COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

Lectio della III Domenica di Pasqua (A)

Lectio della III Domenica di Pasqua (A)Luca 24,13-35

lo riconobbero allo spezzare del pane.jpg

Lo riconobbero nello spezzare il pane (Lc 24,13-35) 

Gli apostoli rendono testimonianza della Resurrezione di Gesù. Lo fanno perché sono stati coinvolti in prima persona dall’evento, e se è vero che non hanno assistito “in diretta” all’avvenimento dell’uscita dal sepolcro hanno tuttavia visto il loro Signore redivivo che appariva loro, così come a tante altre persone (oltre 500, dice la Scrittura). Sono insomma testimoni oculari della Resurrezione e per questo sono attendibili su quanto affermano.

Del resto, quale motivo avrebbero avuto di narrare un fatto immaginoso o inventato? Perché avrebbero dovuto subire la costante persecuzione di chi, come i Giudei, voleva ucciderli, se il loro messaggio non fosse stato veritiero?

Ascoltare loro vuol dire quindi ricevere un messaggio reale di salvezza che si coltiva attraverso la fede: per dirla con Paolo, essi annunciano la Resurrezione perché tutti abbiano fede e abbiano la vita eterna e la salvezza e codesto annuncio non scaturisce affatto dalle invenzioni o dalle sottili speculazioni della razionalità, bensì dalla testimonianza oculare effettiva e per questo è degno di ascolto.

Fra tutte le testimonianze della Resurrezione, quella di Pietro emerge in modo particolare per importanza e profondità: il Primo apostolo, infatti, annuncia oltre che l’evento, anche il suo significato: Cristo è risorto perché non era possibile che la morte avesse potere su di lui; la resurrezione vince cioè la morte e la priva di consistenza, ragion per cui la Resurrezione è garanzia di vita per tutti.

Al cap. 3 dello stesso libro Pietro sottolinea come la resurrezione sia importante anche per coloro che preferiscono la morte alla vita: “Avete chiesto che vi fosse graziato un assassino, e avete ucciso l’autore della vita”; tuttavia “Dio lo ha resuscitato” e di questo noi siamo testimoni”.

La fede nella resurrezione – acme e culmine del credo cristiano – è necessaria quindi per la vita e la salvezza di tutti e per questo occorre che tutta l’umanità ne sia destinataria; ed è questa la ragione per cui, ancora oggi la Chiesa si organizza in molteplici strutture per poterla annunciare specialmente alle etnie e alle popolazioni che non conoscono il Salvatore.

L’annuncio va rivolto anche ai poveri, ai diseredati, agli emarginati, abbandonati e oppressi dalle continue ingiustizie di questo secolo, affinché in tutti i problemi gli uomini trovino speranza e motivo di fortezza trovando la motivazione per poter credere in se stessi e vincere tutte le lotte; è necessario annunciare la Resurrezione di Cristo ovvero di Dio che entra nella storia dell’uomo e si interessa delle sue vicende affinché tutti trovino coraggio, forza e speranza nello stesso Signore realizzando in pienezza la loro vita attuale per poi trovare la vita senza fine al temine di questo corpo.

L’annuncio apostolico va rivolto anche a noi che operiamo pastoralmente (sacerdoti, catechisti e laici impegnati) per riscoprire di essere anzitutto noi stessi destinatari di tale evento salvifico affinché non ci appropriamo di un argomento che non ci appartiene ma che ci è stato affidato come oggetto di annuncio, al quale dobbiamo stare fedeli. E ciò con la finalità che non ci vantiamo della nostra presunta competenza orale, organizzativa o caratteriale ma riconosciamo che tutte le capacità derivano da Dio e dallo stesso Cristo che ci ha resi latori del medesimo messaggio.


v.14: Dal canto suo, mentre noi dimentichiamo perfino di essere stati salvati e redenti dalla Resurrezione, Cristo continua ad affascinarci e ad incutere arsura di cuore verso la sua parola, e avviene adesso proprio quello che capitava sulla via di Emmaus: i discepoli parlavano fra di loro di un avvenimento che probabilmente aveva sconvolto l’intero paese, di un fatto straordinario tipico di quelli che ancora oggi, al loro verificarsi, suscitano la meraviglia, lo stupore e il vociferare della gente, che non manca mai di accrescere il sensazionalismo attraverso ulteriori invenzioni, fantasie e pettegolezzi, specialmente nei paesini più piccoli… “Sai cos’è avvenuto?”… “E’ successo questo, quello…” “La colpa è di questo, di quello”.

v.17: Sempre similmente a quanto avviene nelle conversazioni attuali di paese, nessuno dei due discepoli si sofferma sugli aspetti positivi del fatto narrato, ovvero sullo spessore di gioia e di salvezza che esso apporta a tutta l’umanità, o sulla meraviglia di un Dio che vince la morte. Anzi, addirittura i due discepoli mostrano di non aver compreso nulla della Resurrezione e neppure dello stesso Gesù Cristo, quando affermano: ” Noi speravamo che fosse lui a liberare Israele” perché la durezza del cuore e l’ostinazione sono per loro di ostacolo a capire che la liberazione di Israele è avvenuta proprio con la Resurrezione!

v.21: Tutto questo perché? Per il fatto che non avevano aperto il cuore alla fede, all’accoglienza del mistero di Dio e a quanto la Scrittura aveva detto di lui, del Signore morto e risorto. Insomma, nonostante fossero stati amici del Signore, non avevano compreso nulla di lui e si erano fermati al solo aspetto materiale di questa amicizia.

v.25: Ciò nondimeno il Signore li affascina rivelandosi per quello che egli è – attenzione! – non rivelandosi immediatamente ma inducendoli ad innamorarsi essi stessi dell’evento, cioè chiamando in causa la Scrittura.

Come avevamo detto negli scorsi interventi, non basta che Gesù abbia salvato l’uomo, e neppure che si divulghi l’annuncio della salvezza; e non sarebbe sufficiente neppure che Cristo ci apparisse davanti da risorto in tutta la sua concretezza: se infatti non si accoglie nella fede il dono della salvezza nell’evento Risurrezione e ci si ostina a chiudere il cuore e la mente nell’ottusità o nel solo lato materiale della faccenda, si pone un effettivo nonché immediato diniego al dono che Dio ci fa’ di se stesso. E ciò solo a nostro discapito.

Ma come dicevamo sopra, la Parola di Dio in Cristo è sempre affascinante e supera le miserie e le freddezze umane mostrandosi sempre vittoriosa…

Maria Chiara Zulato
http://www.figliedellachiesa.org


 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 27/04/2017 da in Anno A, ITALIANO, Lectio della Domenica, Liturgia, Pasqua con tag , .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.360 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com
aprile: 2017
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

  • 139,096 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Africa Afrique Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Colombia Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cristãos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Italia Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro dell'esodo Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Nigeria Noël October Oração Pace Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Pedofilia Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: