COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Lectio – Annunciazione del Signore

Annunciazione del Signore
Luca 1,26-38

Ecco concepirai un figlio e lo darai alla luce (Lc 1,26-38)

Botticelli,_annunciazione_del_Metropolitan

Botticelli, Annunciazione – Metropolitan Museum, New York (USA)

La pagina evangelica dell’annuncio dell’angelo a Maria racchiude il grande mistero della tenerezza di Dio verso l’umanità e insieme al Prologo del Vangelo di Giovanni sta alla base dei Simboli che fin dal secondo secolo confessano la fede nell’Incarnazione.
Nella liturgia occidentale troviamo testimonianze della presenza della festa dell’Annunciazione a partire dal VII secolo, per celebrare solennemente l’evento che ha cambiato il corso della storia umana.
La data del 25 marzo, nove mesi esatti prima della Natività di Gesù, in alcuni luoghi (e specialmente in Toscana dal secolo XV al XVIII) è stata assunta per indicare l’inizio dell’anno, ed ancora oggi, nelle città di Pisa e Firenze, permane la festa di un secondo capodanno, con celebrazioni religiose e civili.
Nel corso dei secoli è stata molto accentuata la focalizzazione mariana; con la riforma liturgica di Paolo VI la solennità è stata riconsiderata come festa congiunta del Figlio e della Madre: i loro al Padre si incontrano e fioriscono per dare inizio alla nuova storia dell’umanità.

L’attenzione contemplativa della Chiesa si è soffermata a lungo sul Mistero ineffabile, assolutamente imprevedibile e sconvolgente, della scelta che Dio ha fatto di “impastarsi” con l’uomo per salvarlo dal di dentro, condividendo tutto di lui, tranne il peccato.
Tale condiscendenza divina è stata cantata con grande efficacia e lirismo da padri della chiesa, omileti, scrittori, santi e poeti; il momento benedetto che ha dato inizio alla nostra salvezza è stato fissato da innumerevoli artisti sulle loro tele, sculture, ricami, drammatizzazioni, musica.
Riempie sempre di stupore e riconoscenza il fatto che Dio, per raggiungere le sue creature e liberarle dalla schiavitù del peccato, ha voluto condividere la loro situazione, svestendosi della sua divinità e rivestendo l’umanità; Egli si è fatto partecipe in modo concreto e tangibile del percorso misterioso di formazione di ogni uomo nel grembo materno, mostrando così la sacralità della vita umana fin dal primo istante del concepimento e la dignità di ogni madre; il grembo materno è terra benedetta dalla quale la nuova creatura attinge sostanza e vita per sempre.
Tutta la Trinità è coinvolta in questa storia d’amore, che rende gravido di eternità il tempo e lo apre verso orizzonti inediti di speranza.

I testi liturgici, specialmente eucologici (Orazioni e Prefazio) approfondiscono in chiave orante e adorante l’evento.
L’orazione colletta chiede al Padre che possiamo essere partecipi alla vita immortale che Gesù, vero Dio e vero uomo, ci ha portato in dono; l’orazione sulle offerte supplica perché la Chiesa possa rivivere nella fede il mistero in cui riconosce le sue origini; quella dopo la comunione chiede come frutto della partecipazione alla mensa del Signore la conferma nella fede ed il possesso della gioia eterna, per la potenza della Risurrezione.
Il prefazio, che compendia e trasforma in lode i motivi della festa, contempla la fede di Maria nel rendersi disponibile all’azione dello Spirito e il suo amore ineffabile nel portare in grembo il primogenito dell’umanità nuova.

La prima lettura veterotestamentaria, tratta dal grande Isaia (7,10-14) preannunzia profeticamente la nascita dell’Emmanuele, Dio-con-noi, attraverso il segno, dato gratuitamente dal Signore, del parto di una Vergine.
Il brano della Lettera agli Ebrei (10,4-10), nella seconda lettura, mostra la novità dell’offerta che Cristo fa di se stesso, perché il suo Sì al Padre consiste nell’adesione piena alla sua volontà d’amore per liberare l’uomo dal peccato, per sempre!

Ci soffermiamo sul testo di Luca (1,26-38), appartenente al “Vangelo dell’infanzia”, che ha sicuramente come testimone privilegiata la Vergine Maria. Nella sua ricerca accurata, Luca infatti non può aver trascurato la fonte più importante a cui attingere; la prima comunità cristiana che ha vissuto con Lei ed ha esperimentato la sua presenza materna ha custodito gelosamente anche la sua esperienza di Dio e ce l’ha trasmessa come un patrimonio prezioso per la vita di tutta la Chiesa, di tutti i tempi.

26In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazareth, 27a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. a vergine si chiamava Maria.

Sappiamo che il “tempo” con cui il testo liturgico prende avvio si riferisce a un evento preciso: il sesto mese di gravidanza dell’anziana Elisabetta, che aveva ricevuto con riconoscenza e trepidazione il dono della tardiva maternità; il messaggero, Gabriele, è lo stesso che ha dato l’annuncio a Zaccaria, nel contesto grandioso del tempio, mentre ora viene inviato in un villaggio sconosciuto e anche disprezzato, in un contesto quasi impuro legalmente, per la vicinanza dei pagani. Ed ecco la sorpresa: proprio qui c’è una giovane, una vergine che Dio guarda con predilezione. Subito ci viene rivelato il suo nome e la sua condizione di promessa sposa a un uomo di cui ugualmente viene ricordato il nome: Giuseppe. Come il suo antico antenato, potrà comprendere il progetto inedito che il Signore gli riserva attraverso il misterioso linguaggio dei sogni.

28Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te».

L’ingresso dell’angelo nello spazio della piccola casa e soprattutto nel cuore della Vergine le porta, insieme all’invito alla gioia, la qualificazione che nessuna persona finora, nei testi sacri, aveva ricevuto: la pienezza di grazia è la benevolenza, la tenerezza, la condiscendenza di Dio verso la sua creatura, perché Egli abita in Lei, è con Lei. “Gioisci, piena del favore di Dio!”. La vicinanza del Signore verso il suo popolo ora si concretizza e si fa viva ed efficace in lei, Maria, piccola e sconosciuta ragazza del popolo.

29A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo.

Non meraviglia perciò il turbamento intenso, l’interrogarsi interiore sul senso delle parole che le sono state rivolte; specialmente le ultime, che evocano messaggi divini portati a uomini e donne chiamati a collaborare con Dio nei suoi progetti di salvezza verso il popolo.

30L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio.

La risposta rassicurante del messaggero divino ancora una volta riporta la parola divina che tante volte ha rincuorato le persone chiamate a una missione speciale: la motivazione per escludere il timore è la certezza che lo sguardo di Dio si è posato proprio su di Lei, Maria, ed Egli le ha concesso grazia.

31Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. 32 Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre 33e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».

Fugato il timore, ora la Vergine è pronta per ricevere il grande annunzio: è chiamata ad offrire il suo corpo per concepire e partorire un figlio, al quale Lei stessa dovrà dare il nome che ora le viene rivelato: Gesù, cioè Dio salva! L’attesa di redenzione del popolo umiliato da innumerevoli dominazioni, ultima e pesante quella di Roma, trova finalmente una risposta: Dio stesso restituirà a Colui che sarà chiamato “figlio dell’Altissimo” il Regno, che non conoscerà confini di spazio e di tempo. La sua grandezza deriva infatti da questo rapporto filiale con Dio che niente potrà distruggere.

34Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?».

La Vergine ha compreso chiaramente quale sia il progetto che Dio vuole realizzare tramite Lei, ma non sa spiegarsi come possa accadere; nessun dubbio in Lei sulla bellezza della proposta divina, piuttosto il desiderio di conoscere le modalità dell’attuazione, dal momento che non conosce uomo, e sa che la generazione umana non può avvenire senza questo incontro.

35Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio.

La risposta dell’angelo mette subito Maria davanti alla potenza di Dio, che tramite lo Spirito Santo opererà in Lei, al di là delle leggi della natura, il miracolo della maternità senza seme umano. L’iniziativa e l’attuazione sono esclusivamente di Dio: per questo il figlio di Maria sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. “Gesù”, “Figlio dell’Altissimo”, “Figlio di Dio”: sono i tre nomi con cui Gabriele esplicita la realtà e la missione di questo Figlio unico.

36Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: 37nulla è impossibile a Dio».

L’angelo unisce all’annunzio inaudito una conferma: Dio opera con la sua potenza ciò che umanamente viene ritenuto impossibile. Elisabetta avrebbe dovuto portare per sempre l’etichetta di “sterile”, il più terribile marchio di disprezzo per una donna ebrea; invece il Signore ne ha ravvivato il grembo ed ora si accorcia il tempo per dare alla luce il bimbo…

38Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.

La risposta di Maria esprime la sua piena accoglienza e disponibilità responsabile. La parola “servo” nell’antico testamento non ha il senso di umiliazione che gli attribuisce il linguaggio contemporaneo; chi è chiamato a servire il Signore ha l’onore di essere suo collaboratore in un progetto concreto, viene coinvolto nell’avventura dell’essere “faccia a faccia” con Dio. Dicendosi serva, proferendo il suo sì, Maria non dà un assenso rassegnato; dà il suo consenso alla nuova creazione del mondo. La traduzione italiana “avvenga per me” non rende la forza del verbo greco, che suona come un desiderio profondo di vedere attuato al più presto il sogno di Dio: “Oh, mi avvenga quanto tu, messaggero di Dio, mi annunci! è la mia gioia, sono totalmente d’accordo!”.

Così la solennità dell’Annunciazione del Signore diventa una sfida anche per noi; credere che le proposte che Dio ci fa, tramite gli innumerevoli messaggeri di cui si serve, sono espressione del suo amore per noi e della sua premura per la nostra vita!

Maria Chiara Zulato
http://www.figliedellachiesa.org


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 21/03/2017 da in Anno A, Festività, ITALIANO, Lectio della Domenica, Liturgia con tag , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.361 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com

  • 139,569 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Africa Afrique Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Colombia Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cristãos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Italia Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro dell'esodo Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Nigeria Noël October Oração Pace Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: