, che durante i due anni e mezzo di occupazione dello Stato islamico è stata trasformata in una sede della polizia morale del “califfato”. Risparmiata dalla barbarie, a differenza di molti altri luoghi di culto, comprese chiese e moschee, che sono state distrutte dai miliziani jihadisti.

Abbiamo deciso di assumere un ruolo diretto per ripulire la nostra città — ha detto Maher Al Obaidi, capo della Rete delle organizzazioni della società civile (ong che cura l’iniziativa) — e adesso è il momento di ripulire e risistemare moschee, chiese e altri luoghi di culto». Tutti i volontari all’opera, è stato sottolineato, sono musulmani, perché i membri delle altre comunità sono stati cacciati dalle loro case dai terroristi islamici e ancora non si sentono sicuri a tornare. Si tratta, ha aggiunto Mohammad Badrany, dell’organizzazione non governativa Ramah, che collabora all’iniziativa, di «un messaggio ai nostri fratelli cristiani affinché tornino alle loro case, perché Mosul ha bisogno di loro».

In effetti, anche se lentamente, il ritorno dei cristiani nei quartieri orientali di Mosul, da poco sottratti dall’esercito iracheno alle milizie del cosiddetto Stato islamico, è già cominciato. Secondo quanto riportato dal sito in rete Ankawa.com e ripreso dall’agenzia Fides, sono almeno tre le famiglie armene che hanno fatto ritorno alle proprie case in aree urbane appena sottratte ai jihadisti e nonostante la situazione di generale insicurezza che continua a pesare su tutta la città. Nei giorni scorsi quelle zone di Mosul sono state teatro anche di attentati suicidi che hanno provocato almeno nove morti tra i civili. Com’è noto, i terroristi islamici avevano conquistato il capoluogo del governatorato di Ninawa il 9 giugno 2014. Nelle settimane successive, tutti i cristiani presenti in città avevano abbandonato le proprie case (molte delle quali subito espropriate dai jihadisti) cercando rifugio come profughi dapprima nei villaggi della piana di Ninive o a Kirkuk, e poi soprattutto a Erbil e nei villaggi del Kurdistan iracheno. Gli ultimi dieci cristiani, tutti anziani, rastrellati dai villaggi della piana di Ninive e trasferiti a Mosul nella seconda metà del 2014, erano stati espulsi dai miliziani jihadisti il 7 gennaio 2015, dopo che avevano rifiutato di rinnegare la propria fede. Il gruppo di anziani (alcuni dei quali con gravi problemi di salute) era stato accolto a Kirkuk, dopo aver passato due giorni al freddo nella “terra di nessuno” tra i villaggi occupati dalle milizie dello Stato islamico e l’area sotto controllo dei peshmerga curdi.

Altro luogo di culto tornato a disposizione della popolazione, seppur gravemente danneggiato, è la chiesa siro-ortodossa di Sant’Efrem, un tempo utilizzata dai jihadisti come sede del “consiglio di Stato dei mujahidin”. Situata in un’area della città già riconquistata dall’esercito iracheno, è stata visitata nei giorni scorsi da Nicodemus Daoud Matti Sharaf, metropolita siro-ortodosso di Mosul. Sulla facciata e sulle pareti dell’edificio ancora campeggiano gli striscioni e i cartelloni neri del cosiddetto Stato islamico. Nel luglio 2014 la croce che svettava sulla cupola era stata divelta. Il 9 settembre successivo, i raid aerei compiuti per colpire le postazioni dei jihadisti avevano danneggiato gravemente alcuni edifici adiacenti alla chiesa di Sant’Efrem e a quella siro-cattolica di San Paolo. Nel novembre 2014 Sant’Efrem venne svuotata dei suoi arredi interni e voci messe in rete via internet avevano accreditato la notizia (mai confermata) che il luogo di culto cristiano sarebbe stato presto trasformato in moschea.

L’Osservatore Romano, 15-16 febbraio 2017


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 15/02/2017 da in Attualità, Società, Cultura, ITALIANO con tag , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.341 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
febbraio: 2017
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728  

  • 131,018 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Africa Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cristãos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Navidad Nigeria Noël October Oración Oração Pace Padre Cantalamessa Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Radcliffe Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: