COMBONIANUM – Spiritualità e Missione

Blog di FORMAZIONE PERMANENTE MISSIONARIA – Uno sguardo missionario sulla Vita, il Mondo e la Chiesa MISSIONARY ONGOING FORMATION – A missionary look on the life of the world and the church

​Sulle tracce della Vergine

Tra archeologia e tradizione, da Nazareth a Loreto la mappa dei luoghi della vita della Madonna

Annunciazione, dipinto di Lorenzo di Credi conservato alla Galleria degli Uffizi di Firenze2003Lorenzo di Credi1479-1537 ca.Firenze – Galleria degli Uffizi

​La tradizione neotestamentaria riserva poco spazio alla figura di Maria; la prima attestazione storica in ordine cronologico che ci è nota è contenuta nella Lettera ai Galati scritta da san Paolo tra il 48 e il 49, che accenna brevemente alla madre di Cristo, pur senza nominarla.

Nel Vangelo di Marco e in quello di Giovanni, la madre di Gesù è nominata solo due volte in ciascuno. Il Vangelo di Marco, reputato il più antico dei quattro, ci dice che il suo nome era Maria e la ricorda una volta come presente alla predicazione del figlio. Non si è invece certi che fosse presente alla Crocifissione e presso il sepolcro, in quanto di una Maria nominata tra quelle che avevano accompagnato Gesù negli anni precedenti non si specifica che fosse sua madre. Giovanni non la chiama mai per nome, ma accenna a lei nell’episodio delle nozze di Cana e si dice certo della sua presenza alla Crocifissione. Maggiori notizie si trovano invece in Matteo e in Luca, i cosiddetti “Vangeli dell’infanzia”. Pur essendo stati scritti entrambi alcuni decenni dopo la morte di Cristo, sono diversi per quanto riguarda la personalità e le vicende degli autori. Matteo era uno degli apostoli che accompagnarono Gesù, e dunque la sua è una testimonianza diretta; tuttavia, l’originale aramaico del testo, scritto probabilmente intorno alla metà del secolo, è andato perduto, e noi lo leggiamo in una versione greca posteriore, anche se di poco, al 70.

Molto diversa la figura di Luca, un medico di origine siriaca convertitosi al cristianesimo solo alcuni anni dopo la morte di Gesù, ma che offre la narrazione più dettagliata, basandosi a suo dire su ricerche accurate e testimonianze. I due testi si soffermano piuttosto a lungo sull’Annunciazione di Gabriele a Maria, sulla Concezione e sui primi anni di vita, mentre nessuno dei due nomina Maria come presente alla Passione. In ogni caso, anche in questi testi il suo ruolo non è mai centrale. Vi sono tuttavia luoghi che commemorano la presenza di Maria durante la Passione e presso il Calvario, come peraltro immaginato da tanti affreschi e dipinti. La chiesa di Nostra Signora dello Spasimo di Gerusalemme è a sessanta passi dalla Porta Giudicaria, scenario della settima stazione della Via Crucis con la seconda caduta di Cristo…

di Franco Cardini
https://www.luoghidellinfinito.it
Maggio 2017

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 10/05/2017 da in Fede e Spiritualità, ITALIANO, Vergine Maria.

  • 660.921 visite
Follow COMBONIANUM – Spiritualità e Missione on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Unisciti ad altri 768 follower

San Daniele Comboni (1831-1881)

COMBONIANUM

Combonianum è stato una pubblicazione interna di condivisione sul carisma di Comboni. Assegnando questo nome al blog, ho voluto far rivivere questo titolo, ricco di storia e patrimonio carismatico.
Il sottotitolo Spiritualità e Missione vuole precisare l’obiettivo del blog: promuovere una spiritualità missionaria.

Combonianum was an internal publication of sharing on Comboni’s charism. By assigning this name to the blog, I wanted to revive this title, rich in history and charismatic heritage.
The subtitle
Spirituality and Mission wants to specify the goal of the blog: to promote a missionary spirituality.

Sono un comboniano affetto da Sla. Ho aperto e continuo a curare questo blog (tramite il puntatore oculare), animato dal desiderio di rimanere in contatto con la vita del mondo e della Chiesa, e di proseguire così il mio piccolo servizio alla missione.
I miei interessi: tematiche missionarie, spiritualità (ho lavorato nella formazione) e temi biblici (ho fatto teologia biblica alla PUG di Roma)

I am a Comboni missionary with ALS. I opened and continue to curate this blog (through the eye pointer), animated by the desire to stay in touch with the life of the world and of the Church, and thus continue my small service to the mission.
My interests: missionary themes, spirituality (I was in charge of formation) and biblical themes (I studied biblical theology at the PUG in Rome)

Manuel João Pereira Correia combonianum@gmail.com

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d’autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all’immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Categorie

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: