COMBONIANUM – Formazione Permanente

UNO SGUARDO MISSIONARIO SUL MONDO E LA CHIESA Missionari Comboniani – Formazione Permanente – Comboni Missionaries – Ongoing Formation

​Il potere del sì

​Quando mi rivolgo a Maria di Nazareth, come tutti, cerco aiuto. Ricorro a Lei non solo come protezione da pericoli e calamità, ma come luce che indica il cammino, come conferma delle mie scelte, perché siano – come la sua – orientate all’obbiettivo di restare unita a Dio.

Insomma la vedo e la penso come Donna prima che Vergine, Madre e Sposa. Spinta dall’emergenza antropologica che caratterizza il mio tempo, cerco in lei la risposta alla domanda “virale”: com’è la donna? Donna Maria, così la chiama in pubblico suo figlio. Donna come Eva prima della scelta. Tutte e due uscite stupende dalle mani del Creatore, tutte e due poste di fronte a una scelta d’amore. Eva nel giardino di fronte all’albero, Maria nella sua casa di fronte a un angelo. Due “intermediari” latori del messaggio che Dio invia a ogni creatura: «mi vuoi»?

Se è vero che di Eva e della sua scelta siamo edotti dalla cruda realtà – per non poter sfuggire alla morte, al dolore, all’ingiustizia e tutta la sequela di guai terreni che Amleto elenca in tono poetico – a me sembra altrettanto vero che della scelta di Maria, che ci ha riaperto la possibilità originaria di essere uniti a Dio, non abbiamo la stessa evidenza.

Con il suo “sì” alla proposta di Dio, Maria conferma la struttura umana: è la donna come il Creatore l’ha pensata e voluta. Perfetta nell’umanità, non è sciupata dal peccato, ma è donna, non dea né angelo. E tuttavia nei secoli non ha aiutato una devozione che esaltandone la perfezione ha finito per allontanarla. Tota pulcrha, troppo bella: chi può essere come lei?

E invece il suo sì riafferma ciò che era al principio (cfr. Mt 19,8), riafferma la relazione tra Dio e la creatura che gli somiglia. Grazie a Maria ancora una volta è possibile – anche se tanto più difficile – quel modo di essere donna che era all’inizio in mente Dei.

Uno schema finora poco esplorato, che può essere particolarmente interessante in tempi nebbiosi sull’identità dell’essere umano femminile. La donna è il soggetto nuovo sulla scena del mondo, da quando ha conquistato una presenza di pari livello con l’uomo. In cerca di tracce per un suo identikit mi colpiscono due eventi recenti. A Pechino, nel 1995, la Conferenza Onu sulla donna trasmette e consacra un mandato nuovo, l’empowerment della donna. Magnifico, ma accessorio. Se mancano le misure e le forme della persona è come mettere un vestito di Dior su un manico di scopa. A dicembre 2016 il “National Geographic” esce con Maria in copertina e titola “La donna più potente del Mondo”.

Interessante: il potere finora inteso come prerogativa ed espressione del maschile – e reclamato dalle donne come attitudine da clonare – viene riconosciuto, da una fonte estranea alla cultura mariana, in una donna che non corrisponde in nulla alle istanze affermate dal combattente femminismo.
Lei: sposa, madre e per di più vergine. Fedele per sempre. Presente ovunque sia necessario ma defilata. Iniziatrice di un metodo di indagine su persone ed eventi che produce conoscenze certe attraverso l’osservazione silenziosa e la gestione dei dati tra ragione e cuore. Forte senza contare sui muscoli, tanto da reggere in piedi il supplizio del figlio e tenere schiacciata a terra la testa del drago. Insomma non femminuccia ma diversamente forte e potente. Il suo potere non distrugge, “serve” sempre a vivere e a vivere bene.

Una leggenda devozionale? Un’illusione consolatoria consolidata nei secoli come un mito? Non proprio. I testimoni della sua vita raccontano episodi in cui è lei che comanda. Il viaggio – irrituale e pericoloso – dalla cugina Elisabetta: il marito acconsente. La richiesta al figlio di salvare la festa degli amici di Cana: Gesù acconsente. La capacità di organizzare il gruppo di donne – entusiaste ma disparate – che fornisce logistica a Gesù: il gruppo funziona. La maestosa forza aggregante con cui tiene unito un gruppo di uomini sconvolti e spauriti per lunghi giorni dopo la scomparsa di Gesù, fungendo da primo – non proclamato – capo della Chiesa.

Interessante, conviene pensarci, sarebbe bello capire e magari applicare la formula nuova di donna “ritrovata”.

di Marta Brancatisano
https://www.luoghidellinfinito.it
maggio 2017

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 11/05/2017 da in Fede e Spiritualità, ITALIANO con tag .

San Daniele Comboni (1831-1881)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.347 follower

Follow COMBONIANUM – Formazione Permanente on WordPress.com

  • 134,725 visite

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica. Immagini, foto e testi sono spesso scaricati da Internet, pertanto chi si ritenesse leso nel diritto d'autore potrà contattare il curatore del blog, che provvederà all'immediata rimozione del materiale oggetto di controversia. Grazie.

Tag

Aborto Advent Advento Africa Afrique Alegria Ambiente America Amor Amore Amoris laetitia Anthony Bloom Arabia Saudita Arte Arte cristiana Arte sacra Asia Bibi Ateismo Avent Avvento Bellezza Benedetto XVI Bibbia Bible Biblia Boko Haram Book of Genesis Bruno Forte Capitalismo Cardinal Newman Carême Chiamate in attesa Chiesa China Chrétiens persécutés Church Cibo Cina Cinema Confessione Contemplazione Cristianesimo Cristiani perseguitati Cristianos perseguidos Cristãos perseguidos Cuaresma Cuba Cultura Curia romana Daesh Dialogo Dialogo Interreligioso Dialogue Dio Diritti umani Domenica del Tempo ordinario (A) Domenica del Tempo Ordinario (C) Domenica Tempo ordinario (C) Donna Ecologia Economia Ecumenismo Enciclica Enzo Bianchi Epifania Estados Unidos Eucaristia Europa Evangelizzazione Fame Famiglia Famille Family Família Fede Fondamentalismo France Gabrielle Bossis Gender Genesi Gianfranco Ravasi Giovani Giovedì Santo Giubileo Gregory of Narek Guerra Guglielmo di Saint-Thierry Gênesis Henri Nouwen Iglesia India Iraq ISIS Islam Jacob José Tolentino Mendonça Kenya La bisaccia del mendicante La Cuaresma con Maurice Zundel La Madonna nell’arte La preghiera giorno dopo giorno Laudato si' Le Carême avec Maurice Zundel Lectio Lectio della Domenica - A Lectio Divina Lent LENT with Gregory of Narek Le prediche di Spoleto Libia Libro del Génesis Libro dell'esodo Libro della Genesi Litany of Loreto Litany of Mary Livre de la Genèse Livro do Gênesis Madonna Magnificat Maria Martin Lutero martiri Matrimonio Maurice Zundel Medio Oriente Migranti Misericordia Mission Missione Morte México Natale Navidad Nigeria Noël October Oración Oração Pace Padre nostro Padri del Deserto Paix Pakistan Papa Francesco Papa Francisco Pape François Paraguay Paul VI Paz Perdono Persecuted Christians Persecution of Christians Persecuzione anti-cristiani Persecuzione dei cristiani Pittura Pobres Pobreza Politica Pope Francis Poveri Povertà Prayers Preghiera Profughi Quaresima Quaresima con i Padri del Deserto Quaresma Quaresma com Henri Nouwen Raniero Cantalamessa Rifugiati Rosary Sacramento della Misericordia Santità Scienza Sconfinamenti della Missione Settimana del Tempo Ordinario Silvano Fausti Simone Weil Sinodo Siria Solidarietà Spiritualità Stati Uniti Sud Sudan Synod Terrorismo Terrorismo islamico Testimoni Testimonianza Thomas Merton Tolentino Mendonça Turchia Uganda Vatican Vaticano Venerdì Santo Viaggio apostolico Violenza Virgin Mary Von Balthasar
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: