COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

La parola ‘madre’ sta diventando un tabù?

La scelta dei medici britannici.
Abolire «madre», negare la realtà

La parola madre diventata tabu.jpg

Un lettore medico ci ricorda che la British Medical Association, l’associazione professionale dei medici britannici, ha recentemente raccomandato di non usare più la espressione ‘expectant mothers’ per definire le madri in attesa, ma di utilizzare invece ‘pregnant people’ (‘persone in gravidanza’). L’indicazione fa parte di una serie di raccomandazioni a uso interno dello staff della BMA, tese a evitare, si precisa, di discriminare le persone transgender. È uno scherzo, dirà qualcuno, invece è vero.

Il fronte della neolingua politicamente corretta è arrivato a eludere la espressione ‘madri’ nell’indicare coloro che sono incinte di un figlio, e che sono, fino ad oggi almeno, donne. No: bisogna chiamarle ‘persone’, sono indefinita ‘gente’. Dove si vede chiaro come la filosofia del gender sia una ideologia, se ideologia è, come diceva Hannah Arendt, ciò che acceca dalla realtà. Cieco non era invece, anzi vedeva lontano e profeticamente, un connazionale dei dirigenti della British Medical Association, Aldous Huxley, che nel suo noto romanzo Il mondo nuovo già negli anni Trenta immaginava un mondo in cui i figli nascevano da un processo industrializzato: in bottiglia, su catene di montaggio, e quindi la parola ‘madre’ era diventata un tabù, l’oscuro e vergognoso ricordo di quando l’umanità era vivipara.

Non dite mamme in attesa dunque, dite ‘persone in gravidanza’. Forse chi ascolta si metterà a ridere, ma i promotori della neolingua corretta lo redarguiranno e lo rieducheranno. Maschio e femmina, madre e padre non sono dati biologici, ma solamente ‘culturali’, quindi modificabili. Nonostante questo, una semplice osservazione della realtà continuerà ad indicare che le ‘persone incinte’ sono donne, e quindi madri. Pazzesco come la natura si intestardisca in un conservatorismo antimoderno, come cocciutamente si impunti nell’affermare una originaria differenza.

È proprio contro questo ‘dato di realtà’ che certa cultura oggi insorge e si ribella: è, diceva ancora la Arendt, la «realtà del dato», quel che è stato stabilito prima di noi, ciò che il Terzo Millennio contesta. Capricciosamente pestando i piedi, e negando l’ evidenza che anche un bambino vede.

Marina Corradi
Avvenire
giovedì 20 aprile 2017


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 20/04/2017 da in ITALIANO.

  • 538.544 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 931 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: