COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

–– Sito di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA –– Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa A missionary look on the life of the world and the church –– VIDA y MISIÓN – VIE et MISSION – VIDA e MISSÃO ––

Messico. La guerra degli indios: «Hanno messo in vendita le nostre tradizioni»

Il popolo chinanteco dell’Oaxaca ha cominciato una battaglia – per il momento solo d’immagine – per difendere i ricami tradizionali dalle aziende di moda che li stanno commercializzando senza permesso

L'aquila ricorda il mito della fondazione del popolo chinanteco.jpg

L’aquila ricorda il mito della fondazione del popolo chinanteco

«Ci rubano la nostra tradizione per venderla al miglior offerente». Il popolo chinanteco dell’Oaxaca, nel sud del Messico, ha cominciato la sua battaglia – virtuale – per difendere i propri ricami tradizionali dalle aziende di moda. Il piccolo villaggio di San Juan Bautista Tlacoatzintepec ha pubblicato su Facebook le foto di alcuni modelli realizzati da una casa spagnola. Con un durissimo commento: “Hanno copiato i nostri disegni”. Immediatamente, il post è stato condiviso da migliaia di utenti e ha fatto il giro del mondo. Per gli indigeni, il presunto plagio rappresenta un’offesa alla propria cultura.

Un negozio di tessuti tradizionali nell’Oaxaca, sud del Messico

«Non sanno che cosa significhi quei ricami». Già, perché sulle bluse delle donne – gli huipil –, gli indigeni tessono la propria storia. La greca – motivo ornamentale caratterizzato dalla ripetizione dei segmenti – ad esempio, sintetizza il continuo spostarsi degli indios. Mentre l’aquila ricorda il mito della fondazione del popolo chinanteco. Stilisti e atelier, invece, impiegano i disegni a caso, in base al puro gusto estetico. Per proteggere “il marchio” chinanteco, Horacio Reyes, ha ideato un gruppo che aiuta gli artigiani nativi a vendere il proprio lavoro nel mondo. Attraverso una pagina Facebook, gli huipil sono venduti in altre zone del Messico o all’estero. In tal modo, «abbiamo aumentato i guadagni per i produttori, in gran parte donne.

Uno dei capi di moda realizzati da una ditta spagnola

Prima gli huipil venivano comprati a 250 pesos (l’equivalente di 12 euro). Un costo infimo per un lavoro che richiede mesi», racconta Horacio. Ora, almeno, ne incassano 400. “Certo, niente in confronto a quanto la casa produttrice spagnola lo vende nei suoi negozi: 244 euro”, conclude il giovane.

Lucia Capuzzi
Avvenire sabato 4 marzo 2017


 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 05/03/2017 da in Attualità sociale, ITALIANO con tag , .

  • 385.470 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 812 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stata una pubblicazione interna nata tra gli studenti comboniani nel 1935. Ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e di patrimonio carismatico.
Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
Pereira Manuel João (MJ)
combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: