COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Lectio della IV Domenica di Quaresima (A)

IV Domenica di Quaresima
Laetare
Giovani 9,1-41

cieco nato

Andò, si lavò e tornò che ci vedeva (Gv 9,1-41) 

Con questa IV Domenica di Quaresima c’inoltriamo nel vivo delle celebrazioni pasquali. Infatti la Liturgia denomina questa domenica con l’aggettivo: “Laetare”, quasi a dirci di vivificare la nostra gioia perché il Signore è veramente risorto ed ha aperto anche a noi il suo Regno.
Questa pericope di Giovanni 9, 1-41 è considerata da alcuni esegeti una catechesi battesimale. In effetti tutta la quaresima è un periodo nel quale i catecumeni si preparano all’immersione nel battesimo e, chi è già battezzato, a rinvigorire nella sua vita questo grande dono.
Se osserviamo con attenzione lo svolgimento di questo passo della scrittura, nel quale Giovanni presenta la guarigione di un cieco dalla nascita, abbiamo una luce particolare per comprendere il grande insegnamento che Gesù desidera offrirci.
La persona che Gesù incontra, cieco dalla nascita, non può neanche desiderare una luce di cui non ha mai fatto esperienza e quindi non domanda neppure la guarigione.

vv.l-12:Passando”. E’ un gerundio che non serve solo per aprire il brano che Giovanni sta presentando, ma è un modo per indicarci come Gesù sia sempre attivo nella vita dell’uomo ed è in cammino perché appunto vuole incontrare l’uomo, per il quale è venuto a portare la sua opera di salvezza. Infatti ”vide” – ed è per Gesù un vedere che è già un conosce il cuore della persona. Anche i discepoli videro il cieco, ma il loro vedere era per emettere un giudizio. “Chi ha peccato, lui o i suoi genitori, perché sia nato cieco?”

Gesù, maestro delicato, sa ottemperare la situazione per trarne un insegnamento atto a far comprendere la vera identità a cui siamo chiamati. Noi siamo responsabili delle nostre azioni e non di quelle degli altri, inoltre evidenzia che non vi è nessuna connessione tra malattia e colpa. È poi importante la sottolineatura che l’evangelista fa ponendo al plurale la frase di Gesù: ”Bisogna che noi compiamo le opere… ” Quel “noi” sta ad indicare l’opera che la Chiesa deve continuare a svolgere in favore dell’uomo ed è un invito ad essere vigilanti, capaci di ascolto, recettivi a cogliere la luce che ci viene offerta finché è giorno per operare sull’esempio di Gesù perché, con l’arrivo della notte, non possiamo più operare.

“Detto questo, sputò per terra, fece del fango con la saliva…”. È assurdo, sembra che quanto compie Gesù possa aumentare la difficoltà della vista!!! Nel suo intervento usa elementi molto terra, terra, sputo e fango, un netto richiamo alla creazione dell’uomo che ora qui non disdegna di toccare ciò che noi siamo: fango ma anche immagine di Dio. “Va a lavarti nella piscina di Siloe” Gesù sollecita, ma rispetta il libero arbitrio, educando a prendere le proprie responsabilità, ad essere adulti consapevoli di ciò che vogliamo nelle nostre scelte. Dice bene infatti S. Agostino: “Dio che ti ha creato senza di te, non può salvarti senza te “. Il cieco “andò”, si mosse dunque, ci mise del suo, e fece esperienza della luce. Questa concomitanza dell’agire di Gesù, con l’adesione dell’uomo conducono alla pienezza di vita che è vedere la luce che è Cristo Gesù. Il cieco ha fatto esperienza in sé e sarà questa esperienza che lo porterà ad essere discepolo di Cristo, ad essere conforme all’immagine Sua. Sarà un uomo a cui è stata ridata la sua vera identità. Prima era considerato un mendicante, uno dei tanti. Ma ora lui può pienamente dire: “Sono io”, riconoscendo pienamente se stesso.

La luce, che è Cristo Gesù, lo ha illuminato aprendogli gli occhi, acquistando la sua autonomia e quindi cammina, parla è un uomo libero. S. Agostino, commentando questo testo così si esprime: “Ravvisiamo in questo cieco l’intero genere umano: tale cecità gli incolse mediante il peccato nella persona del primo uomo dal quale tutti abbiamo tratto l’origine non solo della morte ma anche del peccato. Se infatti la cecità rappresenta l’infedeltà, allora l’illuminazione è la fede” (Agostino, In Johannem 44, PL 35).

Una volta chiarita l’identità del cieco, la gente stupita del fatto, desidera sapere come ciò sia potuto avvenire. La risposta è semplice ed è chiara. Il cieco infatti non fa altro che dire quanto gli ha fatto Gesù, ponendo nei suoi occhi fango impastato con lo sputo ed identificando così in Gesù, il suo guaritore. La cosa risulta troppo semplice per la folla che ancora insiste nel domandare dove sia ora Gesù, ma il cieco non sa dove ora Egli sia. Ha un’unica certezza, ora ci vede.

vv.13-34: Con questi versetti entriamo proprio nel cuore del racconto e noteremo come le tenebre continuano a contrapporsi alla luce. Il cieco nato è sottoposto addirittura a tre interrogatori. Prima davanti ai farisei (vv. 13-17), poi davanti ai genitori (vv. 18-23) ed infine davanti ai giudei (vv. 24-34).

È davvero drammatico l’escalation che deve subire il cieco nato, ma noteremo come il suo cammino sia un lasciarsi plasmare dalla grazia. A lui infatti non interessa che ciò sia avvenuto di sabato, lui ha piena convinzione che chi ha operato questo fatto viene certamente da Dio e quindi per lui è un “profeta”.

Anche l’interrogatorio davanti ai suoi genitori, che pur dichiarando essere il loro figlio nato cieco, lo abbandonano al proprio destino ed egli avverte come si può essere soggiogati dalla paura rinunciando alla verità che è vera libertà.

Ma per il cieco è tanta la certezza nel confronto del suo guaritore che diventa loquace facendosi maestro dei farisei che gli replicano: “Sei nato tutto nei peccati e insegni a noi?”

Anche di fronte all’evidenza ci si ostina a non credere, a non ”vedere”. E’ ancora Giovanni che nel prologo ribadisce: “In Gesù era la vita e la vita era la luce degli uomini; la luce splende nelle tenebre, ma le tenebre non l’hanno accolta” (Gv 1,4-5).

È da notare come il cieco nel primo processo con i farisei, si stacca dalla Legge. Egli sa che chi ha compiuto il miracolo è più grande della Legge.

Nel processo con i genitori, si stacca anche dalla famiglia, e come adulto prende le sue responsabilità.

Nel terzo interrogatorio si stacca anche dalla Sinagoga, cacciato fuori dai Giudei e aderisce al Figlio dell’uomo venuto a portare la salvezza.

E’ appunto in questo lento avanzare verso la pienezza della fede che la presente pericope viene letta quale cammino battesimale.

vv.35-41: Il cuore di Gesù è veramente un cuore che ama e per primo si protende perché desideroso di volere il bene dell’altro. Va incontro all’uomo cieco donando non solo la luce degli occhi, ma anche la luce dello spirito, portando così il cieco nato alla consapevolezza del dono della fede: “Credo, Signore!” E si prostrò dinanzi a lui”.

Il brano si conclude con una sottile ironia di Gesù verso i farisei che ancora osavano chiedere: “Siamo ciechi anche noi? “. Strano a dirsi, ma vero nei fatti: Gesù pur avendo incontrato anche i farisei non ha trovato quell’apertura che invece è stata così chiara e forte per il cieco nato.

Quando la presunzione di se stessi crea barriera è ovvio che la luce non può penetrare, ma allora in causa siamo solo noi, perché Gesù la sua parte l’ha fatta e la continua a fare. Tocca solo a noi predisporci ad accoglierla.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 21/03/2017 da in ITALIANO con tag , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.360 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com

  • 139,096 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Africa Afrique Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Colombia Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cristãos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Italia Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro dell'esodo Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Nigeria Noël October Oração Pace Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: