COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Lectio sugli Atti degli Apostoli (2)

Lectio sugli Atti degli Apostoli (2)
di Pino Stancari

atti degli apostoli2

NEL NOME DI GESU

Cap. 3 «Un giorno Pietro e Giovanni salivano al tempio per la preghiera verso le tre del pomeriggio». Siamo alle prese con il popolo d’Israele, con la sua storia, la sua esperienza, con le sue grandezze, con la sua dignità. Il tempio è il grande sacramento della presenza di Dio. Lì sulla porta del tempio uno storpio non può entrare perché è storpio. Sta li e chiede l’elemosina. La gente passa, lo aiuta come può. Pietro e Giovanni salgono al tempio. C’è uno scambio di sguardi tra loro e quello storpio. Egli attende un poco di elemosina. Pietro posa lo sguardo su di lui «Ma Pietro gli disse: Non possiedo né argento né oro, ma quello che ho te lo do: nel nome di Gesù Cristo, il Nazareno, cammina!».

Nel nome di Gesù entra con noi nel tempio. Qui Pietro non sta compiendo semplicemente un atto prodigioso, per cui quel tale che era storpio adesso guarisce, qui Pietro sta introducendo nel tempio lo storpio per il quale l’ingresso del tempio era precluso. Pietro sta evangelizzando lo storpio, ma sta evangelizzando Israele dal momento che il tempio è il sacramento dell’alleanza, il punto di riferimento, il luogo che raffigura in maniera inconfondibilmente emblematica la coscienza che Israele ha della propria identità. Nel nome di Gesù entra con noi. Cammina e lo prende per mano e se lo trascina dietro. Da questo momento sono insieme loro due, Pietro e Giovanni e lo storpio. Sembra che se lo carichi sulle spalle, se lo porta in braccio, gli sta addosso. E tutti erano stupiti e meravigliati per quello che era accaduto, perché quel tale era seduto fuori della porta e adesso invece è entrato nel tempio. E come mai è entrato nel tempio?

Il racconto prosegue con altri discorsi di Pietro. «Tutto il popolo fuor di sé per lo stupore accorse verso di loro al portico detto di Salomone. Vedendo ciò, Pietro disse al popolo: Uomini d’Israele». Ha inizio il secondo discorso di Pietro «perché vi meravigliate di questo e continuate a fissarci come se per nostro potere e nostra pietà avessimo fatto camminare quest’uomo?». Quest’uomo non è entrato per opera nostra ma «Il Dio di Abramo, di Isacco e di Giacobbe, il Dio dei nostri padri ha glorificato il suo servo Gesù». Il servo glorificato, il crocifisso innalzato, Gesù il rifiutato, è vittorioso. Qui una citazione del quarto canto del servo del Signore in Isaia 53. Ebbene il servo «che voi avete consegnato e rinnegato di fronte a Pilato, mentre egli aveva deciso di liberarlo; voi invece avete rinnegato il Santo e il Giusto… ». Ebbene quel servo è stato glorificato da Dio. Ecco come prosegue: «voi avete ucciso l’autore della vita». «Ma Dio l’ha risuscitato dai morti».

Pietro spiega ancora una volta che noi siamo agganciati a lui. Noi abbiamo ucciso il protagonista della vita e Dio l’ha resuscitato dai morti: «e di questo noi siamo testimoni, proprio per la fede riposta in lui il nome (di Gesù) ha dato vigore a quest’uomo che voi vedete e conoscete». E’ nel nome di Gesù che quest’uomo cammina, è nel nome di Gesù che quest’uomo è entrato nel tempio, è nel nome di Gesù che non ci sono più ostacoli, impedimenti, preclusioni, è nel nome di Gesù che quest’uomo è introdotto oramai nella pienezza della vita nuova, è nel nome di Gesù che Israele è evangelizzato. Israele è introdotto nella novità definitiva dell’alleanza: nel nome di Gesù. Pietro si rivolge a quel tale, si rivolge a Israele. E’ la prima evangelizzazione a Gerusalemme, la evangelizzazione d’Israele. Da un lato c’è lo storpio, lo storpio poi è inseparabile dai due discepoli, Pietro e Giovanni. Fanno addirittura un gruppo unico, un corpo unico, è come un unico ammasso, sono inconfondibili: quel che vale per lui vale per noi, non si sa più chi è lo storpio e chi è invece il personaggio saltellante. Quel servo glorificato è risorto dai morti per voi e voi oggi nel nome di Gesù siete invitati a divenire profeti, siete invitati a invocare voi il nome di Gesù, a entrare voi in comunione con Gesù, quel servo glorificato. Come? Vedete lo storpio? Siamo noi oggi qui, un segno per Gerusalemme. «E’ nel nome di Gesù di Nazaret che è il Messia, che voi avete crocifisso e che Dio ha risuscitato dai morti, che costui vi sta innanzi sano e salvo»..

LA STABILITA’, LA POVERTA’, L’ACCOGLIENZA

Nel corso di questi primi 5 capitoli compaiono 3 testi che sono spesso definiti “sommari”. Essi descrivono la realtà della prima comunità dei discepoli. Sono pochi versetti, ma molto densi e misteriosi e, a loro modo, preoccupanti. Abbiamo l’impressione che il nostro evangelista stia dipingendo per noi una icona. Sono tre grandi dimensioni costitutive della vita nuova, della vita cristiana, della profezia cristiana, dell’evangelo. Uno stato di vita alternativo rispetto alla perdizione a cui gli uomini sono abituati nel senso di obbedienza alla morte. Ecco, il primo sommario, 2,42-48. Per ciascuno di questi 3 brevi testi vorrei cogliere uno spunto essenziale con qualche annotazione di contorno.

La stabilità

«Erano assidui nell’ascoltare l’insegnamento degli apostoli, nell’unione fraterna, nella frazione del pane, nelle preghiere». E’ bene insistere su questa assiduità. Il verbo proskartereo, usato qui, ritorna nel v. 46: tutti insieme frequentavano il tempio ecc. Questa assiduità, questa continuità, questa stabilità. Mi sembra che sia necessario cogliere questo aspetto come fondamentale: la vita nuova, alternativa, è caratterizzata da una sua intrinseca stabilità. Stabilità è un termine applicato dall’esterno a questo testo, è una forzatura, ma una forzatura che esprime i limiti della nostra lettura e anche la necessità di assumere un impegno di lettura profetica. Ebbene, la stabilità nella rivelazione biblica ha normalmente a che fare con quella che noi chiameremmo regalità. La stabilità riguarda il trono, riguarda colui che siede sul trono e che è in grado di esprimere il valore di un riferimento incrollabile nello spazio e nel tempo. Luca, e siamo appena alla fine del cap. 2, dà grande valore a questa nota regale della vita nuova: essa è dotata di stabilità, è un nuovo stato di vita. Non è soltanto la famosa etichetta, ma non è nemmeno la grande emozione, il fatto singolo. L’evento si è compiuto, si. Ma adesso è in questione la salvezza in quanto stato di vita. Stabile. Erano assidui. La stabilità viene articolata lungo 4 direttrici.
Erano assidui nell’ascoltare: l’insegnamento degli apostoli, la comunione, la frazione del pane, le preghiere. Queste 4 note caratteristiche della vita cristiana nel suo primo configurarsi meritano un’attenzione specifica e dettagliata, ma tutte e 4 queste indicazioni fanno capo all’ assiduità: erano assidui, erano stabili, coerenti, la loro regalità, quella che oramai è divenuta la loro prerogativa regale. I versetti seguenti ci aiutano a precisare meglio. «Un senso di timore era in tutti e prodigi e segni venivano per opera degli apostoli. Tutti coloro che erano diventati credenti stavano insieme e tenevano ogni cosa in comune. Chi aveva proprietà e sostanze le vendeva e ne faceva parte a tutti secondo il bisogno di ciascuno».
Sono 3 versetti che ci aiutano a cogliere la novità del rapporto con l’ambiente circostante. E’ un testo da contemplare. C’è un rapporto con l’ambiente che è intrinsecamente trasformato, convertito, filtrato, passato attraverso la pasqua di morte e resurrezione. Un rapporto con l’ambiente che è stabilito nella novità. Si dice nel v. 44 che: tutti coloro che erano divenuti credenti stavano insieme e tenevano ogni cosa in comune. Qui si intende la fede come radicamento su un terreno solido. Quei tali sono credenti insieme, stavano insieme, tenevano ogni cosa in comune. Stanno sullo stesso fondamento, dice così la lettera del testo, e condividono la diversità. Il fatto di potersi stabilire sullo stesso fondamento li rende capaci di condividere la diversità. Non è lo stesso che abolire la diversità. E’ condividerla nella stabilità che è data nell’unico fondamento. E chi aveva proprietà e sostanze le vendeva e ne faceva parte a tutti, secondo il bisogno di ciascuno. E’ la diversità propria che è divenuta un’occasione di incontro e di condivisione con gli altri.
Nei versetti 46-47 l’attenzione viene spostata verso il popolo d’Israele con il suo particolare significato: «Ogni giorno tutti insieme frequentavano il tempio». E’ il tempio di Gerusalemme, là dove salgono i fedeli del popolo d’Israele: «Ogni giorno tutti insieme frequentavano il tempio re spezzavano il pane a casa, prendendo i pasti con letizia e semplicità di cuore, lodando Dio e godendo la simpatia di tutto il popolo». Il riferimento al tempio è dolcemente contrastato dal riferimento alla consuetudine di ritrovarsi casa per casa a spezzare il pane. E’ un riferimento all’eucarestia, l’eucarestia accompagnata dai canti alleluiatici, è eucarestia celebrata in allegrezza e in atteggiamento di gratitudine: lodando Dio e godendo la simpatia di tutto il popolo. Questo termine “simpatia”, per un verso è da intendere come il favore gratificante che ricevono da parte del popolo, per un altro verso è da intendere come gratitudine. Sono radicalmente inseriti nel popolo d’Israele, ma già sono depositari di una pienezza che provoca tensioni, di cui poi il racconto che segue ci darà il riscontro oggettivo. E in ogni caso sono animati da una inesauribile gratitudine nei confronti di quel popolo d’Israele, che è il loro, a cui essi appartengono. E’ il popolo d’Israele, il popolo del tempio, dell’alleanza, dell’esodo, è il popolo verso il quale là dove viene celebrata l’eucarestia, è costantemente rivolto il ringraziamento dei discepoli del Signore. Sono solo degli accenni, ma è proprio vero: ogni diversità è motivo di condivisione, e ogni diversità diventa arricchimento della vita altrui, così come ci si arricchisce della diversità altrui. E questo riguarda il modo di essere inseriti nel mondo in rapporto alle creature di Dio, tutte nella loro originalità, e questo riguarda il rapporto che resterà sempre particolare e unico imprescindibile con il popolo d’Israele.
v. 48: «Il Signore aggiungeva ogni giorno alla comunità quelli che erano salvati”. Cresce la prima comunità dei discepoli, cresce nella fecondità del dono profetico per la salvezza, quel dono profetico che si esplicita mediante l’invocazione del nome.
Il dono profetico che si esprime mediante l’invocazione del nome di Gesù realizza quel nuovo stato di vita che si chiama salvezza. E’ uno stato di vita caratterizzato da una stabilità originalissima, per cui oramai sempre e dappertutto c’è da condividere quel che è proprio della diversità. Per questo sono stabili, per questo sono assidui, per questo sono radicati in una situazione che oramai è definitivamente consolidata, perché non c’è più una istanza vitale, non c’è un’occasione, una esperienza, un vissuto che non sia condivisibile e che non sia occasione di crescita nella condivisione. Sono stabili oramai. Non hanno più da temere, ma non hanno più nemmeno da programmare gran che, là dove la vita nuova è costituita nella sua stabilità. Ogni novità sarà conferma di quella inesauribile apertura alla condivisione che oramai la salvezza ha conferito a coloro che hanno intrapreso il cammino della conversione e sono stati battezzati.

La povertà

Capitolo 4, vv. 32-35. C’è una seconda dimensione: la povertà. E’ un termine da cui non possiamo mai prescindere. Dopo il fatto dello storpio che è stato introdotto nel tempio, i discepoli vengono rimessi in libertà (4,23ss), si raccolgono insieme con gli altri, pregano. v. 29: pregano chiedendo di essere custoditi dallo sguardo del Signore, dal momento che su di loro sono invece puntate le minacce di coloro che vorrebbero aggredirli: «Concedi ai tuoi servi di annunziare con tutta franchezza la tua parola. Stendi la mano perché si compiano guarigioni, miracoli e prodigi nel nome del tuo santo servo Gesù».
Chiedono quello sguardo, e chiedono l’intervento di quella mano che consentano ad essi di essere in comunione con il santo servo Gesù, colui che, rifiutato, ha riportato vittoria, colui che escluso e inchiodato, è divenuto sorgente di vita nuova per tutti gli uomini. Hanno a che fare con una posizione di vita che è di per sé indifesa e sguarnita, è la condizione di vita del santo servo Gesù, ed è la condizione di vita che oramai riguarda tutti quanti loro, in quanto sono coinvolti nella comunione con il Figlio crocifisso e glorificato, il santo servo Gesù.
Non c’è dubbio: una vita indifesa e sguarnita, a questo punto, è una vita meravigliosa. Stendi la mano perché si compiano guarigioni, miracoli e prodigi nel nome del tuo santo servo Gesù. Una vita meravigliosa proprio perché è puntualmente confermata, intimamente sigillata nella comunione con la vita del Figlio, che, indifeso e disarmato, è passato in mezzo a noi, ha subito tutte le conseguenze del rifiuto più violento fino alla morte ed ha riportato vittoria nella gratuità della sua figliolanza condivisa. A partire da questa richiesta c’è come un rinnovarsi della pentecoste, v. 31, ecco v. 32: «La moltitudine di coloro che eran venuti alla fede aveva un cuore solo e un’anima sola e nessuno diceva sua proprietà quello che gli apparteneva, ma ogni cosa era fra loro comune. Con grande forza gli apostoli rendevano testimonianza della risurrezione del Signore Gesù e tutti essi godevano di grande simpatia. Nessuno infatti tra loro era bisognoso, perché quanti possedevano campi o case li vendevano, portavano l’importo di ciò che era stato venduto e lo deponevano ai piedi degli apostoli; e poi veniva distribuito a ciascuno secondo il bisogno».
Notiamo l’accenno a una unità di propositi. Coloro che sono venuti alla fede, coloro che sono impiantati su quell’unico fondamento, avevano un cuore solo e un’anima sola. Dunque unità di intenti, di progetti, di sentimenti, unità di propositi. E notate ancora il riferimento agli apostoli, e, più esattamente, alla grandezza degli apostoli. v. 33: con grande forza gli apostoli rendevano testimonianza. La grandezza, la magnificenza. Questa terminologia diviene più facilmente comprensibile se teniamo conto del magnificat, il cantico della Madre del Signore: l’anima mia proclama la grandezza del Signore. E’ il cantico della creatura che, là dove non pretende più di essere nient’altro che creatura, porta in sé e offre attraverso di sé, la rivelazione del creatore. Tutto di Dio diviene presente là dove abbiamo a che fare con una creatura che non ha nessun altra prerogativa, nessun altra intenzione, nessun altro progetto, nessun altro proposito se non quello di essere quella creatura che è, in quanto creatura appartiene al creatore, una creatura che proprio perché è tale è la rivelazione della grandezza, della maestà, della magnificenza del Dio vivente.
La grande forza degli apostoli è da comprendere in rapporto al Magnificat di Maria santissima. E’ la grandezza delle creature che, là dove si offrono per quelle che sono, divengono inconfondibili sacramenti del creatore.
Gli apostoli sono citati in questo sommario come i mediatori di quel meccanismo che prevede l’intervento a vantaggio di coloro che sono bisognosi, la rinuncia ai propri beni di coloro che sono abbienti, e cosi via.
Noi siamo portati a quantificare queste posizioni e anche a organizzare questo tipo di spostamento da una posizione abbiente alla posizione del bisogno e viceversa. Io ho proprio l’impressione che qui dobbiamo rimanere attenti a rimanere in atteggiamento contemplativo, mirando altrove. Gli apostoli sono i mediatori di tutta questa vicenda, ai piedi degli apostoli tutto viene deposto, in quanto proprio loro stessi sono esperti per quanto riguarda la condizione del bisogno. Gli apostoli qui non sono citati come i tecnici della distribuzione, ma in quanto bisognosi e quindi svolgono una funzione che è di loro competenza per quanto concerne lo svuotamento dei beni. L’attenzione contemplativa, che il nostro evangelista Luca vuole educare in noi lettori, ci orienta a scoprire che la povertà è divenuta indifesa, sguarnita, disarmata. La povertà è divenuta un atto di obbedienza alla gratuità del mistero di Dio.
Gli apostoli non sono citati come i tecnici della redistribuzione dei beni, ma sono citati in quanto poveri. La povertà si configura come il nuovo stato della vita cristiana. Una situazione di povertà che è intrinseca, costitutiva, nel nuovo stato della vita cristiana, povertà come affidamento alla gratuità di Dio, del suo mistero, della sua opera, gratuità della presenza altrui, gratuità di quanti si prenderanno cura di te.
Il caso del bisognoso non è citato come quella situazione marginale e pericolosa a cui bisogna ovviare. Queste sono preoccupazioni nostre, perché noi siamo radicalmente condizionati dalla convinzione che la povertà sia di per sé un dato negativo. Il brano biblico va in un’altra direzione. La grandezza è proprio là dove la creatura umana, nella sua povertà, si consegna, si affida, non si appartiene più. Questa povertà diventa intrinseca testimonianza della novità cristiana, della fiducia in Dio e nel suo regno, nella novità che da Dio è stata introdotta nella storia umana, diventa affidamento e anche obbedienza alla gratuità della presenza altrui. Non si evangelizza perché si raccoglie la propria ricchezza per andare incontro ai poveri, ma si evangelizza perché nella povertà ci si consegna.
L’aiutare i poveri è secondario. Il punto è nell’essere poveri. L’affidamento alla gratuità dell’opera di Dio diviene motivo di incoraggiamento, di consolazione, di conversione, anche motivo di provocazione per tutti coloro di cui si ha bisogno. Consegnarsi come bisognosi. Questo è il tema costitutivo della novità cristiana. Non garantirsi la ricchezza così che possiamo aiutare i poveri, ma consegnarsi come bisognosi. Questa è la novità.
Subito dopo c’è il caso di Giuseppe (v. 36), detto Barnaba, e poi c’è il caso di Anania e di Saffica. Questo seguito, fino a 5,11 è da mettere in stretta connessione con il secondo sommario che abbiamo appena letto.
Barnaba si rallegra di poter stare là dove stanno gli apostoli, ai piedi degli apostoli. Là depone il suo campo che ha venduto: stare là dove si trovano gli apostoli. Stare in quella posizione. Il punto non è tanto fare la buona azione, ma stare là dove stanno gli apostoli, in quella condizione di bisogno che mi espone e che mi affida alla gratuità del disegno realizzato da Dio attraverso questa novità che investe il cuore degli uomini.
Barnaba si espone a quella stessa povertà di cui gli apostoli sono l’espressione strutturale, ufficiale, costitutiva della chiesa. Dico nella chiesa, perché per la prima volta nel cap. 5 appare il termine ekklesia, proprio in rapporto alla povertà. Il caso di Anania e Saffica è il caso esemplare in senso opposto: la diffidenza nei confronti dell’amore. Non si fidano dell’amore. Si tratta per loro di un cedimento rispetto al dominio della morte. La loro stessa nuzialità è una nuzialità per la morte. Il testo ci tiene a rimarcare questo fatto: una nuzialità per la morte, ed è invece lo Spirito del Signore che è geloso della sposa di Cristo, che è la ekklesia. Vedete qui in 5,9: «Allora Pietro le disse: Perché vi siete accordati per tentare lo Spirito del Signore?».Lo Spirito del Signore è colui che rivendica la dignità della sua sposa, è la sposa di Cristo, è la ekklesia (v. 11): «un grande timore si diffuse in tutta la Chiesa e in quanti venivano a sapere queste cose». E’ la prima volta che compare questo termine negli Atti degli apostoli, compare in rapporto al caso di Anania e Saffica, al caso di una nuzialità rattrappita dentro i meccanismi della morte. La chiesa, sposa di Cristo, di cui lo Spirito del Signore è geloso custode, si consegna invece nella povertà del suo stato di bisogno. E si consegna allo sposo, al creatore, a Dio, si consegna alla storia e al mondo, si consegna agli uomini chiamati a vita nuova. Come sarebbe mai possibile testimoniare la novità della vita cristiana, quella novità che evangelizza, se non là dove i discepoli del Signore non si consegnano nella povertà?
Questo loro consegnarsi nella povertà fa tutt’uno con la loro testimonianza di piena appartenenza al mistero glorioso del Signore vivente che coinvolge il cuore umano in una nuova capacità d’amore e di comunione.

L’accoglienza

Subito dopo c’è il terzo sommario 5,12-16: «Molti miracoli e prodigi avvenivano fra il popolo per opera degli apostoli». Terza dimensione: l’accoglienza. C’è qui un accenno alla operosità del servizio. «Tutti erano soliti stare insieme nel portico di Salomone; degli altri, nessuno osava associarsi a loro, ma il popolo li esaltava». Li magnificava, riconosceva la loro grandezza, la grandezza della creatura che nella sua povertà è affidata al creatore e la grandezza di quella creatura che nella sua povertà è affidata all’amore altrui. Non c’è evangelizzazione possibile se non ci si affida poveramente all’amore altrui, non c’è evangelizzazione possibile, profezia. Non c’è novità di vita se non ci si affida alla propria povertà di bisognosi all’amore altrui.
Non si va ad evangelizzare perché qualcuno ha bisogno dell’amore nostro. Questo è anche vero, ma questo diventa molto marginale. Si va ad evangelizzare perché ci si affida all’amore che sarà donato, sarà suscitato, che lo Spirito di Dio, nella sua inesauribile fecondità genera nel cuore umano.
E adesso l’operosità del servizio. Attorno agli apostoli c’è un certo turbamento, c’è movimento di gente in difficoltà, cresce il tumulto. Portavano uomini e donne sulle piazze, ammalati, su lettucci, giacigli, perché: «quando Pietro passava, anche solo la sua ombra coprisse qualcuno di loro. Anche la folla delle città vicine a Gerusalemme accorreva, portando malati e persone tormentate da spiriti immondi e tutti venivano guariti».
Questo affidamento all’ombra di Pietro, questa immagine, è stata ripresa in tanti modi nella tradizione antica e moderna.

La prima evangelizzazione

Nei primi 5 capitoli degli Atti degli apostoli si assiste alla prima evangelizzazione a Gerusalemme. Destinatario di questa prima evangelizzazione è il popolo d’Israele, la prima evangelizzazione riguarda Israele. Per evangelizzazione si intende quella profezia nel nome di Gesù che testimonia la vita nuova di coloro che sono stati a loro volta evangelizzati e che sono in grado di incrociare la vita di altri uomini, e, quindi, di chiamare altri alla relazione con Gesù: relazione con il Figlio di Dio che è risorto dai morti, che si realizza malgrado la distanza, malgrado l’abisso che separa la nostra condizione umana dalla sua realtà glorioso di Figlio intronizzato. Il Figlio ha sconfitto la morte e ora regna nella sua piena maestà. Malgrado la distanza che ci separa da Lui noi siamo coinvolti in una relazione di vita con lui: lo Spirito di Dio realizza questa solidarietà, stringe questo vincolo di comunione tra noi e Lui. E’ così che l’evangelo ci coinvolge in una intimità oramai piena, pregnante, irrevocabile: siamo parenti di Gesù; lo chiamiamo per nome: nel nome di Gesù. La vita umana è trasformata, si converte. Nel nome di Gesù la vita umana assume un nuovo assetto, nuove dimensioni, nuove modalità di relazione, un nuovo impianto.
Coloro che sono stati resi profeti in forza della corrente di Spirito Santo che li ha coinvolti e, quindi, sono abilitati a invocare il nome di Gesù, costoro sono in grado di rivolgersi ad altri. Questo passaggio non è affatto scontato, eppure diviene immediato, urgente, dirompente. La profezia dei primi discepoli del Signore si traduce in un nuovo modo di impostare la relazione con gli altri. E’ il caso dello storpio, il caso di tutti coloro che dimorano a Gerusalemme.
Negli Atti, questa prima fase della grande avventura è ricapitolata all’interno del popolo d’Israele. Gesù è il Messia è il Messia d’Israele. E’ vero che non mancano momenti di incomprensione, tensione, conflitto, ma cap. 5, vv. 41-42: «essi se ne andarono dal sinedrio lieti di essere stati oltraggiati per amore del nome di Gesù. E ogni giorno, nel tempio e a casa, non cessavano di insegnare e di portare il lieto annunzio che Gesù è il Cristo».
Nel nome di Gesù, ogni giorno non cessavano di insegnare e portare l’evangelo che Gesù è il Cristo. Coloro che man mano vengono interpellati, coloro che aderiscono a questo invito, intraprendono il cammino di una vita nuova, ancora in modo incerto e stentato, ma si tratta comunque della vita battesimale, vita di comunione con Gesù, Messia e Signore, che è morto e che è risorto, che è vivente, che è intronizzato nella gloria.

http://www.incontripioparisi.it


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 24/04/2017 da in ITALIANO con tag , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.373 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
aprile: 2017
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

  • 150,965 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Adviento Africa Afrique Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Colombia Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Italia Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro dell'esodo Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Nigeria Noël October Oração Pace Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: